C’è qualcuno che sta lanciando bottiglie piene di riso e K-pop in Corea del Nord. La loro missione? Salvare vite umane

In passato abbiamo descritto in dettaglio la vita all’interno della Corea del Nord. È una nazione come nessun’altra, in quanto i suoi leader agiscono come rapitori nei confronti della loro stessa popolazione. Non contenti di aver costruito un regime mostruoso, in cui è possibile essere giustiziati da qualsiasi motivoè anche vietato lasciare il paese. Questo equivale a una condanna, perché dagli anni ’90 è estremamente difficile procurarsi la quantità minima di cibo necessaria per sopravvivere.

Ciononostante, ogni anno decine di persone coraggiose rischiano la vita, fuggendo dalla Corea del Nord in cerca di un futuro migliore. Ma questo è solo il primo passo di un processo pericoloso, poiché è quasi impossibile passare dalla Corea del Nord direttamente alla Corea del Sud.. Il confine è completamente militarizzato, minato e sorvegliato. L’unica possibilità è andare in Cina, che è un alleato del regime di Kim Jong Un. Se la polizia cinese ti cattura, vieni rispedito nel tuo Paese per essere punito. Per questo motivo, solo pochi riescono a raggiungere la libertà in qualsiasi Paese liberale.

Park Jung Oh è uno di questi fortunato. È fuggito dalla Corea del Nord 26 anni fa, quando aveva 30 anni. Suo padre era una spia del governo che decise di fuggire portando con sé la famiglia.. Questo disertore racconta che era diventato abituale trovare cadaveri per strada, persone morte di fame. Oggi gestisce un campagna ammirevole di attivismo per alleviare le sofferenze dei suoi compatrioti.

Lunica possibilità è quella di fuggire in Cina visto che il confine con la Corea del Sud si presenta così

Un piano semplice ma efficace

Nel 2015, Park ha fondato Keun Saem insieme alla moglie, con l’obiettivo di portare rifornimenti alla provincia di Hwanghae, in Corea del Nord. L’idea gli è venuta dopo che un missionario gli ha comunicato che I soldati nordcoreani avevano iniziato a confiscare il raccolto di riso ai contadini locali.. L’area era sempre stata la principale produttrice di cibo del Paese, quindi nessuno vi moriva di fame. Quando le scorte alimentari furono minacciate, Park decise di agire.

LEGGI  La Spagna alza l'età minima per l'utilizzo di social network come Instagram o TikTok

Consultò i navigatori locali e l’Istituto coreano di scienza e tecnologia oceanica per determinare gli orari delle alte maree. In questo modo sapeva in quali giorni l’acqua scorre più velocemente. Il piano prevedeva di raccogliere il maggior numero possibile di bottiglie di plastica da due litri, riempirle di generi di prima necessità (soprattutto riso) e gettarle in mare.. Secondo i suoi calcoli, le bottiglie impiegano solo quattro ore per raggiungere le coste della Corea del Nord.

È interessante notare che Park Jung Oh non si è accontentato di inviare solo riso, Ogni bottiglia è accompagnata da una chiavetta USB piena di musica K-pop, serie televisive sudcoreane, video che mettono a confronto i due Paesi, una versione digitale della Bibbia e una versione digitale della Bibbia. e una banconota da un dollaro. Sebbene il servizio elettrico in Corea del Nord sia intermittente, i pannelli solari cinesi hanno permesso alle comunità rurali di avere almeno un po’ di energia. Con questo, Park cerca di riempire di speranza i suoi compatrioti, per far loro capire che c’è di più al mondo che il triste inferno nordcoreano.

Il suo progetto è stato vietato

La spaventosa sorella di Kim Jong Un, Kim Yo Jong, ha cercato di frenare sforzi come quelli di Park. Nel 2020, ha avvertito che chi inviava informazioni anti-nordcoreane alla sua nazione violava gli accordi di cooperazione intercoreana.. Giorni dopo, i nordcoreani hanno demolito l’ufficio dell’alleanza tra i due Paesi, che doveva servire come punto d’incontro per i colloqui diplomatici concordati dalle due nazioni nel 2018.

Come conseguenza di queste tensioni, il governo sudcoreano ha vietato le attività di Park e quelle della molti gruppi che organizzano sforzi simili. L’attivista sostiene che per tre anni è entrato e uscito dalla stazione di polizia, sentendosi un criminale. La misura è stata aspramente criticata come un segno di debolezza di fronte alla dittatura, mentre il governo ha sostenuto che era stata presa per garantire la stabilità dei confini.

LEGGI  Cosa succederà ai clienti di Orange e MásMóvil dopo la fusione?
Kim Yo Jong sorella del dittatore Kim Jong Un

Fortunatamente, questo divieto è stato annullato dalla Corte costituzionale sudcoreana. Oggi Park Jung Oh è libero di praticare la sua ammirevole iniziativa, anche se l’entusiasmo non è più forte come prima.. La gente del posto ricorda ancora gli anni in cui era illegale, quindi si è allontanata dall’attività. Tuttavia, Park ha ricevuto numerosi messaggi da parte di disertori nordcoreani, che la ringraziano per i rifornimenti che ha fornito quando erano ancora in quella prigione chiamata Corea del Nord.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *