Digital Financial Officer

Aziende

Imprese: continua il calo dei fallimenti

In 3 mesi hanno chiuso i battenti 35 imprese al giorno. Poco più di un’impresa ogni ora. Sono i dati sui fallimenti delle aziende italiane registrati da CRIF nel II trimestre del 2017.

I fallimenti diminuiscono del 15,7% a/a

Nonostante i numeri siano ancora alti, con 3.190 aziende che hanno portato i libri in tribunale tra aprile e giugno, i fallimenti sono in calo del 15,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Una percentuale ben lontana dal picco del 2014, con 15.336 imprese fallite (-22% sul 2017), e anche rispetto al 2015 (-17,8%)

CRIF fallimenti 2017

Primato per i fallimenti in Lombardia

Ancora una volta la maggior parte delle aziende che ha chiuso i battenti si trova in Lombardia (il 21,4% del totale): 1.300 imprese hanno portato i libri in tribunale nel 2017. Le imprese lombarde detengono anche il primato dei fallimenti dal 2009 a oggi, pari a 23.542. Sul podio ci sono anche Lazio e Campania: il primo con 786 aziende fallite (12,7% sul totale), la seconda con 539 fallimenti (l’8,7% sul totale). Seguono, giù dai tre gradini, il Veneto (con 511 fallimenti), la Toscana (482), l’Emilia Romagna (458), il Piemonte (381), la Sicilia (378) e la Puglia (295).

Commercio e servizi tra i settori più colpiti

Tra i settori più colpiti c’è il commercio, che ha visto fallire ben 2.072 imprese, nonostante un calo dal 14,7% rispetto al 2014. Non se la passano meglio i servizi, con 1.410 fallimenti, l’edilizia con 1.253 casi e l’industria con 1.190 aziende chiuse, mentre tutti gli altri comparti nel complesso hanno registrato 263 imprese fallite.

Le ultime notizie su: Fallimenti, CRIF

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.