Pronto, Prime Air: Amazon inizia a consegnare i pacchi con i droni

L’idea è stata elaborata da anni. Circa un decennio. Ma è solo ora, a pochi giorni dalla fine del 2022, che Amazon Prime Air è stato finalmente lanciato.il servizio di consegna dei pacchi con i droni.

In particolare, Amazon Prime Air è stato lanciato in due città: Lockerford (California) e College Station (Texas). Entrambi erano stati annunciati a metà di quest’anno, quando sono stati rilasciati nuovi dettagli su questo programma di consegna di pacchi tramite droni. La città californiana ha una popolazione di soli 3.500 abitanti, mentre l’altra ne conta più di 100.000, fornendo un test di validazione più approfondito per la scalabilità del servizio in futuro.

Il funzionamento di Amazon Prime Air è piuttosto semplice. Clienti residenti in una di queste due città basta iscriversi al servizio e poi Amazon confermerà di poter consegnare i pacchi con i droni all’indirizzo indicato.

“Il drone volerà verso l’area designata, scenderà nel giardino del cliente e si librerà a un’altitudine sicura. Quindi consegnerà il pacco in modo sicuro e tornerà a salire in quota”, spiega Amazon. In ogni momento, il cliente potrà vedere il tempo di consegna stimato insieme alle informazioni di tracciamento del proprio pacco inviato tramite Amazon Prime Air.

Per il momento, per il servizio Amazon Prime Air, l’azienda ha deciso di utilizzare i droni MK27-2 e non gli MK30 che ha presentato qualche mese fa e che, secondo l’azienda, saranno operativi nel 2024. Gli MK30 promettono, tra l’altro, di trasportare più peso, di rilevare meglio gli ostacoli, di essere più veloci e di fare meno rumore.

Il modello MK27 sono in grado di funzionare in modo autonomoTuttavia, Amazon spiega che ci saranno degli esseri umani a monitorare le operazioni per garantire che tutto fili liscio. Dimostrare che la sicurezza è preservata con Amazon Prime Air è fondamentale per la sua capacità di scalare e raggiungere un numero sempre maggiore di città statunitensi.

Guida ai regali di Natale 2022

LEGGI  Elon Musk ritarda ancora Twitter Blue, questa volta per evitare di pagare le tariffe dell'App Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *