Elon Musk deve affrontare un’indagine federale sul trattamento degli animali da parte di Neuralink

L’azienda ha ucciso circa 1.500 animali in totale da quando ha iniziato a sperimentare su di loro nel 2018, secondo i documenti interni e le testimonianze di diversi dipendenti.

Neuralink, l’azienda fondata da Elon Musk per creare dispositivi neurali in grado di amplificare le capacità umane, è sotto inchiesta per possibili abusi sugli animali utilizzati nei suoi test, secondo i documenti resi disponibili da Reuters.

La presunta indagine è stata aperta mesi fa dal Dipartimento dell’Agricoltura, un’unità esecutiva del governo federale degli Stati Uniti, su richiesta del Procuratore Generale degli Stati Uniti per indagare su possibili violazioni dell’Animal Welfare Act, che regola il trattamento e la sperimentazione degli animali da parte dei dipendenti.

Il processo ha luogo mentre cresce l’insoddisfazione dei dipendenti, come riporta la Reuters, per le modalità di conduzione degli esperimenti sugli animali. Secondo loro, la pressione esercitata da Musk sugli animali per accelerare il ritmo di sviluppo dei suoi impianti neurali sta portando a fallimenti che causano morte e sofferenza.

In totale, l’azienda ha ucciso circa 1.500 animali, tra cui più di 280 pecore, maiali e scimmie a causa di esperimenti condotti dal 2018, secondo i documenti esaminati da Reuters e le testimonianze di persone con conoscenza diretta di questi processi. Si tratta di una stima, riconoscono, perché l’azienda non dispone di registri accurati sul numero e sulle modalità di morte degli animali.

Per il momento si tratta solo di un’indagine

Il numero di morti da solo non indica in alcun modo che sia stata violata una legge o che le pratiche si discostino dagli standard del settore. Numerose aziende sperimentano su animali che vengono uccisi alla fine dell’esperimento per l’autopsia. Senza questa possibilità, le conoscenze che abbiamo sugli esseri viventi e la velocità con cui i farmaci possono essere testati e sviluppati sarebbero drasticamente limitate. Per scoprire l’insulina che salva la vita di milioni di diabetici, è stato necessario condurre esperimenti sui cani.

LEGGI  Gli Stati Uniti stanno per approvare una legge che consente di usare i robot per uccidere le persone

Non è ancora possibile determinare l’entità della ricerca e se essa sia correlata ai problemi segnalati dai dipendenti. Neuralink ha superato tutte le ispezioni delle sue strutture in base alla documentazione normativa.

Ma i dipendenti ammettono sofferenze e morti che avrebbero potuto essere evitate. La Reuters ha identificato quattro test che hanno coinvolto 86 maiali e due scimmie in cui l’errore umano ha reso gli esperimenti inutilizzabili e hanno dovuto essere ripetuti. Errore attribuito alla “mancanza di preparazione del personale addetto ai test che lavora in un ambiente ad alta pressione”.

La filosofia di lavoro di Musk è ben nota. Nei periodi più delicati della produzione di Tesla, l’imprenditore ha ammesso di aver dormito in fabbrica. Dopo l’acquisto di Twitter, i dipendenti sono stati invitati a lavorare dall’ufficio tutte le ore necessarie per dimostrare la loro eccellenza. Per accelerare il processo Neuralink, Musk ricorre alle stesse tattiche, dicono i dipendenti intervistati. “Immaginate di avere una bomba a orologeria legata a voi, è così che voglio che lavoriate”, dice loro l’imprenditore, riprendendo le parole di uno dei suoi dipendenti, che vengono regolarmente rimproverati perché non vanno abbastanza veloci, causando il fallimento dell’azienda.

Quando la fretta uccide

Secondo le testimonianze, i dipendenti sostengono la necessità di effettuare i test in modo tradizionale, testando ogni elemento in modo approfondito e utilizzando gli animali solo quando strettamente necessario. Tuttavia, lamentano, Neuralink effettua test uno dopo l’altro prima che i problemi dell’esperimento precedente siano stati completamente risolti. Questa fretta porta a commettere errori nei test e a doverli ripetere, il che significa uccidere altri animali.

In uno studio condotto nel 2021, a 25 dei 60 maiali utilizzati è stato impiantato un dispositivo della dimensione sbagliata. Un errore che si sarebbe potuto evitare prendendo più tempo e cautela nei preparativi, ha dichiarato a Reuters una persona a conoscenza della situazione. In un’altra occasione, il dispositivo è stato impiantato nelle vertebre sbagliate della colonna vertebrale di due maiali che hanno dovuto essere immediatamente eutanasia per evitare le loro sofferenze.

LEGGI  La Cina vieta tutti i media creati dall'intelligenza artificiale a meno che non soddisfino una condizione

Tuttavia, Neuralink tratta gli animali molto bene rispetto ad altri centri di ricerca, secondo i dipendenti che affermano che le scimmie vivono in ambienti ideali. Musk ha detto loro che voleva che vivessero come in un “Taj Mahal” perché, dato che non gli piaceva l’idea di dover fare esperimenti su di loro, sperava che almeno fossero gli “animali più felici del mondo” per tutta la durata della loro vita. Il problema della sperimentazione è la fretta e gli errori, non il disprezzo per la vita animale.

Neuralink dichiara di effettuare test sugli animali solo quando tutte le altre opzioni sono state esaurite. Tuttavia, i documenti esaminati dalla Reuters contengono numerosi riferimenti a interventi chirurgici esplorativi nel corso degli anni e tre persone a conoscenza delle ricerche dell’azienda hanno negato con forza che Neuralink eviti tali test.

In corso di sperimentazione sull’uomo

Il primo obiettivo di Neuralink è offrire alle persone con gravi problemi di mobilità un modo più efficiente di comunicare con il proprio telefono. L’impianto cattura l’intenzione dell’utente e la traduce al telefono. Il pensiero e l’azione si uniscono senza usare le mani come mediatori. Questo è solo il primo passo, perché Musk spera che il dispositivo possa essere utilizzato per ripristinare la vista o la mobilità dei pazienti affetti da paralisi, manipolando gli impulsi elettrici nel cervello e nel midollo spinale. “Non ci sono limitazioni nel governare il nostro intero corpo”, ha affermato durante l’ultima presentazione dell’azienda.

Le capacità di questo computer impiantato nel cervello potrebbero iniziare a essere testate sugli esseri umani nel 2023. “Non resta che attendere l’approvazione della FDA (Food and Drug Administration)”, ha dichiarato l’imprenditore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *