Secondo gli esperti, condividere le password con amici, familiari o con il proprio partner è un grave errore.

Anche se siamo ormai abituati a usare riconoscimento delle impronte digitali o del volto sui nostri smartphone, viviamo ancora con le password. Sono ovunque: per gli acquisti online, per le operazioni bancarie, per l’utilizzo del computer al lavoro… Sono tante le password difficili da memorizzare. E non solo. A volte ci viene voglia di condivisione delle password con un collega, un amico, un familiare o un partner.

Il vostro account Netflix, la vostra email personale, il codice di sblocco del vostro telefono cellulare… Condividere le password è una cosa che facciamo troppo. O almeno così sembra da un sondaggio condotto dalla società di sicurezza Avast. Il 56% degli intervistati (oltre 2.000 uomini e donne spagnoli), conosceva la password di qualcun altro. E il 71% di questo 56% conosceva la password. del proprio partner. Il 13% addirittura da un ex partner. In altre parole, la condivisione delle password è piuttosto comune.

La domanda da un milione di dollari è: stiamo facendo la cosa giusta? Il sondaggio stesso ci fornisce alcuni indizi. “Tra coloro che conoscono la password dell’ex partner o del coniuge, il 50% ha ammesso di aver hanno ancora accesso ai conti e il 56% ha ammesso di poter ancora accedere al proprio account di posta elettronica di lavoro”. D’altra parte, “uno spagnolo su cinque (21%) è stato vittima di un’azione di qualcuno che accede al proprio account e ha modificato le loro password a loro insaputa o senza il loro consenso. Il 37% ha attribuito l’uso improprio della propria password all’ex partner”.

Fonte: TheDigitalWay (Pixabay)

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?fit=800%2C540&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?fit=780%2C527&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”527″ alt=”Condividere le password può metterti nei guai” class=”wp-image-1108463 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?resize=780%2C527&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-1108463″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2018/11/contrasena-olvidada-navegador-web/data-security-keyboard-computer-thedigitalway” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?fit=1280%2C864&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1280,864″ data-comments-opened=”0″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″,”copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay” data-image-description=”” data-image-caption=””

Fonte: TheDigitalWay (Pixabay)

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?fit=800%2C540&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?fit=780%2C527&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”527″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2018/11/data-security-keyboard-computer-TheDigitalWay.jpg?resize=780%2C527&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Condividere le password può metterti nei guai” class=”wp-image-1108463″ data-recalc-dims=”1″/>

Fonte: TheDigitalWay (Pixabay)

Fiducia e comfort, cattivi consiglieri

A prescindere dal fatto che la vostra relazione finisca bene o male, condividere le password è una pessima idea per molti motivi. Nel caso evidenziato dalla AvastQuando una relazione si interrompe, porta con sé conseguenze indesiderate, come la completa rottura della fiducia in quella persona. Quindi è consigliabile cambiare le password che abbiamo condiviso. Ma abbiamo commesso un errore quando li abbiamo condivisi.

Il ingegneria sociale da decenni approfitta della nostra fiducia in amici, familiari e partner per sottrarci molto più di una semplice password: dati personali, informazioni bancarie e persino l’invio diretto di denaro, come nel caso delle truffe WhatsApp, oggi così comuni. E che, inoltre, si combinano con Bizum per ricevere denaro da persone ignare approfittando della loro fiducia.

Le password sono unico e personale. Nel migliore dei casi, possiamo memorizzarle in modo sicuro in un gestore di password per non doverle memorizzare. Ma la loro condivisione comporta svantaggi e pericoli per la sicurezza. Ad esempio, la persona di cui ci fidiamo condivide la password con altri. volontariamente o in quanto vittima di un inganno o di un furto di dati. Se una password è già a rischio nelle vostre mani, lo è ancora di più se viene condivisa.

E nonostante siamo consapevoli del pericolo, continuiamo a farlo. Un’indagine di LastPass Un sondaggio del 2016 condotto su 1.000 utenti statunitensi ha indicato che il 95% condivide le password con altri. Soprattutto partner, ma anche figli o colleghi di lavoro. La cosa curiosa è che il 73% degli intervistati ha riconosciuto che stava facendo la cosa sbagliata. Solo il 27% non vede alcun pericolo nel condividere le password con una persona di fiducia.

I pericoli della condivisione delle password

La condivisione delle password è una pessima idea per molte ragioni. Proviamo a riassumerli e a elencare i più importanti. Tuttavia, è facile che ne sfuggano alcuni. Le ragioni per non condividere una chiave, un codice o una password sono strettamente collegate.

  • Si dà accesso al informazioni contenuto in tale conto.
  • Se si ripete password, si dà accesso a più account contemporaneamente.
  • Non sarete mai sicuri al 100% di chi ha la vostra password. lo utilizzerà correttamente.
  • Non tutti sono altrettanto prudente quando si salva una password.
  • La password può cadere nelle mani sbagliate. E non per colpa vostra.
  • L’utilizzo dell’account di qualcun altro implica fare cose in loro nome.
  • È possibile annullare l’account senza aver fatto nulla e senza sapere chi è stato.
  • Condividendo una password, può essere intercettato se non si utilizzano metodi sicuri.

Acquisti online, dati bancari, e-mail, applicazioni online, piattaforme di streaming o di gioco online… Ci sono migliaia di password che possiamo utilizzare. vogliono condividere con gli altri. Per motivi di lavoro. O per risparmiare i costi associati a quel servizio. Per comodità. O semplicemente perché non abbiamo pensare alle conseguenze conseguenze. Nella migliore delle ipotesi, non succederà nulla. Nella peggiore delle ipotesi, è possibile far cancellare l’account utente associato alla password. Oppure potete perdere denaro se qualcuno sa come accedere al vostro conto bancario o al numero della vostra carta.

I gestori di password ci aiutano a condividere le password in modo sicuro.

Cosa fare se si intende condividere le password

Potreste non avere altra scelta se non quella di condividere una password. Al lavoro o a casa. Prima di farlo, riflettere sull’esistenza di alternative. Ad esempio, se è accedere a un documento onlineè possibile condividerlo tramite un link. A questo punto l’altra persona, con il proprio account e senza dover utilizzare la vostra password, potrà visualizzare e/o modificare il documento. E se si tratta di un documento protetto da password, assicuratevi che l’accesso condiviso sia limitato a un periodo di tempo specifico. Dopo questo periodo di tempo, cambiare la password.

Se non c’è alternativa e dovete condividere una password, provate a utilizzare una password metodo sicuro. Per cominciare, il gestori di password Gli attuali gestori di password dispongono di tali funzioni. In questo modo è possibile sapere chi possiede la password e se è stata compromessa. Inoltre, in molti casi, la password stessa non viene condivisa, per cui la sicurezza è garantita.

E se siete costretti a condividere le password attraverso canali meno sicuri, come WhatsApp, Telegram o Signal, assicuratevi che la password non venga condivisa con nessun altro. la crittografia dei messaggi è abilitata. E utilizzate messaggi temporanei in modo che la password non venga memorizzata nella conversazione.

Infine, è consigliabile cambiare regolarmente le password. È sempre consigliabile, ma lo è ancora di più se li condividete. In questo modo si ridurranno le possibilità di furto, uso improprio, riutilizzo della password da parte di qualcuno di cui non ci si fida più, ripetizione della password su più account, ecc.

LEGGI  La modalità di trasparenza adattiva potrebbe arrivare su AirPods Pro 1 e AirPods Max con iOS 16.1
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *