Recensione di OnePlus 12: non me lo aspettavo

Che OnePlus non sia più quella di una volta è evidente. L’azienda asiatica fondata da Pete Lau e Carl Pei è cambiata molto dai suoi inizi nel 2013. Ora si è fusa con Oppo, uno dei suoi creatori ha creato una propria azienda che è addirittura un concorrente, e non ci sono più versioni Pro, né l’iconica variante T che era così caratteristica del marchio. Nonostante ciò, l’azienda continua a lanciare smartphone che mirano a competere con i principali marchi tradizionali. E quest’anno ha intenzione di farlo con il modello OnePlus 12.

Questo è attualmente il telefono più potente di OnePlus. È persino superiore al telefono pieghevole che l’azienda ha annunciato l’anno scorso – infatti, ne eredita alcune caratteristiche. Basta guardare la scheda tecnica per capire che si tratta di uno dei telefoni più completi sul mercato. Sì, un altro.

Il OnePlus 12 gioca nel campionato premium, allo stesso modo del Samsung Galaxy S24 Ultrail iPhone 15 Pro Maxil Google Pixel 8 Proil Xiaomi 14 Ultra o il Honor Magic 6 Pro. Tutti hanno uno dei SoC più potenti sul mercato, una configurazione di fotocamere da urlo, schermi che si distinguono per risoluzione e luminosità e un design unico. Ognuno di essi ha i propri punti di forza per competere con gli altri, e il OnePlus 12 ne ha alcuni interessanti.

L’ammiraglia OnePlus punta a ritagliarsi una nicchia di mercato puntando sul comparto fotografico, che fa un salto abbastanza significativo rispetto al suo predecessore: il OnePlus 11. Cura anche il design, con un’estetica un po’ particolare, oltre a mettere a punto le prestazioni e il software. Ma OnePlus, soprattutto, cerca di competere con questo OnePlus 12 sul prezzo. Il portatile è in vendita a 969 euroche è leggermente più economico del Google Pixel 8 Pro o del Samsung Galaxy S24 Ultra. A priori, sembra un’alternativa interessante, ma dipende, ovviamente, da come il terminale si comporta in ciascuna delle sue sezioni.

Schermo di OnePlus 12

Il OnePlus 12 vola

Il design è sempre una delle cose che guardo di più quando provo un telefono. E la verità è che questo OnePlus 12 non è stato diverso, perché è anche un po’ particolare – ne parleremo più avanti -. Tuttavia, c’è qualcosa che ha catturato la mia attenzione molto di più, e che ritengo sia molto più importante dell’aspetto di questo dispositivo: le sue prestazioni.

In sintesi: il OnePlus 12 volaÈ uno degli smartphone più potenti che abbia provato da molto tempo a questa parte. Apre qualsiasi app all’istante, è quasi impossibile notare lag, caricamenti lenti o balbettii quando si gioca. Tutto si muove con estrema fluidità.

Questo, ovviamente, grazie al suo processore. Il OnePlus 12 è alimentato dal Snpadragon 8 Gen 3Il SoC più potente di Qualcomm e anche uno dei processori mobili più completi sul mercato. È accompagnato da una memoria RAM LPDDR5X da 16 GB che può essere virtualmente espansa occupando spazio nei 512 GB di memoria interna inclusi in questo dispositivo.

Le eccellenti prestazioni che ho percepito in queste settimane di test approfonditi del OnePlus 12 sono anche merito del software: OxygenOSche, lo ribadiamo, è uno dei punti di forza di questo dispositivo. L’azienda ha fatto un buon lavoro in termini di ottimizzazione; le animazioni sono veloci, non ci sono lag e il design minimalista e ben adattato rende l’esperienza di utilizzo di questo telefono molto più completa.

LEGGI  Oppo presenta gli occhiali per la realtà aumentata Air Glass 3 con intelligenza artificiale

OxygenOS, tuttavia, offre molte opzioni di personalizzazione, una caratteristica apprezzabile se si considera che è uno dei punti di forza di Android, ha molte funzioni non utili. Ad esempio, esiste un’app per il gioco che adatta l’interfaccia, dà priorità alle prestazioni e consente di visualizzare dati come la temperatura del dispositivo. Esiste anche un’app che aiuta a rilassarsi e un’altra che aiuta a rimanere concentrati. Entrambe sono ben progettate, ma perché sono lì?

Retro del OnePlus 12 con finitura verde.Retro del OnePlus 12 in finitura verde.

Design e display: ha qualcosa di speciale

Il OnePlus 12 è come una tipica persona che non è bella, ma ha qualcosa. Non è un bel telefono, almeno per me. Tuttavia, ha un design piuttosto curioso e, soprattutto, una forma che più tempo ci passo, più mi piace..

Per cominciare, è sorprendente che il OnePlus 12 sia identico al suo predecessoreConserva la fotocamera circolare in alto, proprio sul bordo, con un modulo fotografico che sporge letteralmente dalla cornice laterale. Conserva anche il retro in vetro con finitura opaca, anche se questa volta in una tonalità di verde abbastanza accurata, che presenta anche una sorta di pennellate più scure.

Secondo OnePlus queste pennellate – per così dire – simulano i piccoli corsi d’acqua che si creano nel fiume Dart dalle Alpi meridionali. Ma non è la finitura del retro a essere importante in quanto tale, bensì la sua costruzione e la sua robustezza. I materiali utilizzati dall’azienda rendono il OnePlus 12 molto comodo da usare nonostante le sue notevoli dimensioni.

Il OnePlus 12 ha uno dei migliori schermi per un telefono

Questa buona struttura è completata da uno schermo più che all’altezza del compito. Rispetto al OnePlus 11, il salto di qualità è notevole, ha un pannello AMOLED da 6,82 pollici con risoluzione 2K. e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz.

Ma il salto più grande è nella luminosità, che passa a 1.600 nitcon picchi fino a 4.500 quando si riproducono contenuti HDR. Si tratta di una bestia rispetto ad altri telefoni della stessa fascia di prezzo. Il Samsung Galaxy S24 Ultra, ad esempio, ha un picco di luminosità fino a 2.600 nits, mentre l’iPhone 15 Pro Max raggiunge i 1.000 nits con picchi fino a 2.000.

Inoltre, il display è estremamente nitido, con una calibrazione del colore molto corretta e una frequenza di aggiornamento adattiva che rende l’esperienza di utilizzo di questo telefono ancora migliore.

Allora, Questi picchi di luminosità hanno un impatto sull’autonomia? Risposta rapida: no. La batteria da 5.400 mAh del OnePlus 12 fa un ottimo lavoro e consente persino due giorni di utilizzo quando non si abusa delle impostazioni extra, ad esempio regolando la qualità dello schermo a una risoluzione inferiore, mantenendo la frequenza di aggiornamento adattiva o lasciando che la luminosità si regoli automaticamente. Tuttavia, anche regolando manualmente la luminosità, la batteria del OnePlus 12 fa comunque un ottimo lavoro.

Retro del OnePlus 12Retro del OnePlus 12

OnePlus si affida ancora una volta a Hasselblad

OnePlus, ovviamente, non ha trascurato la fotografia. Il OnePlus 12 mantiene il collaborazione con Hasselblad che l’azienda ha avviato nel 2021. Questa volta, con una configurazione della fotocamera praticamente identica a quella del suo telefono pieghevole, il OnePlus Open.

Il OnePlus 12, quindi, presenta un sensore Sensore Sony LYT-808 da 50 megapixel per la fotocamera grandangolare e un sensore da 48 megapixel per la fotocamera ultragrandangolare. Include anche un teleobiettivo da 64 megapixel con zoom ottico 3x.

LEGGI  Questo fotografo ha modificato le sue foto con l'intelligenza artificiale DALL-E 2.

La prima cosa che ho pensato quando ho controllato il con il sensore principale Il sensore principale – e dopo aver testato a fondo telefoni come il Pixel 8 Pro o l’iPhone 15 Pro – non è la migliore fotocamera sul mercato, ma i suoi risultati sono eccellenti nella maggior parte delle situazioni. Ciò che spicca – per il meglio – è l’elaborazione, che riesce a creare colori molto realistici e mantiene i dettagli anche in condizioni di scarsa illuminazione. Questi ottimi risultati si riflettono anche in interni, anche se, come al solito, c’è un po’ più di rumore.

Il teleobiettivoAnche il teleobiettivo, soprattutto quando si scatta con lo zoom ottico 3x, fa un ottimo lavoro e mantiene gli stessi colori e dettagli che si ottengono con la fotocamera principale. Anche in questo caso, in interni o in aree meno illuminate, la fotocamera tende a perdere qualità, generando un po’ più di rumore di quanto desiderato.

D’altra parte, la telecamera ultragrandangolare non lascia indifferenti, anche grazie alla fantastica elaborazione di OnePlus e, a quanto pare, anche di Hasselblad. Tuttavia, tende a perdere molte informazioni ai bordi dell’immagine. A volte, soprattutto quando si scatta velocemente, crea un effetto di sfocatura molto caratteristico delle fotocamere ultragrandangolari dei telefoni di fascia media. Non è allarmante, perché accade raramente, ma significa che se vogliamo ottenere buoni risultati con questa fotocamera, dobbiamo fermarci, mettere a fuoco correttamente e scattare.

La collaborazione con Hasselblad, tra l’altro, è presente attraverso un’interfaccia della fotocamera molto ben ottimizzata e attraverso diverse modalità, come il ritratto, che offre buoni risultati, e diversi filtri che rendono la sezione fotografica molto più versatile.


Il OnePlus 12 vale la pena?

Il OnePlus 12, lo ribadiamo, è disponibile a 969 euro (nel caso della variante con 12 GB di RAM e 256 GB di storage). E oserei dire che è uno dei migliori telefoni premium che ho avuto tra le mani negli ultimi mesi. È passato molto tempo dall’ultima volta che un telefono mi ha sorpreso per le sue buone prestazioni, per la sua comodità – nonostante non sia il più bello -, per le sue opzioni software e per la durata dello schermo e della batteria.

Il OnePlus 12, tuttavia, presenta alcuni piccoli punti negativi che è importante sottolineare. Uno di questi è la fotocamera ultragrandangolare e il teleobiettivo che, pur offrendo ottimi risultati, non sono all’altezza di altri telefoni della stessa fascia di prezzo. Il OnePlus 12 non è inoltre resistente all’acqua, nonostante altri smartphone di fascia alta lo siano, e il suo software, pur essendo molto bello e offrendo molte opzioni di personalizzazione, presenta funzioni poco o per nulla utili che in alcuni casi possono essere d’intralcio.

Tuttavia, credo che OnePlus abbia giocato molto bene le sue carte e, soprattutto, abbia fatto molto bene a metterlo in vendita a meno di 1.000 euro. Perché, al momento, se siete alla ricerca di un cellulare premium e non volete spendere più di tanto, questa è l’opzione migliore.


OnePlus 12 5G con 12 GB di RAM e 256 GB di memoria con fotocamera mobile Hasselblad di quarta generazione – Garanzia di 2 anni – Nero lucido


Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *