Qualcomm prende in giro Apple con l’attore “I’m a Mac”.

Nella sua offerta di chip per i portatili Windows, Qualcomm non ha perso l’occasione di prendere in giro Apple. Durante il Computex Taipei 2024, il chipmaker di San Diego ha presentato uno spot pubblicitario in cui compare Justin Longl’attore di Sono un Macin cui lancia una frecciatina non troppo velata a Cupertino.

A l’annuncio Si vede Long utilizzare un MacBook, assillato da infinite notifiche di macOS. Infastidito, l’attore si rivolge al browser per scoprire dove trovare un PC con processore Snapdragon. Dopo la ricerca, l’attore guarda dritto nella telecamera e dice: “Cosa? Le cose cambiano”.in un riferimento diretto al suo passato di protagonista di una delle pubblicità più ricordate di Apple.

Tra il 2006 e il 2009, Justin Long è apparso in decine di spot pubblicitari Prendi un Macrilasciato dall’azienda di Cupertino. L’attore ha iniziato le clip con il saluto “Ciao, sono un Mac”, mentre John Hodgman interpretava un PC. In tutte le pubblicità, la premessa era che il personaggio di Hodgman risentiva dei numerosi inconvenienti che influivano negativamente sui computer Windows, mentre Long si manteneva immune grazie alle caratteristiche e alla sicurezza dell’hardware Apple.

Video di YouTube

La campagna si è rivelata un grande successo per Apple, che non si è limitata a prendere in giro i problemi dei PC (virus, spyware, inaffidabilità), ma anche il tonico aziendale del software di Microsoft. Il carattere di Io sono un Mac era un giovane uomo vestito con disinvoltura e disinvolto, mentre il PC era un tipo smielato e strutturato che indossava sempre un completo.

Lo spot di Qualcomm cerca di rinvigorire la rivalità tra Mac e PC. Negli ultimi anni questa faida si era abbastanza spenta, ma il fuoco promette di essere riacceso da Windows on ARM e dai PC Copilot+ recentemente annunciati da Microsoft. L’azienda di Redmond sostiene che i computer con Snapdragon X Elite sono più veloci del 58% rispetto ai MacBook Air con M3.

Qualcomm prende in giro Apple con l’attore di Sono un Mac

Video di YouTubeVideo di YouTube

La scelta da parte di Qualcomm dell’attore di Io sono un Mac per prendere in giro Apple è tutt’altro che ingegnoso o originalema ha una sua logica. Con Apple Silicon, Cupertino ha fatto una scommessa su ARM che ha funzionato molto bene. Gli altri operatori del settore devono ora dimostrare che i loro chip sono al livello o al di sopra delle offerte di Apple.

Naturalmente, non riusciranno a ottenere questo risultato solo con uno spot pubblicitario che fa la parodia di Sono un Mac. I chip Snapdragon X Plus ed Elite hanno la complessa missione di dare a Windows on ARM lo slancio che gli è sfuggito per anni. Certo, l’hardware è solo una parte della storia. Il successo della nuova impresa di Microsoft dipende anche da un software all’altezza del compito. Ma è anche un fatto che Qualcomm non sarà l’unico produttore a sviluppare chip per i PC Copilot+. NVIDIA y MediaTek ha recentemente annunciato una partnership per produrre i propri processori per i computer di intelligenza artificiale.

È chiaro che Qualcomm vuole marcare il territorio e sa che Apple è già avanti di diversi anni nello sviluppo dei propri chip ARM. Resta da vedere se Cupertino risponderà alla frecciata lanciata dall’azienda di Cristiano Amon alla WWDC 2024, o se sceglierà di ignorarla.

Qualcomm non è la prima azienda a trarre vantaggio dall’attore di Sono un Mac per prendere in giro Apple. Nel 2021, Intel ha ingaggiato Justin Long per uno spot pubblicitario che metteva a confronto i vantaggi di un PC con i suoi chip con i Mac con M1. Tuttavia, la cosa si ritorse contro l’azienda di Pat Gelsinger. L’azienda ha finito per rendersi ridicola, in quanto la sua strategia di marketing è stata vista come un messaggio di dispetto per l’abbandono di Cupertino.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

LEGGI  Come funziona il controverso sistema di fuorigioco semiautomatico della Coppa del Mondo Qatar 2022
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *