Microsoft crea un ChatGPT segreto per le agenzie di intelligence statunitensi.

L’uso dell’IA generativa per attività militari o di intelligence è un argomento molto dibattuto. Ma è un’area che le aziende leader del settore sono più che disposte a esplorare. Microsoftper esempio, ha creato una sorta di ChatGPT segreto basato su GPT-4preparato appositamente per i servizi segreti statunitensi.

Il chatbot è in grado di analizzare ed elaborare informazioni sensibili, riporta Bloomberg. William Chappell, responsabile delle missioni strategiche e della tecnologia di Microsoft, ha spiegato che l’intelligenza artificiale che lo alimenta è il primo modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) a operare in modo completamente scollegato dal web.

Secondo il dirigente, Redmond ha lavorato per un anno e mezzo per adattare un supercomputer installato in Iowa all’uso in questo progetto. Essere isolati dall’Internet aperto, questo ChatGPT segreto opera su una rete a cui può accedere solo il governo degli Stati Uniti.. Inoltre, il suo funzionamento è “statico”; ciò significa che l’IA può leggere i file ma non imparare da essi. Questo garantisce alle agenzie di intelligence che nessuna informazione sensibile finisca per trapelare sul web.

“È già distribuita e funzionante, e risponde alle domande. È in grado di scrivere codice, come esempio del tipo di cose che può fare”, ha detto Chappell del ChatGPT segreto di Microsoft per i servizi di intelligence statunitensi.

Microsoft ha un ChatGPT segreto, basato su GPT-4, per i servizi di intelligence.

Microsoft ha un ChatGPT segreto, basato su GPT-4, per i servizi di intelligence
Foto di Steve Johnson a Unsplash

Per motivi logici, le specifiche o le capacità finali di questo ChatGPT segreto per i servizi segreti statunitensi non sono state rese note. Microsoft sostiene che circa 10.000 persone potrebbero beneficiare dello strumento, a condizione che il Dipartimento della Difesa dia il via libera al suo utilizzo.

LEGGI  Meta continua a fare tagli: Portal, i suoi display intelligenti, sarà eliminato

Questo è l’altro punto chiave di questa storia. IA basata su GPT-4 non è ancora stata approvata dal Pentagono.e anche se dovesse dare il via libera, è improbabile che venga utilizzato immediatamente per elaborare file classificati contenenti dati altamente sensibili.

In realtà, il ChatGPT segreto di Microsoft avrebbe inizialmente uno scopo dedicato principalmente alla classificazione delle informazioni. E potrebbe anche essere implementato per snellire le pratiche e le procedure burocratiche che tali organizzazioni devono affrontare.

“Si tratta di assicurarsi di avere le informazioni giuste al momento giusto. […] Nuotiamo nelle informazioni. Abbiamo sensori dappertutto. Come si fa a dare un senso alle informazioni che si trovano all’interno della propria organizzazione? Che si tratti di proposte o di documenti cartacei che tutti noi dobbiamo fare, come si fa a semplificare e a selezionare i dati che sono focalizzati sulla missione o quelli che sono più focalizzati sulle risorse amministrative e umane”, ha detto Chappell. Scoop della Difesa sul nuovo ChatGPT segreto basato su GPT-4.

La questione è già oggetto di controversie. Ad aprile, un’indagine ha rivelato che Microsoft ha violato i principi dell’OpenAI offrendo la sua intelligenza artificiale al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. L’azienda di Redmond ha indicato che questa tecnologia potrebbe essere applicata all’analisi di foto e video di sorveglianza per scopi di sicurezza, tra gli altri compiti.

Anche se il nuovo ChatGPT segreto per le agenzie di intelligence statunitensi non sarebbe inizialmente destinato a questo tipo di utilizzo, chi può escluderlo in futuro? Soprattutto quando il chatbot basato su GPT-4 verrebbe eseguito su un’infrastruttura riservata con poco o nessun controllo esterno.

LEGGI  Google Image 3 e Music AI Sandbox: le nuove IA per creare musica e fotografie sorprendenti

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *