Il porno arriva in ChatGPT e DALL-E: ecco come utilizzarlo

La domanda che doveva arrivare è finalmente sul tavolo. OpenAI ha aperto il melone della pornografia, dei contenuti per adulti e di tutto ciò che riguarda il mondo NSFW. Lo fa, ovviamente, sotto l’ombrello dell’IA e della creazione di tali materiali da parte dei suoi modelli linguistici, essendo ChatGPT e DALL-E i due servizi che adotterebbero le modifiche.

È stata Joanne Jang, collaboratrice nella creazione di un nuovo documento di OpenAI chiamato Model Spec, a occuparsi di iniziare a valorizzare i modelli linguistici. l’arrivo di contenuti pornografici e discutere su come integrarli nei vari servizi. “Stiamo valutando se sia possibile fornire in modo responsabile la possibilità di generare contenuti NSFW in contesti adatti all’età”, si legge nelle regole in questione.

Parlando con NPRJang ha precisato: “Vogliamo assicurarci che le persone abbiano il massimo controllo nella misura in cui non violano la legge o i diritti altrui, ma anche permettere alle persone di avere il massimo controllo nella misura in cui non violano la legge o i diritti altrui”. deepfakes è fuori questione, punto e basta.

Per implementare questa inclusione, OpenAI dovrebbe modificare molte delle sue linee guida e dei suoi standard, , poiché la pornografia e tutto ciò che vi è correlato sono completamente vietati nei suoi modelli linguistici.. Ora l’azienda non ha ben chiaro che questo dovrebbe essere il caso, dato che anche i contenuti erotici e NSFW sono considerati una forma di espressione.

ChatGPT apre le porte al porno

ChatGPT consente molte cose, ma il porno non è una di queste. E non stiamo parlando di contenuti espliciti per generare immagini, ma di testi sessuali o di ricreazione di scene piccanti.

LEGGI  I negozi di Amazon non sono così intelligenti: funzionano con migliaia di persone che li osservano tramite telecamere.

In altre parole, non si può chiedere a ChatGPT di creare un capitolo di un libro, ad esempio, in cui due persone si incontrano e fanno sesso appassionato. Il chatbot vi dirà che non può farlo. perché questo contenuto non si adatta al suo modello linguistico.

È proprio questo che OpenAI sta cercando di cambiare con l’arrivo di contenuti erotici, sensuali e NSFW sui suoi servizi. Non vogliono che gli utenti creino porno per l’IA, ma vogliono che essi possano usare la sensualità e l’erotismo per creare qualsiasi cosa che non sia un crimine..

E questo approccio non si rivolge solo al porno, ma anche ai contenuti relativi a sangue, violenza o comportamenti estremi. L’uso di questi termini nei servizi OpenAI come ChatGPT è praticamente vietato, anche per generare fiction o documentare il lavoro. Ma non per molto.

Taylor Swift ChatGPT

Tuttavia, il dibattito arriva nel momento peggiore possibile, quando la deepfakes sono dilaganti su Internet e gli utenti hanno accesso a strumenti molto pericolosi. Anche Taylow Swift è stata vittima di deepfakes. immagini create dall’IA che ritraggono nudità e pose provocanti.

Fortunatamente, Jang commenta che il deepfakes sono completamente fuori questione e che continueranno a non trovare posto nei suoi servizi, ma che i testi erotici e le immagini di nudo non saranno sempre un argomento tabù per la sua intelligenza artificiale.

Pertanto, nel 2024 è possibile che gli utenti di ChatGPT e DALL-E siano in grado di creare testi sensuali, immagini di nudo o un romanzo gore. senza temere che l’intelligenza artificiale dica loro che non possono farlo.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *