Steve Ballmer, il CEO di Microsoft più virale della storia

Il nome di Steve Ballmer è oggi associato alla città di Los Angeles, in California. E più precisamente alla sua seconda squadra di basket, Los Angeles Clippers. Come proprietario della squadra, i Clippers hanno vinto due titoli di divisione. Ma alla fine del XX secolo e nel primo decennio del XXI, Ballmer è stato uno dei personaggi più noti di Microsoft. Se Bill Gates è stato il creatore e il presidente del colosso dietro Windows, Office o Hotmail, Ballmer è stato il suo secondo in comando e il responsabile di per vivacizzare presentazioni e interviste.

Se c’è una cosa in cui Steve Ballmer ha eccelso durante la sua permanenza in Microsoft, agli occhi del grande pubblico, è stato nel suo apparizioni da star. Prima che esistessero i meme in quanto tali e prima che foto, video e screenshot diventassero virali, Ballmer riusciva a a guadagnarsi il favore della stampa e del pubblico recitando in situazioni esilaranti e lontane da ciò che è sempre stato inteso come dirigente. Una ricerca su YouTube vi darà un assaggio di alcune delle performance più memorabili di Ballmer: salire sul palco dando saltando e gridando, danza spasmodicamente ad una festa, o recitando in video parodistici con il sempre introverso Bill Gates. Il suo repertorio è storia di Internet.

Ma oggi Ballmer è La storia di Microsoft. Dal 2014, quando un allora sconosciuto Satya Nadella gli è succeduto come CEO dell’azienda. Questo segna la fine di un periodo che ha attraversato quasi tutta la vita del gigante di Redmond. Microsoft è stata creata da Bill Gates insieme a Paul Allen. Ma Steve Ballmer è sempre stato presente quando Microsoft era già il gigante che tutti conosciamo. Ripercorriamo chi era Ballmer e cosa ne è stato di lui dopo il periodo trascorso in Microsoft.

LEGGI  Google Pixel 8 presenta un nuovo colore e più funzioni AI

Steve Ballmer prima di Microsoft

Bill Gates e Steve Ballmer
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Forbes<span>

Steve Ballmer ha oggi un patrimonio netto di circa 111,7 miliardi di dollari USA. Egli afferma Forbesdel novembre 2023. Nato il 24 marzo 1956 a DetroitMichigan, luogo di nascita dell’industria automobilistica e sede di icone quali Ford, Chrysler o General Motors. In effetti, suo padre, Frederic Ballmer, ha lavorato per la Ford Motor Company in una posizione di una certa importanza.

Nato da padre svizzero e madre bielorussa, la sua situazione economica gli ha permesso di studiare all’Università di New York. Scuola Internazionale di Bruxelles tra il 1964 e il 1967. In seguito ha studiato in diverse altre scuole, prima di approdare alla prestigiosa Università di Harvard. Nel 1977 si è laureato Magna cum laude in Lettere, Matematica applicata ed Economia. Durante la sua permanenza ad Harvard, ha incontrato Bill Gates. Entrambi vivevano nello stesso piano e corridoio della residenza studentesca che condividevano con molti altri studenti.

Durante la sua carriera professionale, Ballmer ha lavorato presso Procter & Gamble per un paio d’anni. Ha poi tentato la fortuna come sceneggiatore a Hollywoodha iniziato gli studi per ottenere un MBA presso la Stanford Graduate School of Business e infine, nel 1980, è entrato in Microsoft.

La sua carriera di successo in Microsoft

Il secondo CEO di MicrosoftIl secondo CEO di Microsoft
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpswwwwiredcom20120580 inch windows 8 tablets target= blank rel=noopener>Wired<a><span>

Fondata cinque anni prima, Ballmer era il 30° dipendente di Microsoft. Il suo titolo di lavoro? Responsabile delle operazioni, comprese le aree del personale, della finanza e del diritto dell’azienda. Questo si traduceva in uno stipendio lucrativo accompagnato da azioni della società. Inoltre, in quell’anno, Microsoft ha firmato un’importante accordo con IBM per sviluppare un sistema operativo. Inoltre, lancia il proprio UNIX, che gli frutterà una fortuna. L’anno si conclude con 40 dipendenti e un fatturato di 8 milioni di dollari.

LEGGI  Arriva il nuovo monitor Samsung ViewFinity S9 per sfidare l'Apple Studio Display

Tra il 1980 e il 2000, Steve Ballmer ha ricoperto diverse posizioni all’interno di Microsoft. Oltre a essere responsabile delle operazioni, è stato responsabile delle vendite, dell’assistenza e dello sviluppo del sistema operativo. Ad esempio, nel 1992 è stato promosso a Vicepresidente esecutivo delle vendite e dell’assistenza. E nel 1998 è stato nuovamente promosso, diventando Presidente di Microsoft. E come tale, il numero due dell’azienda. Il numero uno era, ovviamente, l’amministratore delegato, Bill Gates. E non sorprende che, quando Gates lasciò l’azienda in seguito all’incidente di crisi delle dot-comBallmer era il suo sostituto naturale. Quindi, tra il 2000 e il 2014, il top manager di Microsoft è stato Steve Ballmer.

Controverso, dentro e fuori dall’ufficio

Video YouTubeVideo di YouTube

Professionalmente, Ballmer ha avuto i suoi alti e bassi. Ha guidato il team che ha creato Quadro .NET. Questo getterà le basi per quello che oggi è Azzurroun pilastro importante per Microsoft. In qualità di CEO, ha assunto la guida di Microsoft in un periodo molto difficile per l’azienda, in quanto Google è diventato un colosso di Internet grazie al suo motore di ricerca e ad altri servizi emergenti e Apple ha rivoluzionato il mercato della telefonia mobile con l’iPhone, dopo il successo dell’iPod.

L’azienda ha faticato a lanciare con successo il suo prodotto di punta Windows, come ad esempio Windows XP o Windows 7. E da altri più disastrosi, come Vista o Windows 8. E ha cercato di sfidare Android e iOS con Windows Phone. Ed è andata male. Voleva anche convertire il personal computer in un computer con schermo tattile nel tentativo di di mettere in ombra l’iPad. L’azienda si è anche cimentata nel mercato della musica digitale lanciando il proprio iPod, il Microsoft Zune. E ha fatto il suo ingresso nel console per videogiochi con la Xbox.

Ma se viene ricordato per qualcosa Steve Ballmer è per il suo carattere estroverso e le sue capacità di attirare l’attenzione. Con lo stile di un venditore di auto in TV, Ballmer si è creato un personaggio che contrasta e completa la figura più seria di Bill Gates. Se Gates aveva un’immagine da nerd, Ballmer era l’amico amante del divertimento nel vero stile di Ballmer John Belushi. Le presentazioni pubbliche di Gates più ricordate hanno a che fare con le schermate blu e altri bug dei prodotti. Ma le presentazioni di Steve Ballmer sono ricordate soprattutto per le loro performance stravaganti che nessuno voleva emulare, se non per parodiarlo, ma che hanno raggiunto il loro scopo: attirare l’attenzione della stampa per finire sulla prima pagina di giornali, riviste e notiziari televisivi. Ballmer era virale prima che il concetto diventasse popolare.

Da Microsoft all’NBA

Steve Ballmer proprietario dei Clippers della NBASteve Ballmer proprietario dei Clippers dell'NBA
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpswwwsportingnewscomaunbanewslos angeles clippers owner steve ballmer buys the forum in 400 million dealv5ga22npecjg1lotdhuww7h7a target= blank rel=noopener>Notizie sportive<a><span>

Steve Ballmer ha lavorato in Microsoft per 34 anni. A suo favore va detto che ha preso le redini di questa azienda all’indomani di una grave crisi che ha stroncato molte aziende e investitori che erano rimasti vittime della grande crisi del 2008. E che, in gran parte, ha portato alla partenza di Bill Gates. Nei 14 anni in cui è stato CEO di Microsoft, Ballmer è stato ampiamente criticato per alcune sue decisioni. Ma ricordiamo che i suoi rivali erano Google e Appleche stavano diventando i titani di oggi. Eppure, si è impadronito di prodotti e marchi importanti, acquisendo Skype, Nokia, LinkedIn o Navisiontra gli altri. In un’analisi di Forbesha criticato Ballmer per valore di borsa Il valore di borsa di Microsoft sarebbe crollato. Tuttavia, i profitti erano più che raddoppiati.

E a proposito di profitti. Anche il portafoglio di Ballmer è cresciuto durante i suoi anni alla Microsoft. Da un lato, ha ricoperto posizioni dirigenziali praticamente per tutta la sua vita professionale. E avere una percentuale di azioni della società ha fatto sì che la sua ricchezza aumentasse. Nel 2003, ad esempio, ha venduto azioni che all’epoca valevano 39 milioni per 955 milioni. E, secondo Wikipediaè stata la seconda persona al mondo a a diventare miliardario attraverso le azioni ricevute come dipendente.

Cosa ha fatto Steve Ballmer in tutti questi anni? Dopo la sua partenza da Microsoft nel 2014, Ballmer ha assunto la direzione di Los Angeles Clippersla seconda squadra di basket della città di Los Angeles. Secondo Forbesha acquistato questa franchigia NBA per 2 miliardi. E oggi è valutata 4,65 miliardi. Non solo. Come proprietario dei Clippers, Ballmer ha portato la squadra a due titoli di divisione (2013 e 2014) e, per diversi anni, a superare i Los Angeles Lakers.

Altri progetti di Steve Ballmer

Steve e Connie BallmerSteve e Connie Ballmer
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpswwwballmergrouporgteam target= blank rel=noopener>Gruppo Ballmer<a><span>

Possedere una franchigia NBA richiede tempo, ma non troppo. Ecco perché Steve Ballmer ha fatto molto di più nel corso degli anni. Nel 2017, ad esempio, ha fondato USAFacts. Si tratta di un’organizzazione organizzazione senza scopo di lucro si è concentrata sull’analisi come viene speso il denaro e rendere questi dati disponibili a tutti. Sul loro sito web affermano di fornire “analisi accessibili sulla spesa e sulle prestazioni degli Stati Uniti al fine di basare i dibattiti pubblici sui fatti“.

D’altra parte, è il cofondatore di Gruppo Ballmer. L’altro “socio” è la moglie, Connie Ballmer, che ha sposato nel 1990 e con cui ha tre figli. Questa società di investimento, creata nel 2015, afferma sul suo sito ufficiale che il suo scopo è “migliorare la mobilità economica dei bambini e delle famiglie negli Stati Uniti. Finanziamo leader e organizzazioni che hanno dimostrato la capacità di rimodellare le opportunità e ridurre le disuguaglianze sistemiche”.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *