Stati Uniti, UE e Cina firmano un accordo sui pericoli dell’intelligenza artificiale

Il primo giorno del Vertice sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale, ospitato dal Regno Unito, ha portato al primo grande accordo internazionale sulla gestione dell’intelligenza artificiale. Un totale di 28 governi ha firmato il cosiddetto Dichiarazione di Bletchley. Tra questi vi sono gli Stati Uniti, la Cina e l’Unione Europea, che hanno tutti concordato sul fatto che l’intelligenza artificiale rappresenta un rischio potenzialmente catastrofico per l’umanità.

I governi hanno concordato un piano di collaborazione internazionale che prevede almeno due nuovi vertici: uno che si terrà in Corea del Sud tra sei mesi e un altro in Francia tra un anno. Il governo britannico voleva dare il via libera alla creazione di un centro di prova internazionale nel Regno Unito, ma alla fine l’iniziativa non è stata accolta.

La dichiarazione sottolinea la necessità di trasparenza e responsabilità degli attori che sviluppano questa tecnologia. Cita l’intenzione dei governi di creare piani per misurare, monitorare e mitigare le capacità potenzialmente dannose.

“Esiste il potenziale per danni gravi, persino catastrofici, sia intenzionali che non, derivanti dalle capacità più importanti di questi modelli di intelligenza artificiale”, si legge nel documento. Tra i rischi principali, sono stati evidenziati quelli relativi a alla sicurezza informatica, alle biotecnologie e allo sviluppo di campagne di disinformazione.

Il gruppo ha deciso di sostenere la creazione di “una rete internazionale di ricerca scientifica” sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di facilitare la fornitura della “migliore scienza disponibile” per la definizione delle politiche pubbliche.

Credito: Stampa ufficiale del Regno Unito.

L’accordo sull’intelligenza artificiale ottiene una rara dimostrazione di unità globale

Michelle Donelan, segretario alla tecnologia del Regno Unito, ha aperto il vertice. “Per la prima volta, i Paesi sono d’accordo sulla necessità di esaminare, non solo in modo indipendente ma anche collettivamente, i rischi legati all’intelligenza artificiale di frontiera”, ha dichiarato ai giornalisti.

Sul palco si sono uniti a lei il Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo e il Vice Ministro cinese della Scienza e della Tecnologia Wu Zhaohui. Una rara dimostrazione di unità globale. L’incontro è il risultato di mesi di lavoro da parte del governo del Primo Ministro Rishi Sunak, che si è prefisso di creare un ruolo per la Cina. Regno Unito come intermediario tra i blocchi economici di Stati Uniti, Cina e Unione Europea.

LEGGI  iRobot ha un nuovo Roomba 'economico' che vorrete nel vostro salotto.

“La dichiarazione realizza gli obiettivi chiave del vertice, stabilendo un accordo e una responsabilità condivisi per i rischi, le opportunità e un processo di collaborazione internazionale”, ha dichiarato la Gran Bretagna in una dichiarazione separata che accompagna la dichiarazione.

Il Ministro Wu ha approfittato della sua partecipazione per dire che i Paesi devono lavorare per garantire che l’intelligenza artificiale “rimanga sempre sotto il controllo umano”. E ha sostenuto che tutti i Paesi, a prescindere dalle dimensioni e dalla scala, dovrebbero avere “uguali diritti di sviluppare e utilizzare l’intelligenza artificiale”.

La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris guida la delegazione statunitense. In un discorso pronunciato dall’ambasciata, Harris ha esortato gli altri Paesi ad andare oltre e più velocemente. Ha sottolineato che l’intelligenza artificiale sta già causando danni, oltre alle minacce esistenziali di attacchi informatici massicci o di armi biologiche. Dobbiamo lavorare “a tutto campo”, ha detto.

Elon Musk

I giganti della tecnologia nella lista degli invitati

Il summit si terrà mercoledì e giovedì presso la sede di Bletchley Park, sede degli sforzi del Regno Unito per la decifrazione dei codici durante la Seconda Guerra Mondiale. Il famoso scienziato informatico Alan Turing vi lavorò.

L’elenco dei 100 ospiti comprende anche accademici ed esperti, oltre a dirigenti del settore tecnologico. Tra questi, Elon Musk, leader di Twitter e SpaceX, e Sam Altman, CEO di OpenAI, il creatore di ChatGPT.

“Per la prima volta, abbiamo una situazione in cui c’è qualcosa che sarà molto più intelligente dell’essere umano più intelligente”, ha detto Musk, che è riconosciuto come la persona più ricca del mondo e ha già avviato la sua società di intelligenza artificiale. “Non mi è chiaro se potremo effettivamente controllare questa cosa”, ha detto a margine del summit.

LEGGI  iOS 18 sarà come Snow Leopard

Musk avrà un colloquio con il primo ministro britannico alla fine del summit. L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming su Twitter (ora chiamato X), ha confermato Sunak. Lo scorso marzo, Musk ha promosso una dichiarazione, sostenuta da più di mille esperti, che invitava i laboratori che sviluppano modelli di intelligenza artificiale a sospendere l’addestramento dei loro sistemi più potenti.

L’urgenza globale inizia a dare i suoi frutti

Il vertice è una delle numerose iniziative globali che i governi del mondo si sono affrettati a intraprendere negli ultimi mesi per regolamentare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. La scorsa settimana, il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha lanciato il primo organismo globale sulla governance dell’intelligenza artificiale.

Si tratta di un gruppo consultivo, composto da 39 membri provenienti da istituzioni, governi e tecnologie di tutto il mondo. Ne fanno parte rappresentanti di Microsoft, Google e OpenAI, alcune delle più importanti aziende del settore. L’organismo valuterà i rischi posti dall’intelligenza artificiale e formulerà proposte per contribuire ad affrontare queste sfide.

Il governo degli Stati Uniti, nel frattempo, ha lanciato questa settimana un nuovo ordine esecutivo. La misura richiederà ai produttori di grandi sistemi di intelligenza artificiale, come Google e OpenAI, di riferire al governo informazioni chiave, come ad esempio quando decidono di creare un nuovo modello e le relative protezioni di sicurezza informatica.

L’Unione Europea sta ancora approvando una bozza di legge sull’intelligenza artificiale, con l’obiettivo di sviluppare una serie di principi e confini per lo sviluppo della tecnologia nella regione. Il G7, che riunisce le democrazie e le economie più ricche del mondo, si è impegnato ad adottare un piano per la sicurezza informatica. “codice di condotta” entro la fine dell’anno.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *