recensione, opinione, prezzo e caratteristiche

Da anni circolano voci di cuffie prodotte da Sonos. Per l’azienda e per gli appassionati del marchio, si tratta di un prodotto che ha perfettamente senso: portare tutto il know-how audio, la ricerca e lo sviluppo dei suoi altoparlanti in un prodotto personale. E dopo tanta attesa – un po’ rovinata dalla nuova app di cui parleremo più avanti – il tanto atteso Sonos Ace.

Si tratta di una cuffia over-ear di alta qualità con supporto per cuffie, che può essere utilizzata come cuffia per Dolby Atmos (suono spaziale), cancellazione attiva del rumore e integrazione con il resto dell’ecosistema Sonos. Quest’ultima è una delle caratteristiche più attese dell’Ace e allo stesso tempo uno dei suoi punti deboli, in quanto – per ora – funziona solo con la soundbar Sonos Arc. L’azienda afferma che questa funzione sarà migliorata con un aggiornamento del software.

Ho usato il Sonos Ace per un paio di settimane, in tutti i tipi di situazioni quotidiane, tra cui al lavoro, a casa, ma anche su due voli di tredici e quattordici ore, dove ho avuto modo di testare la sua portata, la cancellazione attiva del suono e il comfort per lunghi periodi di tempo.

Sonos Ace

Il Sonos Arc ha un’ottima qualità del suono, con supporto Dolby Atmos, ma con alcune limitazioni e problemi.

Partiamo dalla cosa più importante: i Sonos Ace hanno una qualità audio eccellente. Quello che ci aspettiamo dalla stessa azienda che ha realizzato diffusori incredibilmente buoni – e alcuni dei miei preferiti – come l’Era:300 o il Sonos Arc. Il bilanciamento di alti, bassi e acuti è molto buono, con un’ottima separazione degli strumenti.

La critica principale che rivolgo alla stragrande maggioranza delle cuffie vendute oggi è l’inutile tendenza ad accentuare il più possibile i bassi. Con le Sonos Ace la mia critica è esattamente l’opposto. A volte ho avuto la sensazione che gli alti fossero più forti del necessario.

Detto questo, è possibile equalizzare il suono delle cuffie tramite l’app, che è stata aggiornata per supportare l’Ace. Come per gli altri prodotti dell’azienda, è possibile modificare il livello degli alti e dei bassi.

Se confrontate con le AirPods Max di Apple o con le WH-1000XM5 di Sony, le cuffie wireless over-head over-ear In termini di qualità audio, direi che sono allo stesso livello delle cuffie più popolari e dei principali concorrenti di Sonos Ace. Chi sceglie Sonos è in buone mani e non rimarrà deluso.

Il Sonos Arc dovrebbe brillare con il suono spaziale o il Dolby Atmos, e in teoria è così. Lo spazio sonoro si espande, molti strati e diversi livelli di suono appaiono in molti luoghi intorno a me. Direi che queste cuffie migliorano in modo significativo quando ascolto musica in audio spaziale.

E dico che dovrebbeperché in pratica hanno delle limitazioni che rovinano un po’ l’esperienza e non so se saranno risolte o meno con gli aggiornamenti software, ma questo comincia a essere un problema. Il primo ostacolo che ho incontrato è che il Sonos Ace non supportano il Dolby Atmos via Bluetooth quando si tratta di dispositivi Apple.. È necessario collegarli con un cavo USB-C a causa delle limitazioni di Apple, non di Sonos. Il che non mi preoccupa più di tanto, anche se ne sminuisce la comodità.

Ma quello che noto è che, quando collego le cuffie con un cavo, il volume massimo si abbassa. Non dovrebbe essere un problema, ma quando sono su un aereo in corsa attraverso l’Asia, ho bisogno di un volume maggiore per supportare la cancellazione attiva del suono e apprezzare ciò che una traccia Dolby Atmos può darmi. L’app non è d’aiuto, perché quando il Sonos Ace è collegato all’iPhone tramite cavo USB-C, semplicemente non funziona e dice che non ci sono cuffie collegate. La frustrazione sale.

LEGGI  Apple prepara il suo metaverso e il suo servizio video per gli occhiali a realtà mista

Spero che risolvano questo problema, perché mi sono ritrovato più volte ad abbandonare il Sonos Ace per tornare ai miei AirPods Pro per pura comodità, volume e semplicità.

Sonos AceSonos Ace

Cancellazione attiva del rumore di prima classe

Un altro aspetto molto atteso di queste cuffie è la cancellazione attiva del rumore e ciò che Sonos sarebbe in grado di realizzare. È una caratteristica sempre più richiesta dalle cuffie di fascia alta e loro non potevano deludere. Non c’è da sorprendersi, funziona abbastanza bene. Niente da invidiare ai suoi diretti concorrenti. Forse è una delle migliori cancellazioni attive del suono all’aperto che abbia mai provato.

Oltre alla cancellazione del suono, Sonos ha aggiunto la funzione Controllo consapevole o controllo consapevole, che è la versione dell’azienda della modalità trasparenza. Utilizza cioè i microfoni esterni del dispositivo e bilancia il suono dell’ambiente circostante con quello che si sta ascoltando. È un modo per evitare il completo isolamento dal mondo esterno. È molto meglio della semplice disattivazione della cancellazione del rumore.

Entrambe le modalità possono essere attivate tramite un pulsante fisico sulle cuffie, configurabile anche tramite l’app.

La cancellazione attiva del suono è una vera salvezza per chi viaggia molto. Elimina quasi completamente il suono del motore di un aereo o le frequenze basse e ripetitive del percorso di un treno sulle rotaie. Anche come modo per isolarsi da molti suoni in una caffetteria, ad esempio.

Ma non solo. Per me, e sono sicuro per milioni di altre persone, la cancellazione attiva del suono nelle cuffie è un modo per ottenere un certo livello di tranquillità quando si è un po’ stanchi di tutti i rumori e i suoni che ci circondano. Quando si ha bisogno di una pausa, di un momento da soli con se stessi. E il Sonos Ace raggiungono questo isolamento sonoro con ottimi risultati..

Infine, la cancellazione attiva del rumore aiuta ad apprezzare ancora meglio la musica che si sta ascoltando. Escludendo i suoni esterni e concentrandosi esclusivamente sul brano in riproduzione nelle cuffie, è possibile rilevare molte più sfumature. Il Sonos Ace fa questo lavoro molto bene. In effetti, mi piacerebbe che risolvessero i problemi di cui ho parlato in precedenza con Dolby Atmos, in modo da poter apprezzare ancora di più le capacità delle cuffie con la cancellazione del suono attivata.

Sonos AceSonos Ace

Comfort e convenienza

Il Sonos Ace sono abbastanza comodi da indossare dopo ore di utilizzo. Sono più piccole e leggere (72 in meno) delle AirPods Max, ma più pesanti delle Sony WH-1000XM5. I materiali utilizzati li rendono piuttosto piacevoli al tatto.

Per me le cuffie over-ear Mi stanco dopo qualche ora di utilizzo, ma Sonos è riuscita a fare centro. Sono molto comode da indossare per ore e ore. Sono abbastanza leggere, non troppo strette su entrambi i lati della testa, come accade con alcuni modelli della concorrenza.

Le Sonos Ace possono essere ricaricate per tre ore di autonomia con soli tre minuti di ricarica tramite un cavo USB-C. Un punto molto positivo in termini di comodità nell’uso quotidiano delle cuffie. Secondo l’azienda, la durata massima della batteria è di 30 ore. Secondo la mia esperienza, si avvicina a questa cifra.

LEGGI  Google lancia un coworker abilitato all'intelligenza artificiale e altre grandi novità per Workspace

Tuttavia, ci sono alcune decisioni di progettazione e problemi tecnici che compromettono l’esperienza. Prima di tutto: non capisco perché non ci sia un’indicazione chiara ed evidente di quale sia il pad sinistro e quale quello destro. Non ha alcun senso. Mi spiace, un colore diverso per ogni lato è ridicolo e offensivo. basso-chiave al design funzionale. In secondo luogo, sebbene le cuffie siano in grado di rilevare quando le indosso o le tolgo, rimangono accese e connesse al mio smartphone. Dovrebbero entrare in modalità sleep dopo un po’ di tempo, ma a me non è successo.

Mi è capitato di lasciare le cuffie nello zaino e di tenerle collegate per ore all’iPhone, senza che me ne accorgessi, causando l’esaurimento della batteria dell’Ace. Quindi, ogni volta che smetto di usarle, devo spegnerle manualmente o scollegarle manualmente dallo smartphone.

Infine, sembra che il Sonos Ace non capisca il gesto più comune di chi usa le cuffie: spingere da parte uno dei padiglioni per ascoltare ciò che una persona sta dicendo. Quando lo tolgo, dovrei mettere in pausa la musica.

Sonos AceSonos Ace

Il difetto principale del Sonos Ace è l’integrazione quasi nulla con l’ecosistema del marchio e la mancanza di Wi-Fi.

Possibile, il Il motivo più importante per cui attendevamo con ansia l’Ace era la sua integrazione con l’ecosistema dell’azienda e l’idea di avere un auricolare con le stesse funzioni e capacità dei suoi altoparlanti. Purtroppo, nessuna di queste due cose è stata realizzata. Se così fosse, sarebbe il grande elemento di differenziazione rispetto al resto della concorrenza, ma non è così. E questa è una grande delusione.

Il Sonos Ace non supporta la connessione Wi-Fi come molti si aspettavano, me compreso.. Non c’è quindi un’integrazione profonda con il resto dell’ecosistema, ma non c’è nemmeno modo di fare cose come tornare a casa, cambiare quello che stavo ascoltando sull’Ace e “spostarlo” su un diffusore Sonos.

Le cuffie possono essere collegate solo tramite Bluetooth o cavo al dispositivo con cui si sta ascoltando l’audio.

L’integrazione con un’unica soundbar di marca, la Sonos Arc, è semplice e poco invasiva. Se siete davanti al televisore a guardare una serie o un film, potete spostare l’audio sull’Ace. Ma anche in questo caso, solo con l’Arc. L’azienda afferma che in futuro estenderà questa funzione ad altri diffusori e soundbar.

La dura realtà, per Sonos, è che ha fatto questo lavoro così male che è più facile passare da una sorgente all’altra con AirPlay o tecnologie simili di terze parti.

Sonos AceSonos Ace

I Sonos Ace sono diffusori di alta qualità, ma non sono all’altezza di tutto ciò che li distingue dalla concorrenza.

Il Sonos Ace sono una proposta solida dell’azienda, con un’ottima qualità del suono, materiali confortevoli e di prima qualità e un design piacevole, non solo da guardare, ma anche da usare. La cancellazione attiva del rumore è di alto livello e la durata della batteria è buona. Ma per il loro prezzo e le loro prestazioni, è difficile differenziarle dalla concorrenza. E credo che questo sarà un problema per Sonos.

Sonos ha deluso noi appassionati del marchio. Ci aspettavamo delle cuffie con la stessa integrazione dell’ecosistema e le stesse funzionalità degli altoparlanti, ma non è stato così. E nel frattempo hanno rovinato l’app nel tentativo di integrare la configurazione di Sonos Ace.

Il Sonos Ace sono in vendita da oggi al prezzo di 499 euro o 449 dollari.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *