Roadrunner: il drone militare VTOL che potrebbe rivoluzionare i sistemi di difesa

Palmer Luckey è un nome noto nell’industria tecnologica. Da fondatore di Oculus, è diventato una delle persone più influenti della Silicon Valley, soprattutto per l’acquisto di Oculus nel 2014 da parte di Facebook per 3 miliardi di dollari.

Tuttavia, dall’essere uno dei nomi più influenti del settore, è caduto in disgrazia nel 2016, dopo che sono emerse una serie di notizie che accusavano il fondatore di Oculus, e all’epoca di Facebook, di aver donato 10.000 dollari a America agile. Nimble era un gruppo pro-Donald Trump che aveva realizzato una campagna di affissioni con la candidata alle presidenziali del 2016 Hillary Clinton e un messaggio che recitava “Troppo vecchia per andare in prigione”.

Questo, sebbene sempre parzialmente smentito da Facebook, ha portato al suo licenziamento nel marzo 2017. Palmer Luckey ha lasciato Facebook e ha smesso di partecipare a Oculus VR, scomparendo dalla vita pubblica. Luckey avrebbe in seguito fatto causa a Facebook, sostenendo che l’azienda aveva violato la legge della California per aver presumibilmente esercitato pressioni sul dirigente affinché esprimesse il proprio sostegno a Johnson e per aver punendo un dipendente per la sua attività politica.

Dalla realtà virtuale alla tecnologia militare

In mezzo a questo vortice di cause e problemi con Facebook, Luckey ha co-fondato, nel 2017, una società di tecnologia di difesa chiamata Anduril, insieme agli ex dirigenti di Palantir Technologies Matt Grimm, Trae Stephens e Brian Schimpf, e al primo responsabile dell’hardware di Oculus, Joe Chen. Ma di Anduril non si è saputo più nulla. Fino ad oggi.

Il co-fondatore di Oculus è tornato alla grande vita tecnologica con il primo grande prodotto di Anduril, questa volta lontano dai riflettori che lo hanno portato a Oculus, per mostrare al mondo ciò a cui hanno lavorato negli ultimi sei anni: il Roadrunner.

LEGGI  LG presenta l'M3 OLED, un televisore completamente privo di porte

Questo drone è disponibile in due varianti: una civile, incentrata sul trasporto, e una militare, con la capacità di attaccare obiettivi in volo. Entrambe le versioni hanno qualcosa in comune: sono molto diverse da quelle che abbiamo visto finora in questo segmento.

Roadrunner: un drone autonomo e riutilizzabile che decolla come un razzo di SpaceX

In primo luogo, perché il Roadrunner è un VTOL: Decollo e atterraggio verticale o sistema di decollo e atterraggio verticale. Combina alcuni dei sistemi di razzi riutilizzabili utilizzati da aziende come SpaceX, tra cui il decollo verticale e la riutilizzabilità (tranne che per la variante militare). La descrizione completa del Roadrunner è la seguente veicolo aereo autonomo (AAV) riutilizzabile, a decollo e atterraggio verticale (VTOL), supervisionato dall’operatore. Il drone è alimentato da due motori a turbogetto e ha diverse configurazioni di carico utile modulari che possono supportare una varietà di missioni.

NEST, il sistema di lancio del Roadrunner

La versione militare sembra uscita da un gioco di fantascienza. La sua designazione commerciale è Roadrunner-M ed è, in poche parole, un sistema di difesa aerea basato a terra in grado di lanciare, identificare, intercettare e distruggere rapidamente un’ampia varietà di minacce aeree. Ed è anche riutilizzabile: può essere recuperato e rilanciato in sicurezza a costo quasi zero rispetto ad altri sistemi di difesa aria-terra. A condizione, ovviamente, che il suo carico utile non sia esploso.

Entrambe le versioni utilizzano vari sistemi di intelligenza artificiale e di autonomia per consentire a un singolo operatore di monitorare molti Roadrunner contemporaneamente, e sono compatibili con i radar, i sensori e l’architettura della Difesa Aerea esistenti, rendendone estremamente semplice l’impiego, secondo l’azienda.

Inoltre, può essere lanciato e gestito da qualsiasi parte del mondo dal Nest, un hangar portatile e automatizzato che garantisce che il Roadrunner sia sempre pronto al lancio in pochi secondi.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *