Notte polare estrema: questa città dell’Alaska non vedrà più la luce del sole fino al 2023

65 giorni di “crepuscolo” quasi totale. Questo è l’incredibile lasso di tempo in cui gli abitanti di Utqiaġvikuna piccola città dell’Alaska, dovrà aspettare per rivedere la luce del sole, a causa di una lunga notte polare. Questa non è una situazione uscita da un libro di fantasia o di fantascienza, no. È reale. È reale e ha una spiegazione molto semplice.

Utqiaġvik, precedentemente nota come Barrow e popolata principalmente da indiani Iñupiat, è situata nella regione più settentrionale dell’Alaska. Per localizzarla su una mappa, basta andare all’estremità nord-occidentale del continente americano, il che dà un’idea di quanto sia lontana dal resto della civiltà.

Come potete immaginare, ha anche un clima estremamente freddo. Le temperature variano da -5 °C a -22 °C. Ma non si tratta solo delle basse temperature, ma anche della durata dell’inverno dovuta alla sua posizione. Quest’ultimo, ovviamente, influenza anche la durata della presenza della luce solare.

È risaputo che alcuni luoghi vicini al Circolo Polare Artico e Antartico hanno meno ore di luce solare in questo periodo dell’anno. Perché? Perché l’asse di inclinazione della Terra non permette al Sole di alzarsi abbastanza sopra l’orizzonte.che a volte fa sì che l’oscurità rimanga per più di 24 ore. Questo curioso fenomeno è noto come notte polare.

Ovviamente, la notte polare non è un evento straordinario. Si tratta di un fenomeno comune ai poli e, di fatto, di una situazione che si è verificata, gli abitanti di Utqiaġvik ci sono già abituati. all’oscurità prolungata. L’unica cosa che varia è la durata esatta dell’assenza di luce solare nella regione, ma in inverno è comune che superi i due mesi.

LEGGI  prezzi molto bassi per meno

Durante l’anno in corso, quindi, la notte polare a Utqiaġvik è iniziata lo scorso 18 novembre, e… durerà fino al 23 gennaio del prossimo anno.. Tuttavia, le persone non potranno godere a lungo della luce del giorno, poiché il sole tramonterà di nuovo solo poche ore dopo.

Per noi che viviamo in parti del mondo completamente diverse, la notte polare di Utqiaġvik potrebbe sembrare impossibile da affrontare. Tuttavia, come già detto, l’hanno già contemplato e si stanno preparando. Ad esempio, per quanto riguarda le forniture, da prima di accumulare il cibo e le risorse necessarie per sopravvivere all’intera stagione.. Questo punto è fondamentale perché, a causa del freddo estremo, sarebbe difficile lasciare la città per fare rifornimento.

Notte polare a Utqiaġvik

Com’è la vita “quotidiana” in una notte polare che dura 65 giorni? All’inizio della pubblicazione è stato detto che il crepuscolo è “quasi totale”. Ciò che accade è che, per un breve periodo di tempo ogni giorno, la popolazione di Utqiaġvik intravede il crepuscolo. Cioè il periodo che precede l’alba o il tramonto.

Per i 4.500 abitanti di Utqiaġvik, questo breve intervallo di tempo è più che sufficiente per svolgere alcune attività che in altri periodi dell’anno svolgerebbero durante una normale giornata.

Anche se può essere difficile da capire, la notte polare a Utqiaġvik ha alcuni vantaggi. Ad esempio, è possibile osservare un cielo pieno di stelle luminose. A condizione, ovviamente, che non ci sia nebbia ad ostacolare la vista. “In queste condizioni, in assenza di nebbia o di altre limitazioni, è possibile vedere le stelle e i pianeti più luminosi, distinguere l’orizzonte e gli oggetti terrestri e, in molti casi, non è necessaria l’illuminazione artificiale”, spiega il National Weather Service dell’Alaska (via Notizie di Yahoo!).

LEGGI  Questa pubblicità per i Mondiali di calcio del Qatar 2022 è stata creata grazie all'intelligenza artificiale e alla vostra opinione su Twitter.

E se qualcuno degli Iñupiat sente troppo la mancanza della luce del sole, dopo l’inverno gli arriva un grande risarcimento. Quando l’estate è ben avviata, si verifica un fenomeno totalmente contrario alla notte polare. Ci riferiamo alla “Sole di mezzanotte”.quando la luce naturale è visibile per più di 24 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *