Le 5 grandi imprese dell’intelligenza artificiale nel 2023 (oltre il ChatGPT)

Bill Gates ha dichiarato che quest’anno stiamo assistendo alla nascita di una nuova era. Tutto ciò che è venuto prima, secondo il cofondatore di Microsoft, sembrerà lontano come quando usare un computer significava digitare il prompt C:>. E non è il solo a pensarlo. Per esempio, se chiedete al CEO di Google Sundar Pichai, vi dirà che è iniziato un cambiamento tecnologico più profondo persino del personal computing, di Internet o dei telefoni cellulari. Ecco perché, sì, lo diremo: Il 2023 è l’anno dell’intelligenza artificiale.

ChatGPT è stato il fattore scatenante. Lanciata nel novembre 2022, la piattaforma di OpenAI ha svelato al mondo la potenza dell’intelligenza artificiale generativa. Ha fatto scalpore: in cinque giorni, il chatbot aveva più di un milione di utenti in tutto il mondo. Due mesi dopo, i primi 100 milioni.

A quel punto sono iniziate due corse. Quella delle grandi aziende tecnologiche, che si sono affrettate come non mai a dire al mercato che potevano fare meraviglie con questa tecnologia. A ChatGPT sono seguiti Bard di Google e il chatbot di Microsoft per Bing. Molto rapidamente, il fascino dei modelli conversazionali ha lasciato il posto alla febbre della generazione istantanea di immagini. Strumenti come Midjourney ci hanno mostrato, per la prima volta, un Papa che modellava Balenciaga. E questo ha lasciato molti di noi a chiedersi: cosa è reale?

Allo stesso tempo – o forse non tanto – i governi si sono affrettati a cercare di capire come controllare qualcosa con un potere così apparentemente trasformativo. Nel 2023, le Nazioni Unite hanno creato il primo organismo globale per discutere le implicazioni dell’intelligenza artificiale. A novembre un vertice ha riunito Stati Uniti e Cina – e una ventina di altri Paesi – nella stessa dichiarazione per riconoscere che esiste un rischio potenzialmente catastrofico per l’umanità.

Si è parlato di tutto, dai timori per i droni killer alle storie d’amore con i computer. Ma al di là dei grandi titoli, diversi gruppi di scienziati più tranquilli hanno raggiunto magnifiche pietre miliari legate all’intelligenza artificiale nel 2023. Non è stato tutto ChatGPT. Ecco cinque grandi imprese della tecnologia dell’intelligenza artificiale di quest’anno.

1. Intelligenza artificiale e previsione del clima in piena crisi

Nel 2023, la sussidiaria DeepMind di Google ha presentato un modello di intelligenza artificiale in grado di prevedere dove si abbatterà un uragano. Lo hanno chiamato GraphCast. Nei suoi test, è stato in grado di prevedere le condizioni meteorologiche fino a 10 giorni prima, in modo più accurato e molto più rapido rispetto agli standard dei modelli attuali.

GraphCast ha superato il modello del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio (ECMWF) in oltre il 90% delle 1380 aree testate. Nelle previsioni per la troposfera terrestre – la parte più bassa dell’atmosfera dove si verifica la maggior parte dei fenomeni meteorologici – GraphCast ha superato il modello ECMWF in oltre il 99% delle variabili climatiche.

Lo strumento DeepMind di Google è stato in grado di prevedere dove l’uragano Lee, un potente evento di settembre, avrebbe toccato terra in Canada, tre giorni prima rispetto ai metodi esistenti. L’allarme anticipato è fondamentale per consentire alle autorità e alle popolazioni di essere meglio preparate. In altre parole, consente di ottenere un tempo critico per salvare vite umane.

LEGGI  Xiaomi annuncia una batteria MagSafe per iPhone molto più potente di quella di Apple

L’intelligenza artificiale ha dimostrato capacità senza precedenti nel 2023 di elaborare enormi volumi di dati, estrarre intuizioni illuminanti e migliorare i modelli predittivi, afferma l’Organizzazione meteorologica mondiale. (WMO) delle Nazioni Unite. Un sostegno fondamentale in un momento in cui la crisi climatica si aggrava: il 2023 si concluderà come l’anno più caldo della storia, senza che i governi del mondo abbiano trovato soluzioni chiare.

Uragani catastrofici

2. Google e la decrittazione genetica

Ancora Google DeepMind. L’azienda ha lanciato nel 2023 un’intelligenza artificiale in grado di determinare se milioni di mutazioni genetiche sono innocue o possono causare malattie. A settembre i ricercatori hanno annunciato di aver identificato l’89% di tutte le variazioni chiave. Questo nuovo sviluppo potrebbe accelerare la diagnosi di disturbi rari e aiutare la progettazione di nuovi farmaci.

Il nuovo programma si chiama AlphaMissense. L’articolo pone l’accento su quelle variazioni che sono note come mutazioni nonsense. Si tratta di varianti nel codice del DNA in cui una singola lettera è scritta male. Un essere umano tipico ha 9.000 mutazioni di questo tipo nell’intero genoma. Spesso possono essere innocue, ma queste alterazioni sono anche associate a malattie come la fibrosi cistica o il cancro.

Ci sono circa 71 milioni di possibili varianti nonsense, ma solo lo 0,1% è stato classificato da esperti umani. Solo in questo numero esiguo di casi si sapeva se si trattava di mutazioni benigne o se erano in grado di causare patologie. Google DeepMind, con la sua invenzione, ha il potenziale per trasformare completamente l’analisi genetica.

Google DeepMind ha analizzato le mutazioni genetiche.

3. Camminare di nuovo grazie all’intelligenza artificiale

“Mi sento come un bambino che impara a camminare di nuovo”, ha detto Gert-Jan Oskam, un olandese di 40 anni che è stato coinvolto in un grave incidente in moto. Ha subito una lesione del midollo spinale che lo ha reso tetraplegico. Per 12 anni si è sottoposto a varie terapie che lo hanno aiutato a recuperare parte del movimento delle braccia. Tuttavia, nessuno di questi sforzi lo ha aiutato a camminare di nuovo.

Oskam faceva parte di un esperimento scientifico, sviluppato dall’Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL), nel quale ha ricevuto impianti cerebrali elettronici. I dispositivi trasmettono in modalità wireless i suoi pensieri alle gambe e ai piedi, attraverso un secondo impianto situato nella colonna vertebrale.

È come un “ponte digitale”, che collega il cervello e il midollo spinale saltando le sezioni danneggiate. Sono stati utilizzati algoritmi basati sull’intelligenza artificiale, che permettono alle intenzioni di movimento di una persona vengono decodificate in tempo reale dagli impulsi cerebrali. Oskam può ora stare in piedi e camminare con l’aiuto di un deambulatore o di stampelle.

Quest’anno l’EPFL ha presentato anche un nuovo impianto spinale, basato sullo stesso sistema, che aiuta le persone affette da Parkinson a risolvere le difficoltà di deambulazione. L’azienda Kurage sta già testando in Europa un sistema di pantaloni alimentato dall’intelligenza artificiale che aiuta le persone con paralisi parziale a camminare.

L'équipe medica con il paziente che è riuscito a camminare di nuovo
Il team scientifico con Oskam, il paziente che ha ripreso a camminare grazie agli impianti cerebrali, Credit: EPFL. Credito: EPFL

4. Un modo per leggere la mente

Un team di scienziati australiani è riuscito a convertire i pensieri di una persona in parole scritte. Lo hanno fatto grazie a un casco con sensori e a un modello di intelligenza artificiale chiamato DeWave.

LEGGI  Cercasi dipendente, ma solo se virtuale (solo perché è meno problematico di un umano).

La ricerca è stata condotta dal Centro GrapheneX dell’Università della Tecnologia di Sydney (UTS). Gli scienziati hanno chiesto a 29 volontari di leggere in silenzio brani di un testo indossando una sorta di berretto. Il dispositivo permetteva di registrare l’attività cerebrale mediante elettroencefalogramma (EEG). Questi segnali sono stati poi decodificati grazie all’intelligenza artificiale.

Chin-Teng Lin, uno dei leader del progetto e direttore del GrapheneX Centre, ha sottolineato che sono già riusciti ad aumentare il livello di precisione del casco dal 40 % a oltre il 60 %. Ma non sono gli unici a lavorare su soluzioni di “lettura della mente”.

Un team dell’Università del Texas ha sviluppato un decodificatore in grado di tradurre i pensieri in un flusso continuo di testo. Secondo i ricercatori, sono stati i primi a realizzare qualcosa di simile senza dover ricorrere alla chirurgia. A differenza del casco dell’Università della Tecnologia di Sydney, questo decodificatore funziona da scansioni fMRI (risonanza magnetica funzionale).

Quest’anno, inoltre, un gruppo di scienziati giapponesi ha presentato una nuova tecnologia che è in grado di leggere le onde cerebrali, identificare ciò che si sta pensando e tradurlo in un’immagine ad alta risoluzione. È così preciso che può persino rilevare forme e colori. I ricercatori della Graduate School of Frontier Biosciences dell’Università di Osaka hanno scoperto che è in grado di leggere le onde cerebrali, identificare ciò che si sta pensando e tradurlo in un’immagine ad altissima risoluzione. Diffusione stabile usatauno dei più famosi sistemi di intelligenza artificiale per la generazione di immagini.

casco a intelligenza artificiale
Test del casco GrapheneX Centre presso la University of Technology Sydney (UTS).

Quest’anno un gruppo di scienziati ha svelato il “Santo Graal dell’astrobiologia”. Si tratta di un sistema, alimentato dall’intelligenza artificiale, che nei suoi test ha registrato un’accuratezza prossima al 90% di accuratezza nella valutazione di campioni di vita passata e presente.

Il metodo ha “il potenziale per rivoluzionare la ricerca di vita extraterrestre e approfondire la nostra comprensione dell’origine e della chimica della prima vita sulla Terra”, ha spiegato Robert Hazen della Carnegie Institution for Science di Washington e co-direttore dello studio.

Il nuovo test non solo identifica una specifica molecola o gruppi di composti in un campione. I ricercatori hanno sottolineato che, grazie all’intelligenza artificiale, possono distinguere tra campioni di natura biotica – piante, animali e batteri – e di origine abiotica – acqua, suolo e atmosfera. L’analisi si ottiene identificando sottili differenze all’interno dei modelli molecolari.

Un altro gruppo della NASA sta addestrando una nuova intelligenza artificiale che potrebbe avere l’88% di probabilità in più di noi di trovare vita su Marte. L’obiettivo di questa tecnologia è quello di aiutare i rover spaziali – come Curiosity e Perseveranza – per analizzare più velocemente e meglio il territorio del pianeta rosso.

Questi ricercatori hanno combinato statistiche ecologiche con tecniche di apprendimento automatico. In questo modo, hanno dato all’intelligenza artificiale la capacità di mappare le “biosignature”: ogni caratteristica che fornisce prove di vita passata o presente.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *