Migliaia di persone hanno fatto domanda per ricevere il chip cerebrale di Elon Musk e Neuralink.

Migliaia di persone hanno fatto domanda per ricevere uno degli impianti cerebrali di Neuralink, la società di neurotecnologia fondata da Elon Musk. L’invito a presentare domanda è iniziato un mese fa, dopo che l’azienda ha ricevuto il via libera da un comitato indipendente per effettuare test sugli esseri umani. Secondo un articolo di BloombergNeuralink non ha ancora selezionato i partecipanti all’esperimento, che inizierà il prossimo anno.

Il rapporto di Bloomberg è firmato da Ashlee Vance, che nel 2015 ha pubblicato una biografia di Musk e che negli ultimi tre anni ha effettuato 10 visite agli uffici di Neuralink. Vance non fornisce un numero esatto di persone interessate allo studio. Spiega però che l’azienda ha ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per condurre ulteriori studi nel 2024.

Neuralink ha dichiarato di avere in programma 11 interventi nel 2024, 27 nel 2025 e 79 nel 2026.secondo i documenti forniti agli investitori. Da quel momento in poi, l’idea è di scalare drasticamente: Si stimano 499 interventi nel 2027, che saliranno a 22.204 nel 2030.

Musk e il suo team sono alla ricerca di persone anziane affette da paralisi (preferibilmente sotto i 40 anni) disposte a partecipare alla ricerca, che si stima richiederà circa sei anni per essere completata. Neuralink mira a inserire piccoli chip cerebrali per trattare malattie come la paralisi e la cecità. A un certo punto, Musk ha anche detto di voler curare la schizofrenia o la depressione.

Per riuscirci, questa prima fase testerà un’interfaccia cervello-computer. L’obiettivo è dimostrare che il meccanismo, già sperimentato sugli animali, consente alle persone paralizzate di controllare il cursore o la tastiera di un computer usando solo il pensiero.

La prima fase dell’esperimento consisterà nel rimuovere un pezzo del cranio del paziente. Per il momento l’operazione sarà eseguita da un uomo. Dopodiché, un robot sviluppato da Neuralink potrà inserire una serie di elettrodi e fili sottilissimi nel cervello del volontario. Il robot in questione è una sorta di braccio meccanico alto circa due metri. È dotato di telecamere, sensori e un piccolo ago stampato al laser.

LEGGI  Il piano di Kevin Feige per "Avengers: Secret Wars": il più grande evento cinematografico della storia
Il robot progettato da Neuralink.

Uno alla volta, l’ago del robot spingerà circa 64 fili, ciascuno rivestito da 16 elettrodi, nel cervello, evitando accuratamente i vasi sanguigni. Nessun essere umano sarebbe autorizzato a farlo. Sarebbe impossibile: ognuno di questi elettrodi è spesso 5 micron. Cioè 1/14 del diametro di un capello umano.

Lì verrà collegato il chip cerebrale, che ha le dimensioni di una piccola moneta. L’intera procedura richiede due ore e mezza. La maggior parte è occupata dalla preparazione chirurgica e dalla craniotomia. L’impianto del chip dura circa 25 minuti, secondo quanto riferito da Bloomberg.

I chip cerebrali di Neuralink leggono e analizzano l’attività neurale della persona. Trasmetteranno poi le informazioni in modalità wireless a un computer portatile o a un tablet nelle vicinanze. Il dispositivo è alimentato a batteria, che dura alcune ore e può essere ricaricata in modalità wireless. La prossima versione del chip dovrebbe estendere la durata della batteria a 11 ore, con l’idea che il paziente possa ricaricare il suo impianto durante la notte tramite un cuscinetto di ricarica inserito in un cuscino.

Neuralink dispone già di almeno una dozzina di questo modello di robot, che ha chiamato R1. Queste macchine hanno già eseguito 155 interventi di questo tipo su pecore, maiali e scimmie nel 2021. Nel 2022 ne sono stati eseguiti 294 in totale.

Modello dei chip cerebrali di Neuralink.
Il chip ha le dimensioni di una moneta.

L’urgenza di Musk

Neuralink stima che ogni intervento chirurgico per impiantare questi chip cerebrali costerà circa 10.500 dollari, compresi esami, parti e manodopera. Niente in confronto a ai 100 milioni di dollari annui di entrate che si stima di ottenere entro cinque anni.

Negli ultimi mesi Musk ha spinto affinché il robot si muovesse più velocemente. Inoltre, secondo la testimonianza di Vance, l’intera procedura dovrebbe essere eseguita senza l’intervento umano. “Ho visto gli scienziati trasalire quando hanno considerato il divario tra le richieste dei loro capi e le capacità fisiche del loro hardware”, dice il biografo del magnate.

LEGGI  Microsoft espone Android: 4 miliardi di utenti a rischio per queste app

Musk è preoccupato per la concorrenza, che da tempo lo precede. Come Synchron Inc, il suo grande rivale, un’azienda sostenuta dai miliardari Bill Gates e Jeff Bezos. Almeno 42 persone in tutto il mondo hanno già utilizzato impianti cerebrali nel corso di studi clinici condotti da Synchron. I suoi pazienti paralizzati lo hanno già utilizzato per navigare su siti web e inviare messaggi WhatsApp.

“Al momento ci stanno prendendo a calci nel sedere”. Musk ha dichiarato in un incontro citato da Bloomberg. “Voglio essere tra decine di persone l’anno prossimo”. È anche preoccupato per i progressi di Onward, che ha fatto notizia per aver fatto camminare di nuovo persone paralizzate o affette da Parkinson.

In una riunione dello scorso settembre, Musk ha detto al suo team di affrettarsi come se “il mondo stesse per finire”. “Dobbiamo arrivarci prima che l’intelligenza artificiale prenda il sopravvento”, ha detto. “Dobbiamo arrivarci con un senso di urgenza maniacale. Maniacale”.

Musk ha co-fondato Neuralink nel 2016 con sette scienziati e 100 milioni di dollari di tasca propria. Da allora ha raccolto più di 500 milioni di dollari, di cui 280 milioni quest’anno. Questa è la cartina di tornasole per il magnate, riconosciuto come la persona più ricca del mondo. Bloomberg ricorda che Tesla ha impiegato molti anni per produrre in serie le sue auto. I primi tre razzi di SpaceX sono esplosi. Ma quando si tratta di cervello, “non possiamo distruggere i primi tre”, ha detto Shivon Zilis, direttore dei progetti speciali di Neuralink.. “Qui non è un’opzione”.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *