Il nuovo DJI Mini 4 Pro mi ha fatto innamorare.

Il DJI Mini 4 Pro ha conquistato il mio cuore. Non è l’aereo più avanzato del marchio asiatico. E non è nemmeno il più conveniente al momento. Tuttavia, dopo aver effettuato alcuni test, mi è apparso subito chiaro che si tratta di un’apparecchiatura molto speciale.

Il DJI Mini 4 Pro è estremamente leggero e compatto, il che lo rende molto facile da trasportare. Inoltre, grazie alla marcatura C0, si gode di una maggiore libertà in termini di zone di volo consentite.. Ha una telecamera straordinaria e versatile. E come se non bastasse, questo nuovo modello è dotato di una nuova serie di sensori in grado di monitorare l’ambiente in tutte le direzioni.

In pratica è un prodotto senza asterischi. Questo non vuol dire che non ci siano prodotti più all’avanguardia. Ma la gamma di persone che possono essere soddisfatte al 100% da questo prodotto è ora ancora più ampia di prima.

Cosa è cambiato rispetto al DJI Mini 3 Pro?

Uno dei principali cambiamenti apportati da questo modello è la qualità della trasmissione. Il nuovo drone è dotato di Sistema O4 di DJIche consente di inviare il drone fino a 20 km secondo le normative FCC e 8 km secondo le normative europee. Tuttavia, ciò che è più interessante è che ora il flusso Il video è in 1080p e a 60FPS. E la differenza è significativa quando lo si guarda di persona. L’esperienza è più realistica, le decisioni possono essere prese con maggiore rapidità – se c’è un rischio – e inoltre il pilota ha una visione più accurata di ciò che la telecamera sta effettivamente catturando.

Un altro cambiamento significativo è il sistema di rilevamento degli ostacoli. In particolare, dispone di quattro sensori di visione con lente fisheye, sensori binoculari con puntamento verso il basso, un sensore ToF 3D e una luce ausiliaria. La combinazione di tutti questi elementi consente al drone di rilevare gli ostacoli in tutte le direzioni. E posso dire che si comporta davvero bene. In uno dei miei test, ad esempio, ho attivato una modalità di volo autonomo e ho iniziato a correre in un ambiente pieno di alberi e altri ostacoli. Il velivolo mi ha seguito senza problemi, evitando tutto ciò che incontrava sul suo cammino.

LEGGI  Si tratta di Grok, la nuova IA di Elon Musk per Twitter e Tesla con cui vuole "uccidere" ChatGPT.

Questi sensori sono anche sono enormemente utili durante i voli manuali. Soprattutto quando si eseguono movimenti laterali, all’indietro, verso l’alto o verso il basso. In questi casi, il pilota non ha modo di rilevare gli ostacoli con la sola telecamera. Ora, però, sul controllore apparirà un avviso che lo avvertirà di questa situazione.

Arriva anche con miglioramenti alla fotocamera

DJI ha anche ha migliorato l’ISP che elabora tutte le informazioni catturate dalla fotocamera, che rimane la stessa (48 megapixel, dimensioni 1/1,3 pollici e f/1,7). Questo cambiamento fa fare a questo prodotto un salto di qualità rispetto al modello precedente sotto diversi aspetti.

Ad esempio, è ora possibile registrare D-Log M o HLG a 10 bit., molto apprezzato dai professionisti per il lavoro di post-produzione. Sono stati apportati miglioramenti anche alla modalità HDR (ora inclusa nella tecnologia SmartPhoto, che combina l’HDR con il riconoscimento della scena), agli algoritmi di riduzione del rumore migliorati, alla possibilità di registrare in modalità notturna e altro ancora.

DJI Mini 4 Pro ora supporta anche la registrazione di video in slow-motion fino a 100 FPS e a 4K o 1080p e 200 FPS. Se non si opta per lo slow motion, il limite è 4K, 60 FPS e, sì, con tecnologia HDR.

Tutto questo si aggiunge alla possibilità di ruotare la telecamera di 180 gradi per riprendere video o foto in verticale – disponibile sul modello precedente -, i 30 minuti di autonomia (reale, non teorica), la possibilità di zoom digitale di buona qualità (grazie ai 48 megapixel) e il nuovo telecomando, che ora è compatibile con il sistema di trasferimento O4. Gradita è anche l’inclusione di una memoria interna con capacità fino a 2 GB in cui memorizzare video o filmati. Non si può chiedere di più a un prodotto di questa categoria.

Quanto costa?

Il DJI Mini 4 Pro può essere acquistato con il controller DJI RC-N2 al prezzo di 799 euro.. Questo controller, ricordiamo, richiede la connessione di un telefono cellulare che funge da schermo.

LEGGI  Elon Musk sta già reclutando volontari per impiantare i chip cerebrali Neuralink.

Il marchio commercializza anche un pacchetto al prezzo di 999 euro che include il DJI RC-2il controller che incorpora uno schermo integrato e si posiziona come una soluzione più completa.

Infine, è possibile acquistare il pacchetto DJI Mini 4 Pro Fly Moreche comprende il controller DJI RC 2, il drone, tre batterie, tre coppie di eliche, un cacciavite, una protezione per lo stabilizzatore, cavi USB-C, una borsa per il trasporto e un hub di ricarica bidirezionale. Il costo è di 1.129 euro.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *