Quando acquistare il primo cellulare di un bambino? Il parere degli esperti

Sono padre di due bambini e, come accade in molte famiglie, ho avuto dei dubbi riguardo a Quando è opportuno acquistare il primo cellulare di un bambino?. Non mi riferisco solo alla condivisione dei dispositivi a casa. È comune che i bambini più piccoli mettere le mani telefoni e tablet di famiglia, un’abitudine che, tra l’altro, merita una stretta sorveglianza. Sto anche parlando di dare loro, per la prima volta, un computer con accesso a Internet che appartenga a loro. Dovrebbe avere il suo numero di telefono e i suoi account personali.

Il più piccolo di casa ha 8 anni. Usa un cellulare senza linea che ho usato diversi anni fa e che ho sostituito con uno più nuovo e più potente. Quando impone il suo innocente monopolio sull’uso di quel telefono, ripetiamo in coro con sua madre: “Ricordati che è di tutta la famiglia! Sua sorella, invece, ha già un cellulare tutto suo. Abbiamo preso questa decisione perché ha compiuto 12 anni e vogliamo essere in contatto con lei quando trascorre molte ore a casa degli amici. Anche se la seguiamo da vicino A volte ci sentiamo incerti sul suo comportamento come utente e internauta: le abbiamo dato il telefono troppo presto?

Per sapere quando acquistare il primo cellulare di un bambino, non c’è modo migliore che essere aperti a informazioni e consigli. In questa rassegna abbiamo consultato specialisti del settore per avere i loro consigli e per aiutarci a rispondere alle domande più frequenti.Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione quando si prende una decisione? La variabile da considerare è principalmente l’età? Inoltre, abbiamo testato uno strumento che, attraverso domande specifiche, aiuta a decidere se il bambino è pronto a utilizzare i dispositivi mobili.

Accompagnare gli adulti, fondamentale quando si acquista il primo cellulare di un bambino

acquistare il primo telefono cellulare di un bambino
La compagnia dei genitori è essenziale in questa fase Credit PixabayOleksandr Pidvalnyi

Madri e padri spesso discutono su quando sia opportuno che i loro figli viaggino senza supervisione sui mezzi pubblici. È anche comune chiedersi quando siano pronti per andare a scuola senza accompagnatori. Sebbene esistano alcuni parametri oggettivi, le risposte non si limitano alla sola età biologica. Alcuni tredicenni possono affrontare la sfida con maggiore maturità rispetto, ad esempio, ai sedicenni. Una logica simile si applica quando si valuta il momento in cui acquistare il primo cellulare di un bambino.

“Quando si cammina per strada, i genitori insegnano ai figli fin da piccoli a cosa fare attenzione e quali sono i rischi. Lo stesso dovrebbe valere per il mondo virtuale”, ha affermato in una conversazione con Hipertestuale lo psicologo Laura Jurkowskidirettore di reConnect, un centro che cura le dipendenze legate alla tecnologia. La specialista indica tre fasi e una progressione graduale. Sottolinea che all’inizio i bambini dovrebbero navigare e utilizzare le applicazioni accompagnati dai genitori. Poi, dovrebbero farlo con la supervisione e il monitoraggio. L’indipendenza nell’uso – anche se non assoluta – arriva solo quando i bambini stessi sono consapevoli dei rischi e delle buone pratiche per mitigarli.

“Quando i bambini e gli adolescenti conquistano l’autonomia, è importante che si sentano sicuri e non giudicati.. E che quando hanno bisogno di aiuto, possono e scelgono di rivolgersi ai loro genitori”, osserva Jurkowski. Inoltre, sottolinea che è essenziale che gli adulti dispongano di informazioni rilevanti per un uso sicuro dei dispositivi. In altre parole, la responsabilità richiede conoscenza.

“Non è necessario avere un telefono personale all’età di 10 anni”.

Laura Jurkowski è direttrice di reConectarse un centro in Argentina che cura le dipendenze da internet videogiochi e uso della tecnologia Foto Cortesia

Molti genitori si chiedono quando dovrebbero comprare il primo cellulare a un bambino: c’è un’età consigliata per farlo?

In generale, non parlo di un’età specifica. Ognuno si trova in una situazione diversa, in società diverse. In ogni famiglia ci sono dei cambiamenti. A seconda dei casi, ci sono bambini che hanno bisogno di essere più legati agli altri. Per esempio, quelli che sono già da soli per strada o quelli i cui genitori sono separati. Detto questo, credo che in giovane età, a 10 anni, i bambini non hanno bisogno di avere un proprio dispositivo. In ogni caso, per alcune pratiche, ad esempio l’utilizzo dei social network o la partecipazione a un gruppo, possono farlo attraverso il cellulare dei genitori. In questo modo, gli adulti possono avere un maggiore controllo.

LEGGI  Microsoft lascia il consiglio di amministrazione di OpenAI a causa della guerra antitrust

In ogni caso, che si tratti di cellulari propri o presi in prestito, quali sono le buone pratiche che gli adulti dovrebbero seguire?

Quando i bambini iniziano a usare i dispositivi connessi, è consigliabile che i genitori stabiliscano due cose. In primo luogo, poter vedere chi sono i loro amici sulle reti, cosa fanno su quelle piattaforme, quali siti visitano e così via. Dall’altro lato, essere follower o amici all’interno dei social network. Se pubblicano qualcosa, devono poterlo vedere.

Nei casi in cui i ragazzi dispongono di un proprio dispositivo, spesso è difficile limitare il tempo che trascorrono davanti allo schermo. Il mondo virtuale è estremamente attraente. Le reti sono progettate per creare dipendenza. E nel caso in cui non si abbia controllo o supervisione, oltre ai contenuti, è importante monitorare il tempo e stabilire dei limiti temporali.

Quindi, come dovrebbero comportarsi i genitori per non invadere la privacy dei loro figli?

È importante che sia chiaro che all’inizio i genitori controlleranno quello che stanno facendo. Gli adulti devono essere attenti ai cambiamenti nel comportamento dei bambini. Prestare attenzione se succede qualcosa a loro nel mondo virtuale.

Partiamo dal presupposto che l’analisi non si limita alle variabili rischiose o negative. A questo proposito, quali sono i vantaggi del fatto che un bambino abbia il proprio cellulare?

Avere un telefono proprio si traduce in una certa dose di privacy e libertà, con i pro e i contro che questo comporta. L’aspetto positivo è che possono usarlo per il lavoro scolastico, ma anche per divertirsi e socializzare. Tuttavia, come in altri ambiti, a volte la maggiore libertà concessa rende difficile limitarsi. Per questo ribadisco che è importante che gli adulti siano attenti al legame tra bambini e dispositivi.

Il primo telefono cellulare dei bambini: chiavi da tenere a mente

acquistare il primo telefono cellulare di un bambinoacquistare il primo telefono cellulare di un bambino
Non esistono risposte magiche alla domanda quando acquistare il primo cellulare di un bambino Credit Pixabay

Secondo Jurkowski, non esistono numeri magici per rispondere alla domanda “quando acquistare il primo cellulare per un bambino”. In questo senso, secondo i dati da lui raccolti BBCL’età media varia da regione a regione. Ad esempio, negli Stati Uniti i membri più giovani della famiglia tendono a ricevere il telefono prima che in Europa e in America Latina.

Di seguito sono elencati alcuni degli aspetti principali che gli adulti dovrebbero considerare se i bambini chiedono un dispositivo proprio.

  • Un telefono cellulare non è un giocattoloÈ vero che gli smartphone offrono ai bambini un vasto catalogo di giochi e divertimenti. Ma non dobbiamo dimenticare che questi dispositivi sono collegati a una grande rete, dove circolano milioni di sconosciuti. Il cyber-bullismo è uno dei tanti problemi da tenere in considerazione. Inoltre, questi dispositivi stanno nel palmo di una mano, ma sono la porta d’accesso a molte informazioni non adatte ai minori.
  • La differenza tra telefoni e altri dispositiviSecondo gli esperti di Healthy Children, l’acquisto del primo cellulare di un bambino è un ulteriore passo avanti nel suo legame con la tecnologia. Il concetto centrale è la mobilità. “I bambini possono portarlo ovunque. È più probabile che siano accanto al bambino, sul suo comodino, durante i pasti, in auto durante i viaggi o in molti altri spazi dove di solito non si trovano altri dispositivi. Di conseguenza, possono interrompere o sostituire altre attività importanti. Conversazione faccia a faccia, compiti, sport o sonno, solo per citarne alcune”, si legge nella pubblicazione, edita dall’American Academy of Paediatrics (AAP).
  • Il “ricatto” della socievolezzaC’è una frase frequente tra i bambini che chiedono il loro primo cellulare. Dicono: “Tutti i miei amici ne hanno uno”. A questo punto, è importante considerare a che età diventa davvero importante impegnarsi virtualmente con i coetanei, con un dispositivo proprio. Prima di allora, i bambini possono utilizzare gli apparecchi dei genitori o un tablet condiviso dalla famiglia.
  • Il dialogo è importanteÈ vero che l’acquisto del primo cellulare di un bambino è una decisione che spetta ai genitori. Tuttavia, gli specialisti concordano sull’importanza del dialogo con i bambini. In questo senso, ci sono alcune buone domande che potrebbero essere trasmesse loro, come ad esempio quali sono i vantaggi e gli svantaggi di avere un proprio dispositivo. Inoltre, come vedremo più avanti, è indispensabile elaborare un piano comune per l’uso sicuro della tecnologia.
LEGGI  Realme presenta il Realme C67: la fascia bassa si fa interessante con una fotocamera da 108 megapixel

Avete deciso di acquistare il primo cellulare di un bambino: quali sono i passi da seguire?

l'acquisto del primo telefono cellulare per un bambinoacquistare il primo telefono cellulare di un bambino
È importante che il telefono sia impostato con laccount del bambino e personalizzato con i controlli parentali Credit Pixabay

Una volta deciso che il bambino deve avere il proprio telefono, ci sono altri aspetti da considerare. Uno di questi è che tipo di smartphone dargli. Con questo non si intende quale modello o marca scegliere; è normale che tutti vogliano un cellulare di fascia alta e all’avanguardia. Il riferimento è invece alla preconfigurazione del dispositivo.

È importante che il indica che l’utente principale è un minore. In questo modo, i controlli parentali vengono attivati dal minuto zero. Fondamentalmente, si tratta di strumenti che consentono agli adulti di sorvegliare le attività dei bambini. Inoltre, consentono di impostare limiti di tempo – l’accesso viene bloccato dopo un certo periodo di tempo – e permettono di richiedere l’approvazione dei download, oltre ad altre funzioni. Esistono applicazioni specifiche per questo scopo, anche se iOS e Android hanno le loro.

Oltre alle restrizioni attraverso gli strumenti, è consigliabile elaborare insieme un piano di utilizzo. In altre parole, non lasciare tutto il controllo a softwareche possono essere abilmente aggirati da alcuni utenti. La pianificazione dovrebbe considerare quando non usare gli schermi e quando spegnerli di notte, tra le altre cose. “È importante aiutare i figli a riflettere sul modo in cui usano il telefono, parlando con loro apertamente e senza criticarli.“. L’esortazione proviene da Common Sense Media, un’organizzazione no-profit nota per fornire risorse per un uso sano delle soluzioni tecnologiche. Oltre ai consigli per le famiglie, nel suo sito – disponibile anche in spagnolo – elenca i film e i programmi televisivi consigliati per i bambini.

Secondo i responsabili del gruppo, i genitori dovrebbero dare il buon esempio. “Ad esempio, se dovete interrompere un momento familiare per rispondere al telefono, scusatevi”, affermano. A questo proposito, è interessante notare quanto segue: non si tratta solo di stabilire se è opportuno che i bambini compiano questo passo, ma anche se gli adulti responsabili sono pronti ad accompagnarli.

Una risorsa online per sapere quando acquistare il primo cellulare di un bambino.

I professionisti dell’Accademia Americana di Pedriatica, in collaborazione con l’operatore AT&T, hanno progettato una risorsa online per aiutarvi a sapere quando acquistare il primo telefono cellulare per il vostro bambino. questionario per aiutarvi a capire se vostro figlio è pronto per un telefono cellulare. proprio. Attraverso dieci domande, vengono valutati aspetti legati al comportamento dei bambini e ai valori della famiglia. Una volta ottenuto un risultato, vengono consigliati ulteriori passi. Inoltre, vengono aggiunte risorse di interesse, tra cui tutorial sui controlli parentali.

Il quiz comprende 10 domande e alla fine offre risorse e consigli Credit Capture

Ho risposto al quiz, basandomi sull’esperienza con mio figlio di 8 anni. Di seguito sono riportate alcune delle domande che compaiono:

  • Quanto spesso pensa che suo figlio abbia bisogno di un telefono cellulare per la sicurezza?
  • Si comporta in modo responsabile? Ad esempio, porta a termine i compiti assegnatigli a scuola?
  • Riesce a gestire gli impulsi?
  • Siete disposti a prendere provvedimenti, ad esempio a impostare i controlli parentali, a creare un piano mediatico familiare e a parlare con vostro figlio di ciò che vede e fa su Internet?

In linea con le raccomandazioni che abbiamo esaminato in questo articolo, il questionario AAP si concentra sulla valutazione del comportamento dei bambini. A sua volta, sottolinea il coinvolgimento e la partecipazione dei genitori. Nel caso di mio figlio, alla fine delle dieci domande abbiamo raggiunto la “zona non ancora pronta”. Questo risultato non deve essere definitivo, anche se mi ha aiutato a rivedere la decisione con maggiore cautela.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *