dal successo di Google al fallimento di Yahoo

Marissa Mayer è stata la persona scelta per salvare Yahoo. Il gigante fucsia stava attraversando il suo momento peggiore di fronte alla concorrenza di Google, Amazon, Microsoft o Twitter. Soprattutto il primo. Il suo algoritmi e il suo pubblicità aveva posto Yahoo in una posizione scomoda, una reliquia di un’epoca di internet del passato. Mayer, con un curriculum di successo e anni di esperienza lavorativa in Google, avrebbe dovuto riorientare Yahoo. Ma la sua esperienza e i suoi precedenti successi non servirono a nulla. Cinque anni sono stati sufficienti per per portare a termine il progetto.

Mayer è stato il prima donna ingegnere a lavorare in Google. La ventesima dipendente, secondo Forbes. Durante i tredici anni trascorsi nell’azienda, si è fatto un nome come grande reputazione e ha accumulato una fortuna. La sua firma con Yahoo nel 2012 è stata, sulla carta, la decisione giusta. L’obiettivo era quello di portare Yahoo al passo con i tempi incorporando il meglio di Google. Ma dopo cinque anni cercando di galleggiare l’ex punto di riferimento di Internet, la Mayer ha lasciato l’azienda. Le dimissioni sono state accompagnate dalla vendita di Yahoo a Verizon per circa 4,48 miliardi di dollari. Milioni di dollari in più, milioni in meno.

Ma Marissa Mayer avrebbe presto intrapreso un nuovo viaggio. Questa volta con la propria start-up. Prima con il nome di Lumi Labsche è stato rinominato Il sole. Di recente ha lanciato il suo nuovo progetto sotto forma di applicazione mobile. Un progetto che si discosta da quanto fatto in Google e Yahoo e che, a quanto pare, è stato criticato per il suo look and feel antiquato. Diamo ora una breve occhiata al Il passato e il presente della MayerSebbene non sia più l’imprenditrice di successo di un tempo, il suo patrimonio è stimato in 760 milioni di dollari.

Un curriculum da invidiare

Università di Stanford

Marissa Ann Mayer ha 48 anni. Sposata dal 2009, ha tre figli. Nel 2008, all’età di 33 anni, è stata la donna più giovane a comparire nell’elenco Forbes delle donne d’affari più potenti d’America. Questa apparizione si è ripetuta ogni anno fino al 2014. Nel 2016 si è classificata al 55° posto tra le donne più potenti. Nel 2023 si è classificata al 33° posto tra le donne americane che si sono fatte da sole. In inglese, Le donne americane che si sono fatte da sole.

Non per niente ha studiato scienze presso il prestigioso Università di Stanford. La stessa università dove hanno studiato Larry Page e Sergey Brin, fondatori di Google, Reed Hastings, fondatore di Netflix e Reid Hoffman, fondatore di LinkedIn. E ha lavorato per due giganti di Internet. Google y Yahoo. Due storie molto diverse. Di successo e di fallimento. Ma questo non ha impedito alla Mayer di gestire la propria start-up, Sunshine. Questo progetto ha già lanciato due applicazioni. Una di queste è stata lanciata di recente.

In un’intervista con Forbes nel 2014, ha notato che Mayer aveva ricevuto 14 offerte di lavoro subito dopo la laurea a Stanford nel 1999. Al momento della pubblicazione di questa intervista, Marissa Mayer era già Vicepresidente, Servizi locali, mappe e localizzazione. È apparsa sulle copertine di riviste come Vogue o negli elenchi di donne eccezionali in pubblicazioni come Vanity Fair. E nel 2013 aveva raggiunto la vetta della classifica di Fortune di 40 personalità sotto i 40 anni. Davanti a Jack Dorsey (fondatore di Twitter), Mark Zuckerberg (fondatore di Facebook), e tanti altri. Ed è apparso anche tra le 100 personalità più importanti della rivista Tempo di quell’anno.

Marissa Mayer su Google

Marissa Mayer su GoogleMarissa Mayer su Google
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpsenwikipediaorgwikiMarissa MayermediaFileMarissa Mayer Search On 2010jpg>Robert Scoble Wikipedia<a><span>

Mayer si è unita a Google come neolaureata. Era il 1999. Era la ventesima dipendente e la prima donna di Google. Come ho già detto, dopo aver rifiutato più di una dozzina di offerte di lavoro. All’epoca, Google non era il gigante che è oggi. Solo un anno prima aveva ricevuto il suo primo investimento. 100.000 da Andy Bechtolsheim, cofondatore di Sun Microsystems. E tre anni prima era un progetto di ricerca di due studenti di Stanford. Applicare la matematica al Web. Questi due legami, la passione di Mayer per la matematica e il fatto che tutti e tre fossero ex allievi di Stanford, hanno dato i loro frutti.

LEGGI  Roadrunner: il drone militare VTOL che potrebbe rivoluzionare i sistemi di difesa

Dopo due anni di lavoro come ingegnere di prodotto presso Google, la Mayer è passata a essere Responsabile di prodotto y Responsabile tecnico dell’interfaccia utente. In altre parole. Ha lavorato ottimizzare l’usabilità della homepage di Google. Si trattava di un compito arduo, se si pensa a quanto fosse minimalista la homepage all’epoca. Nel 2005, dopo sei anni di lavoro in Google, è stata promossa a vicepresidente dei prodotti di ricerca e della UX. In inglese, Vicepresidente dei prodotti di ricerca e UX. E nel 2010 è stata promossa, di nuovo, a vicepresidente dei servizi di localizzazione e locali. Fino a quando è entrato a far parte di Yahoo nel 2012. Ha lavorato per due anni presso Google Maps. Uno dei servizi più popolari di Google.

Marissa Mayer ha trascorso tredici anni in Google. La sua sfavillante carriera le ha portato fama, prestigio e una notevole fortuna. Non solo. Secondo il suo profilo LinkedIn, fa parte del consiglio di amministrazione di AT&T e da Walmart. Non sorprende che, con un simile curriculum, sia stata scelta per svolgere l’importante compito di riportare Yahoo alla sua gloria perduta.

L’ingaggio delle stelle di Yahoo

Marissa Mayer come amministratore delegato di YahooMarissa Mayer come amministratore delegato di Yahoo

Nel luglio 2012, i media hanno dato notizia della grande firma. Marissa Mayerdirigente di Google, diventa CEO di Yahoo. Il terzo CEO in un anno un anno turbolento per un gigante di Internet che sta attraversando i suoi anni peggiori. Mayer ha sostituito Ross Levinsohn. Che, a sua volta, ha sostituito Scott Thompson. Mesi prima, in aprile, un articolo di Forbes proclamato che Yahoo era già morta. Il pezzo di opinione si chiedeva, Chi ha ucciso Yahoo? Chi ha ucciso Yahoo? I tagli o i profitti più alti di Instagram non sono serviti a nulla. 1,06 miliardi di dollari nei primi quattro mesi del 2012.

L’ascesa di Google y Facebook con il tuo pubblicità iper-segmentata e automatizzata si stavano affermando. Yahoo è nato come deposito di link gestito in modo praticamente artigianale. Nel 2012 era un gigantesco portale internet, un fiore all’occhiello con servizi come e-mail, notizie, informazioni finanziarie, applicazioni proprie , come Yahoo Messenger, giochi, giochi per bambini, giochi per bambini, giochi per bambini, giochi per bambini, giochi per bambini, giochi per bambini. proprietario di Flickr y Tumblr e ha anche pubblicato i suoi video.

Ma i portali non erano più di moda. Ora il pubblico voleva i motori di ricerca. Veloce e minimalista. Y reti sociali. Anche i blog erano in piena espansione. Da qui la chiusura di Geocities nel 2009. In altre parole. Gli utenti di Internet non volevano più contenuti. Cercavano servizi dove poter pubblicare i propri contenuti. Yahoo languiva di anno in anno, nonostante fosse tra i siti più visitati al mondo, soprattutto in Giappone. Ma l’evoluzione delle tendenze e dei gusti ne preannunciava la fine, prima o poi. Marissa Mayer era trasformare Yahoo in una sorta di Google. Recuperare il prestigio perduto.

Il lento ma inevitabile crollo

Sede centrale di YahooSede centrale di Yahoo
Fonte Crain National Flickr

Se tutto ciò non bastasse a condannare Yahoo a una morte lenta e dolorosa, Il consiglio di amministrazione di Yahoo non ha aiutato. Nel 2008, Microsoft voleva acquisire Yahoo. All’epoca, l’amministratore delegato di Microsoft era il carismatico Steve Ballmer. Ma le trattative furono osteggiate da Jerry Yangcofondatore di Yahoo. Quando si è dimesso, Microsoft ne aveva abbastanza di aspettare. Così, alla fine del 2008, Microsoft si è arresa. E Yahoo ha continuato a scivolare nel baratro. Yahoo era troppo grande per essere salvata. Un gigante che ha avuto difficoltà a passare al nuovo modello di Internet guidato da Google y Facebook. E l’esperienza di Marissa Mayer non riusciva ad affrontare l’enorme sfida di gestire un progetto destinato al fallimento.

In qualità di amministratore delegato di Yahoo, ha tentato di acquisire la piattaforma video Hulu per affrontare YouTube. Oggi fa parte di Disney. Yahoo aveva già una propria divisione video, che aveva il doppio delle visualizzazioni di Hulu. Ma le trattative non sono andate a buon fine. Non è stato d’aiuto nemmeno lo scandalo, avvenuto nel 2014 ma scoperto nel 2016, in cui una violazione della sicurezza ha permesso alla furto dei dati di 500 milioni di account account utente.

LEGGI  Amazon lancia una nuova versione di Astro, il suo robot intelligente

La partenza di Marissa Mayer da Yahoo

Esterno di un negozio Verizon negli Stati Uniti.Esterno di un negozio Verizon negli USA
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Verizon<span>

Dopo cinque anni, la Mayer avrebbe lasciato Yahoo con 260 milioni di dollari in tasca, secondo quanto riportato da CNN. Tale importo corrispondeva al valore dei 4,5 milioni di azioni che la Mayer possedeva in Yahoo, vendute a Verizon. Compresa AOL. E una buonuscita di altri 23 milioni. Il risultato di questa vendita si sarebbe inizialmente chiamato Oath. Società che gestirebbe i marchi Yahoo, AOL y HuffPost. Ma non tutto è stato venduto a Verizon. Le attività rimanenti sono state rinominate Altaba. La sua parte più utilizzabile era Yahoo Giapponeacquisito da SoftBank entro la fine del 2018.

Marissa Mayer ha dato l’addio a Yahoo nell’estate del 2017 con un lettera pubblica intitolata Nostalgia, gratitudine e ottimismo e pubblicato in Tumblr. I cambiamenti e gli sforzi compiuti in cinque anni sono serviti a poco o nulla. Yahoo è stato smembrato ed è ormai un ricordo. Anche se è ancora attivo, soprattutto negli Stati Uniti. Fondamentalmente, è ancora un portale di notizie, con informazioni generali, sportive e finanziarie. Integra un motore di ricerca, che utilizza il motore Bing di Microsoft. Gestisce anche un canale televisivo di informazione finanziaria. In Spagna, le colonne portanti di Yahoo sono la ricerca, le informazioni finanziarie e il client di posta elettronica. Il Giappone rimane l’unico mercato in cui Yahoo è ancora il grande portale di contenuti che è sempre stato.

La nuova vita della Mayer

Contatti SunshineContatti Sunshine

Che ne è stato della Mayer dopo la sua partenza da Yahoo? Non è passato molto tempo prima che Marissa Mayer si imbarcasse in una nuova avventura imprenditoriale. Ma questa volta, creando una propria startup insieme al suo partner in crime Enrique Muñoz Torres. Entrambi avevano lavorato insieme a Google. E successivamente a Yahoo. L’azienda si chiamava inizialmente Lumi Labs. Con un investimento iniziale di 20 milioni di dollari. Ma alla fine del 2020, è stato rinominato come Sole. Un nome più facile da vendere. L’azienda, con sede a Palo Alto, in California, doveva concentrarsi sulla creazione di prodotti legati all’intelligenza artificiale.

Il primo prodotto ufficiale nato da questa iniziativa è stato Contatti Sunshine. Annunciato alla fine del 2020, si trattava di un’applicazione mobile il cui scopo era quello di organizzare i contatti in modo automatizzato, utilizzando algoritmi e intelligenza artificiale. Secondo il portale specializzato data.ai, Contatti Sunshine è stato rilasciato inizialmente per iPhone nel novembre 2020. Secondo il comunicato stampa di annuncio, era disponibile per la prova su invito. È stato ridisegnato e rilanciato per iOS nell’estate del 2022. Ed è stato lanciato per Android entro la fine di aprile 2023.

In questo rilancio, hanno colto l’occasione per pubblicare un’altra app, Compleanni al sole. Inizialmente per iOS, è stato rilasciato su Android nel gennaio 2024. Questo seconda applicazione è per ricordare i compleanni. In realtà raccoglie queste informazioni da contatti, calendari e Facebook per visualizzarli in un unico elenco.

Cosa sta facendo ora Marissa Mayer?

Sole splendenteSplendore del sole

Al momento in cui scriviamo, l’ultima notizia che ci giunge da Marissa Mayer è che rimane al timone di Sole. Ma il cofondatore, Enrique Muñoz Torresha deciso di lasciare l’azienda. La sua partenza fa seguito al fallimento del lancio, a fine marzo, della sua terza applicazione, Shine. Un’applicazione per creare album fotografici e condividerli. Tuttavia, l’applicazione è stata pesantemente criticata per il suo scarso design e il suo scopo discutibile. Così Muñoz Torres decise di annunciare il suo addio con una nota su LinkedIn mercoledì 3 aprile.

Disponibile, per ora, per iOS, Shine è un’applicazione per la condivisione di foto alimentata dall’intelligenza artificiale. Qualcosa che già facciamo, senza intelligenza artificiale, con WhatsApp, Instagram, Foto di Apple o Google Foto. Ma con questa app, Mayer e compagnia hanno voluto dare un tocco diverso. Le critiche hanno spinto la stessa Marissa Mayer a rispondere ai critici chiedendo suggerimenti e consigli su come migliorare l’app. È arrivata persino a pubblicare un offerta di lavoro da Progettista UI/UX.

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *