Rilevare un testo ChatGPT è ora possibile grazie a questa app

Se finora avete approfittato del boom di ChatGPT per scrivere i vostri saggi universitari, siamo spiacenti di informarvi che questo potrebbe finire. La cosa peggiore è che l’autore intellettuale e materiale di questa è uno studente universitario. Il già citato ha creato un’app in grado di dire in pochi secondi se un testo è stato generato tramite ChatGPT o un altro chatbot basato su GPT..

GPTZero è il nome di questa nuova applicazione di rilevamento, creata da Edward Tian. La studentessa di informatica e giornalismo di Princeton ha delle ragioni per sviluppare questa applicazione. Secondo lui, è uno sforzo per combattere il plagio accademico generato dagli utenti di ChatGPT. a livello studentesco e professionale.

Come racconta sul suo account Twitter, Tian ha investito il suo Capodanno nello sviluppo di GPTZero.. È in grado di rilevare rapidamente se un testo è stato scritto dall’uomo o se il modello GPT sviluppato da OpenAI è stato coinvolto. Tuttavia, sembra che ci sia ancora del lavoro da fare in spagnolo. In un test abbiamo utilizzato un testo generato pochi minuti prima con ChatGPT, e l’applicazione ha determinato che un essere umano era il probabile autore del pezzo.

L’intelligenza artificiale non solo ci aiuta a scrivere testi con ChatGPT, ma anche a rivelarli

Per un momento sembra che le possibilità di creare applicazioni con l’intelligenza artificiale siano quasi infinite. Non solo ci permettono di generare pezzi di testo con ChatGPT e immagini in pochi secondi con DALL-E, ma ci permettono anche di è anche un ottimo strumento per discernere l’origine di creazioni di presunta paternità umana. Sembra quindi che l’IA sia la nostra migliore alternativa per combattere se stessa.

LEGGI  Blackview A85: uno dei telefoni più interessanti dell'anno

Nonostante i suoi difetti in spagnolo, GPTZero ha ottenuto ottimi risultati in inglese.. In breve tempo, lo strumento conferma se un testo è stato generato da ChatGPT o se si tratta di un autore umano. Inoltre, se volete un risultato più ottimale, potete provare con pezzi di testo più lunghi, in modo che l’IA abbia molto più spazio di manovra.

Edward Tian, da parte sua, ha già creato un sito web per tutti coloro che vogliono utilizzare questo strumento. Se si vuole dare un’occhiata, basta collegarsi e incollare una copia del testo che si desidera rivedere. Quindi premere CTRL + Invio e la pagina inizierà a elaborare il risultato. Una volta caricato, scorrere fino alla fine della pagina e fare clic su Ottenere il risultato GPTZero. L’IA restituirà quindi se il testo è di origine umana o se è stato creato in ChatGPT.

ChatGPT è diventato uno strumento molto potente, e siamo solo all’inizio. Sam Altman, CEO di OpenAI, prevede già che “in futuro vedremo ChatGPT come un giocattolo noioso”, perché il panorama dell’intelligenza artificiale ha appena raggiunto i nostri occhi.

Guida ai regali di Natale 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *