Amazon sta già testando un robot umanoide per aiutare i suoi dipendenti del magazzino.

Amazon ha avviato il la sperimentazione di due robot per automatizzare i propri magazzini.. Il gigante dell’e-commerce ha annunciato le sue nuove soluzioni roboticheche aiuteranno consegne più rapide durante le festività. Amazon ha rivelato che questi robot si concentreranno sull’esecuzione di compiti ripetitivi, lasciando i dipendenti liberi di concentrarsi su altre attività.

Sebbene Amazon disponga di più di 750.000 robot, l’arrivo di Digit e Sequoia rappresentano un passo importante nella loro strategia. Il primo ha un design umanoide ed è in grado di spostare, tenere e manipolare oggetti negli spazi di magazzino definiti per i dipendenti. Il suo compito iniziale sarà quello di assistere i lavoratori nel prelevare e spostare i contenitori vuoti. una volta rimossi dall’inventario.

Digit è stato sviluppato da Agility Robotics, un’azienda statunitense che si dedica alla costruzione di robot con un approccio incentrato sull’uomo. In termini di specifiche, Digit è alto 175 cm e pesa circa 65 kg.. Ha due piedi che gli permettono di muoversi in più direzioni e due mani per afferrare gli oggetti o mantenere l’equilibrio quando viene colpito.

Foto: Agility Robotics

“I nostri robot si muovono più come una persona che come un robot rigido stereotipato. Questo lo rende un robot più efficace in un mondo costruito per le persone”, ha dichiarato Jonathan Hurst, Chief Technology Officer di Agility.

Secondo i suoi creatori, Digit può accovacciarsi, accovacciarsi e ruotare la parte superiore del corpo per guardare in tutte le direzioni.. Le sue funzioni comprendono la capacità di raccogliere e posare oggetti di dimensioni e pesi diversi. È in grado di camminare accovacciato, di salire su un marciapiede o di muoversi su terreni in pendenza e si ferma quando rileva una persona o un oggetto sul suo cammino.

LEGGI  Questo fotografo ha modificato le sue foto con l'intelligenza artificiale DALL-E 2.

I robot di Amazon potrebbero sostituire gli esseri umani in futuro

Sequoia, il sistema robotico di Amazon

Una delle caratteristiche più importanti del robot umanoide di Amazon è che può lavorare due giorni a tempo pieno. Digit funziona per 16-24 ore con una singola carica e si collega autonomamente a una docking station quando la batteria è scarica. Non è necessaria la toilettecosì non soffrirete come i magazzinieri o gli addetti alle consegne di oggi, che sono costretti a urinare in bottiglie di plastica per svolgere il loro lavoro.

Mentre l’obiettivo di Amazon è quello di automatizzare le operazioni distribuendo più robot, Agility non vede Digit come un sostituto degli esseri umani.. “I nostri robot non sono progettati con l’obiettivo di imitare le persone”, afferma l’azienda. “Ci siamo proposti di creare macchine che possano lavorare nei nostri spazi accanto a noi. Per svolgere bene il lavoro è necessario avere molte delle stesse caratteristiche fisiche”.

Sequoia, il sistema robotico di Amazon

Oltre a Digit, un secondo robot aiuterà a ottimizzare gli ordini dei clienti. Sequoia può identificare e immagazzinare l’inventario in entrata nel centro di distribuzione fino al 75% più velocemente rispetto alle operazioni attuali. Secondo Amazon, questa soluzione è anche riduce i tempi di elaborazione del 25%che si traduce in un maggior numero di ordini e in stime più accurate dei tempi di consegna.

A differenza di Digit, Sequoia integra più sistemi per immagazzinare l’inventario in contenitori. Il sistema può comandare robot mobili per trasportare gli articoli in container direttamente a un portale. Da qui possono essere riforniti o inviati a una postazione di lavoro ergonomica, dove i dipendenti li spediranno senza dover lasciare la loro postazione.

“Sequoia semplificherà e ottimizzerà notevolmente il modo in cui immagazziniamo i prodotti e aiuterà i dipendenti a prelevarli in modo sicuro”, afferma Amazon. Il sistema è già operativo in uno dei centri logistici del Texas, negli Stati Uniti.

LEGGI  Lenovo annuncia Glasses T1, una cuffia per la realtà virtuale perfetta per sostituire il monitor o la TV.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *