Qatar 2022: l’Argentina schiaccia la Croazia e si guadagna un biglietto per la finale

Con Messi e Álvarez che brillano, l’Argentina ha battuto la Croazia nella prima delle semifinali e attende la Francia o il Marocco per definire il campione del mondo.

© GettyLionel Messi e Julián Álvarez festeggiano.

Allo stadio di Lusail, il Nazionale argentina hanno vinto con un categorico 3-0 contro i loro omologhi di Croazia e giocheranno domenica prossima per il titolo in Qatar 2022. Julián Álvarezin duplice copia e Lionel Messiha segnato dal dischetto per i sudamericani.

+Vedi il calendario di Qatar 2022

Con solo quattro partite ancora da giocare, la Coppa del Mondo FIFA di quest’anno stava iniziando a definire i suoi finalisti. L’Albiceleste, che aveva sconfitto ai calci di rigore contro Paesi BassiI croati, che erano reduci dall’eliminazione della squadra di Brasile per lo stesso percorso.

Quelli comandati da Lionel Scaloni ha cambiato il copione e ha dato la palla agli europei. In contropiede, al 34° minuto, hanno ottenuto un rigore quando Julian Alvarez è stata punteggiata da Dominik Livakovic e il portiere lo abbatte in area. Lionel Messicon un potente tiro a incrociare, l’ha trasformata in gol.

L’attaccante stesso da Manchester CityAllo scoccare dell’intervallo, i due hanno allungato il disavanzo sfruttando un’altra azione di contropiede. Dopo 24 minuti del secondo tempo, i marcatori si sono combinati per arrivare al 3-0, con Messi e un’enorme giocata individuale in modo che Alvarez per spingerlo sotto la porta.

Tentativi di Croazia negli ultimi minuti non sono andati a buon fine e così Argentina è diventato il primo finalista del Coppa del Mondo. Quelli di Scaloni ora attendono la partita di mercoledì, per sapere se giocheranno per il titolo contro Francia o Marocco.

LEGGI  Haaland salva il Manchester City con un rigore al 95° minuto nella vittoria sul Fulham
Vittoria
WRITTEN BY

Vittoria

Ciao, sono Vittoria. Sono una redattrice di DFO Media, dove mi immergo nel mondo dello sport, decifrando le tendenze e condividendo le storie che ci sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *