Che cos’è la “condivisione delle carte” che Javier Tebas e LaLiga odiano tanto?

Javier Tebas non delude. Il controverso presidente de LaLiga, la società privata che gestisce e organizza i campionati di calcio. più importante competizione calcistica è stato al centro dell’attenzione negli ultimi giorni per le sue dichiarazioni, che sono state amplificate dai media. Tebas, a nome de LaLiga, vuole perseguitare chi guarda il calcio in pay-per-view senza pagare. Una lotta che va avanti da tempo e che ha portato alla chiusura di diversi siti web dedicati alla condivisione di link o, direttamente, di trasmissioni di eventi sportivi. Di conseguenza, si parla molto di una cosa chiamata cardharing.

L’ennesima azione incentrata su questa lotta alla “pirateria” è nata a seguito di un’ordinanza dell’8° Tribunale Commerciale di Barcellona. Tuttavia, questa ordinanza non è stata adeguatamente spiegata. C’è stata una grande confusione, in gran parte dettata da interessi personali, allo scopo di spaventare la gente. Il rumore generato da questa controversia è stato tale che la stessa magistratura ha dovuto pubblicare un comunicato stampa per chiarire la situazione.

Il comunicato stampa parla di condivisione delle carte. Si tratta di una pratica diffusa che consente a milioni di persone di condividere le proprie carte tra loro. guardare eventi sportivi in diretta in pay-per-view. In molti casi, senza dover pagare. O, per dirla in altro modo, senza pagare chi fornisce ufficialmente queste immagini e chi partecipa a questi eventi. Se parliamo di calcio spagnolo, gli interessati sono i club calcistici, rappresentati da LaLiga, il cui capo è Javier Tebas. Che, tra l’altro, è il responsabile di LaLiga, è stato coinvolto in una polemica su Twitter (ora X). Una polemica in cui il presidente de LaLiga afferma qualcosa che viene automaticamente smentito dagli utenti. E, a quanto pare, dagli stessi giudici.

Che cosa fa il condivisione delle carte

Stadio di calcio pieno di tifosi paganti
Krzysztof Dubiel Unsplash

Comunque sia, sia che siate un cliente di una piattaforma di calcio a pagamento o se guardate il calcio o qualsiasi altro sport con altri mezzi, sarete interessati a sapere quali sono le condivisione delle carte. La definizione letterale sarebbe condividere la scheda. In riferimento alla carta tradizionale utilizzata dai vecchi decodificatori di segnale della pay-TV. Al giorno d’oggi non è prevista alcuna carta. La verifica del cliente avviene tramite internet, inviando un segnale al lettore.

LEGGI  iRobot presenta il nuovo Roomba Combo j7+, un aspirapolvere e lavapavimenti più intelligente

Pertanto, LaLiga vuole puntare sulla cartellonisti. Cioè, coloro che praticano la condivisione delle carte. Questa pratica consiste nel “trasmettere il segnale delle partite di calcio” o di altri eventi sportivi a terzi. Si possono includere anche le trasmissioni di canali televisivi a pagamento. In altre parole, un cardharer è a iscritti a una piattaforma che trasmette contenuti a pagamento. E ciò che fa condivisione delle carte è quello di condividere ciò che può guardare con altre persone su Internet. Il problema per LaLiga è che chi guarda questo segnale condiviso non paga.

Per capire la gravità della questione, per LaLiga, ovviamente, bisogna considerare che un cliente pagante che guarda il calcio ha alcune limitazioni. Ad esempio, può solo guardare il segnale della pay-TV su un televisore. Inoltre, con l’introduzione delle applicazioni mobili, c’è un limite al numero di dispositivi che possono trasmettere il segnale in streaming contemporaneamente. DAZN, per esempio, afferma che “è possibile guardare un massimo di due trasmissioni in streaming contemporaneamente su due dispositivi diversi”. Movistar+, da parte sua, afferma che “se si dispone di un contratto Movistar Plus+ senza set-top box, sarà possibile guardare il calcio su un massimo di 2 Smart TV“.

Perché il condivisione delle carte

La condivisione delle carte sfugge al controllo dei fornitori e dei creatori di eventi di pagamentoIl Cardsharing sfugge al controllo dei fornitori e dei creatori di eventi di pagamento

Se LaLiga è contraria condivisione delle carte è perché questa pratica è fuori dal loro controllo. In altre parole, non si fa pagare. Prendiamo ad esempio ciò che accade con bar, ristoranti e alberghi, i cosiddetti HORECA (Hotels, Restaurants and Cafeterias). Le licenze sono diverse da quelle di un cliente privato. Pertanto, in questi locali, il segnale trasmesso è quello di LALIGA TV BAR. A differenza del segnale trasmesso ai privati. E come indicato da , il suo sito web ufficialela differenza di prezzo è evidente perché implica che più persone vedranno allo stesso tempo quell’evento di pagamento nello stesso momento.

LEGGI  Recensione dell'Honor 70 in inglese: analisi, opinioni e prezzi

Nel condivisione delle carteun privato condivide il segnale con diversi privati. Solo il primo paga. Così che le regole del fornitore sono violate del segnale. O, per dirla con le parole della magistratura spagnola, questa pratica consiste nella “condivisione illegale dei suoi contenuti”. Inoltre, in alcuni casi, per mantenere l’infrastruttura necessaria a questa pratica, viene utilizzata pubblicità che non passa attraverso il controllo ufficiale. Nella maggior parte dei casi, serve a coprire le spese. Ma a volte, si trae profitto da esso.

Il Giudiziario chiarisce che il cardharer è un utente legittimo. Paga per avere accesso al calcio a pagamento. Ma ciò che fa con questo accesso è il problema. Tuttavia, per il momento, coloro che accedono a queste trasmissioni non stanno violando alcuna legge. Una cosa che si può fare attraverso i siti web o utilizzando le applicazioni che si possono installare sul proprio computer, a dispositivi mobili e persino sulla smart TV. Per ovvie ragioni, non faremo nomi. Ma basta una semplice ricerca su Internet e sui social media per trovarne diversi.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *