La polizia di San Francisco fa marcia indietro: niente robot per uccidere i criminali, per ora

I riferimenti a Skynet e ad altri scenari apocalittici di ogni tipo sono saliti alle stelle nelle ultime settimane, dopo che si è saputo che il Polizia di San FranciscoCalifornia, potrebbe usare i robot per uccidere i criminali. Tuttavia, le reazioni negative generate dalla notizia hanno indotto la città statunitense a fare marcia indietro sulla sua determinazione.

Come riportato da San Francisco Chronicleil Consiglio dei Supervisori ha “votato all’unanimità” per “votare all’unanimità” su vietare l’uso di robot per l’applicazione di forza letale.. Un fatto sorprendente, se si considera che solo una settimana fa era stato lo stesso organo governativo ad approvarlo nella sua prima sessione.

La polizia di San Francisco dovrà quindi abbandonare il progetto di ricorrere all’uso di robot in situazioni di pericolo di vita. Almeno per ora. La legislazione è stata ora inviata a una commissione che continuerà a valutarla, con la possibilità di votarla nuovamente in futuro.

Al di là dei commenti che prospettavano scenari fantascientifici, il rifiuto della decisione originaria da parte del pubblico non è stato vano. Gli avvertimenti sulla militarizzazione e l’automazione delle forze di polizia sono di vecchia data, un tema molto dibattuto negli Stati Uniti.. I principali oppositori del provvedimento hanno sostenuto che i legislatori dovrebbero lavorare su come diminuire l’uso della forza, piuttosto che fornire nuovi strumenti mortali.

La polizia di San Francisco non potrà usare i robot per uccidere i criminali

È bene chiarire che la polizia di San Francisco non intendeva progettare o produrre robot in grado di trasportare armi e sparare a volontà. La loro idea era piuttosto quella di adattare i dispositivi telecomandati che attualmente utilizzano per smantellare le bombe e maneggiare sostanze pericolose. Così, ha proposto di equipaggiarli con esplosivi in grado di “entrare in contatto, incapacitare o disorientare”. criminali o sospetti.

LEGGI  Gli Stati Uniti stanno per approvare una legge che consente di usare i robot per uccidere le persone

Inoltre, è stato detto che l’uso di robot per l’applicazione della forza letale sarebbe stato solo l’ultima risorsa. Cioè quando sono state esaurite tutte le opzioni possibili. In particolare, nel caso in cui la situazione degeneri fino a mettere in pericolo la vita del pubblico o degli altri agenti di polizia.

In una lettera di protesta diffusa dal Fondazione Electronic FrontierIn una dichiarazione, gli oppositori della misura hanno chiarito il loro disaccordo con il piano. “Nonostante la California abbia una delle leggi più severe del Paese in materia di uso della forza letale da parte della polizia, persone disarmate e passanti vengono uccise con una frequenza inquietante. Non c’è alcuna base per credere che i robot carichi di esplosivo possano costituire un’eccezione all’uso eccessivo della forza letale da parte della polizia. Il fatto che i robot progettati per disarmare le bombe vengano invece utilizzati per sganciarle è un perfetto esempio di questo modello di escalation e militarizzazione delle forze di polizia che preoccupa molti in città”, denuncia un estratto.

La militarizzazione dei robot, una preoccupazione crescente

Al di là della battuta d’arresto ricevuta dalla polizia di San Francisco per l’uso letale dei robot, la controversia rimane sul tavolo. Sempre in California, ma a Oakland, è stato proposto che i dispositivi controllati a distanza siano in grado di spruzzo di pepe. Tuttavia, il piano originale prevedeva di equipaggiarli con fucili da caccia.

A New York, intanto, la polizia ha utilizzato per breve tempo un cane robot di Boston Dynamics nelle sue operazioni. Tuttavia, ha annullato la sua attuazione prima del previsto a causa della reazione negativa dell’opinione pubblica. La cosa che colpisce di questa valigetta è che non è mai stata pensata per essere usata come un’arma, ma piuttosto per compiti di sorveglianza e ricognizione.

LEGGI  Apple Vision Pro 2 richiederà 18 mesi per il lancio

È chiaro che la militarizzazione dell’uso dei robot è una questione complessa, ma non solo per quello che è successo con la polizia di San Francisco. Non dimentichiamo che, recentemente, le principali aziende di robotica si sono impegnate a non convertire mai i loro robot generici in armi. Una decisione basata sulla crescente preoccupazione in paesi come gli Stati Uniti, dove le armi sono facilmente accessibili e i robot “domestici” sono poco costosi.. Questo ha portato alla proliferazione di progetti casalinghi potenzialmente letali.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *