WeWork, una storia di successo, segreti e bugie

Novembre 2023, WeWork ha dichiarato bancarotta. negli Stati Uniti. Quattro anni prima, WeWork aveva una valutazione di mercato stimata di EUR 47 miliardi di dollari. Dichiarare bancarotta era un modo per proteggersi legalmente dai creditori. Il suo enorme debito in contrasto con il compenso milionario che il suo fondatore, il carismatico e Adam NeumannCome si è arrivati a questa situazione?

WeWork aveva tutti gli ingredienti per avere il successo che ha avuto nei primi anni di vita. Un leader che era un abile comunicatore e sapeva cosa dire agli investitori per renderli felici. L’israeliano Adam Neumann. Anche l’idea era buona. Stava diventando di moda coworkingun’idea che ha tagliato i costi in acquisto e affitto di uffici. Invece, aziende come WeWork offrivano spazi a pagamento ad un prezzo interessante. Infine, gli investitori erano ansiosi di investire in progetti di questa portata. Il immobiliare è sempre stato un buon investimento e un rifugio sicuro quando non si sa dove investire.

Ma WeWork ha anche messo insieme i pezzi necessari affinché tutto esplodesse. Il denaro facile stava affluendo. Così tanto in così poco tempo. E anche se il progetto era, semplicemente, una società di noleggio uffici. Era avvolta da un’aura di modernità, tecnologia e altre attrazioni che Neumann sapeva vendere molto bene. In terzo luogo, le ambizioni eccessive dello stesso fondatore di WeWork sono state una delle ragioni della fine precipitosa di questo unicorno, che è stato persino protagonista di una miniserie su Apple TV+.

WeWork e il sogno americano

WeWork è nata dalle menti di Adam Neumann y Miguel McKelvey. L’idea è semplice. Un’azienda che offre spazi per coworking. Fisico e virtuale. In altre parole, se si ha una propria azienda e non si può o non si vuole affittare o acquistare spazi per ufficiÈ possibile lavorare in uno spazio affittato per un periodo di tempo limitato. Una novità rispetto al modo tradizionale di affittare. Ma fondata nel 2010, in un contesto di grande crisi economica, l’idea ha funzionato. Una spesa in meno di cui preoccuparsi per la creazione di una startup. E gran parte del successo è stato, in parte, merito delle capacità comunicative di Neumann.

Come curiosità, due anni prima di WeWork, Neumann e McKelvey avevano già avviato un’attività simile, Scrivania verde. Uffici condivisi attraverso il prisma della sostenibilità. Visto che ha funzionato bene, l’idea era di fare le cose in grande con WeWork. E New York era il posto perfetto per affittare uffici. Inoltre, hanno presto trovato degli investitori. Hanno trovato presto degli investitori. Il primo, Joel Schreiberche ha acquistato una quota del 33% della neonata società per 15 milioni di dollari.

L’anno successivo, nel 2011, PepsiCo ha deciso di partecipare indirettamente a WeWork fornendo consulenza a piccole startup che utilizzano i servizi di WeWork. coworking dell’azienda. Come incubatore. Nel 2013, in quattro anni, WeWork contava 350 startup tra i suoi clienti. Nel 2014 era diventata la società di noleggio uffici con la crescita più rapida di New York. E non c’è da stupirsi, visto che ha attirato fondi da investitori come J.P. Morgan Chase o Goldman Sachs, tra gli altri attori principali.

Il successo richiede denaro

WeWork, investimento di SoftBank

Cosa spinge le grandi società di investimento a mettere grandi quantità di denaro nelle mani di persone inesperte? Adam Neumann non ha un curriculum tipico. Nato in Israele, ha iniziato gli studi superiori a New York, negli Stati Uniti, dove vive con la sorella, ex modella adolescente. Ma le sue intenzioni erano fare soldi e divertirsi. Soldi veloci e tanti. Incontra la sua futura moglie, Rebekah Neumann, abbandona gli studi e intraprende una nuova carriera. I Krawlerun’azienda di abbigliamento per bambini. Questo lascerà più debiti che altro. Poi arriveranno Scrivania verdedi cui abbiamo già parlato. E da lì il salto verso WeWork.

LEGGI  Ulefone Armor 24: un mostro "robusto" con una batteria da 22000 mAh!

La chiave del successo di Neumann è la sua capacità di creare l’immagine di un’azienda in cui tutto è grande. Molti feste e attività di gruppoChi organizzerebbe una festa se non fosse per il fatto che la sua attività sta andando così bene? Il successo richiede denaro. Inoltre, la sua idea di gestire WeWork era di offrire cifre esorbitanti per soffocare la concorrenza. A costo di far perdere alla propria azienda più di quanto avesse guadagnato. Qualcosa che intendeva compensare con i soldi degli investitori. A livello personale, Adam Neumman e sua moglie vivevano una vita di lusso ed eccessi. Il suo ufficio personale a New York aveva una sauna. E si spinse fino al punto di acquistare un jet privato del valore di 60 milioni di dollari.

Il problema sarebbe venuto dopo, quando WeWork volle quotarsi in borsa e i dati forniti agli investitori non quadravano. Ma a quel punto l’azienda era già un unicorno, una startup valutata 47 miliardi di dollari entro il 2019. Nove anni dopo il lancio. Entro il 2022, l’azienda aveva quasi 800 spazi di coworking distribuito in 39 paesi. E la sua sede centrale era nel Torre 49 di New Yorkun edificio simbolo con il proprio marchio.

C’è un cattivo odore all’interno di WeWork

Quando nel 2019 il possibilità di quotarsi in borsaLe cuciture di WeWork cominciano a farsi sentire. L’immagine trionfalistica di Adam Neumann non piace a tutti. Alcuni stanno già criticando i suoi eccessi, le sue eccentricità e la stretta relazione tra WeWork e le sue altre attività personali. Per esempio, acquisto di edifici che poi affitta alla propria azienda. O raccogliere su base personale per l’uso commerciale del nome WeWork. Quest’ultimo gli ha fruttato ben 6 miliardi di dollari.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *