Tesla rilascia finalmente le sue API in modo ufficiale

Dopo quasi dieci anni di esistenza e di utilizzo da parte di migliaia di persone in una curiosa zona grigia, Tesla sta finalmente rilasciando ufficialmente le sue API. L’azienda ha pubblicato documenti e guide per lo sviluppo di applicazioni e la comunicazione con i veicoli da parte di terzi.

Questo è solo uno delle centinaia di esempi che dimostrano che Tesla non è un’azienda automobilistica. È un’azienda in cui software e hardware hanno la stessa importanza. E, di fatto, è l’unico produttore su larga scala in cui letteralmente ogni sua auto ha una propria API per accedere alle applicazioni di terzi.

Per quasi un decennio, un gruppo relativamente ristretto di persone e di startup ha sviluppato applicazioni che consentono di assumere un maggiore controllo di un veicolo Tesla o di ottenere dati dal veicolo – compresi i viaggi – e aggregarli. Quest’ultimo è l’utilizzo più comune, con la creazione di servizi popolari come TeslaFi o Tezlab. In questo modo è possibile ottenere informazioni sull’efficienza delle auto, sul degrado delle batterie e su molte altre cose.

Tuttavia, sebbene l’API esista e sia accessibile da applicazioni di terze parti, Tesla non aveva mai rilasciato una documentazione o un SDK. Finalmente ha fatto il primo passo pubblicando documenti che ufficializzano ciò che si può o non si può fare con i suoi veicoli.

L’API ufficiale di Tesla si concentrerà inizialmente sulla gestione del parco veicoli. È stata chiamata FleetAPI e hanno creato un punto di registrazione per generare chiavi pubbliche e private e poter effettuare chiamate senza che il proprietario del veicolo debba fornire il suo nome utente o la sua password.

LEGGI  Guardate la vostra immagine durante le chiamate Zoom? Questo potrebbe avere gravi conseguenze

Il futuro ecosistema di app di Tesla, grazie alle sue API

L’API ufficiale di Tesla è il primo passo verso la creazione di un ecosistema sano e molto più professionale di applicazioni di terze parti. Il passo successivo sarebbe il rilascio di un kit di sviluppo software (SDK) completo, che consentirebbe la produzione di nuove app che funzionano all’interno e all’esterno del veicolo.

Si tratta di un passo inevitabile, poiché Il software di Tesla sta diventando sempre più sofisticato.. Per anni l’azienda ha parlato della possibilità di lanciare un’autovettura App Store che consente l’installazione di applicazioni nel veicolo, ma Elon Musk ha detto che la cosa avrà senso quando saranno in circolazione circa dieci milioni di veicoli.

Con le vendite di auto del marchio in costante aumento (si prevede di vendere 1,8 milioni di unità solo entro il 2023), quel numero si avvicina sempre di più e un negozio di app per auto ha sempre più senso.

L’API di Tesla non servirà solo a creare applicazioni di terze parti da commercializzare ai proprietari di auto. Darà vita a un importante ecosistema di software B2B intorno al marchio. Il primo, e più ovvio, sarà lo sviluppo di sistemi di controllo delle flotte per le società di autonoleggio, i taxi, i VTC, il trasporto merci e molti altri.

Potrebbe anche essere utilizzato dai servizi di compravendita di auto per analizzare lo stato effettivo delle batterie del veicolo in vista di un acquisto. Gli usi, sia per i consumatori che per le aziende, possono essere molto ampi.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *