prezzi molto bassi per meno

Ho installato il mio primo sistema Sonos nel 2010. Erano due Sonos Play:5. Da allora ho provato, direi, decine di prodotti dell’azienda con sensazioni sempre molto buone. Ma per me c’è stato indubbiamente un prima e un dopo nella mia esperienza e questo è stato il Sub. Lì è cambiato tutto. Musica, film e serie, tutto suonava diverso. Non è un caso che il subwoofer dell’azienda sia sempre stato considerato uno dei migliori del settore, ed è per questo motivo che il modello Sub MiniUna versione leggermente più piccola, e soprattutto più economica, era attesa da tempo.

Soprattutto se si considera che il Sub ha un prezzo di circa 850 euro. La possibilità di ottenere un aumento significativo dell’esperienza sonora spendendo meno, per chi possiede un sistema Sonos, è molto interessante. L’uscita del Sub Mini sembra la risposta a questa esigenza.

Sonos Sub Mini

Il Sonos Sub Mini è un subwoofer leggermente più piccolo e più economico per i sistemi di altoparlanti Sonos, molto adatto per film, serie e ascolto di musica. Offre un’ottima qualità e migliora notevolmente l’esperienza sonora, ma il prezzo potrebbe essere un po’ alto per alcuni. Inoltre, la funzione TruPlay funziona solo con i dispositivi iOS e non è ancora disponibile su Android.


























Punteggio: 4 su 5.

Dopo aver provato il Sub Mini per poco più di una settimana in due ambienti diversi, uno per la visione di serie e film e l’altro per l’ascolto di musica, le mie impressioni sono generalmente positive, ma tenendo sempre presente che lo spazio fisico – e i diffusori che lo accompagnano – sono fondamentali per una buona esperienza sonora.

Non molto mini

Il Sonos Sub Mini non è molto mini. È alto 30 centimetri e ha un diametro di 23 centimetri. Pesa 6,3 kg ed è disponibile in bianco o nero. Ho testato l’unità nera perché penso che sia il colore più diffuso e che non dia nell’occhio. L’unità bianca è bella, ma sospetto che si noti molto in ambienti diversi.

Detto questo, se volete che un subwoofer riempia una stanza di bassi, non può essere piccolo. Ovviamente, rispetto a un sottomarino, lo è. Tuttavia, non possiamo perdere di vista il fatto che abbiamo a che fare con la fisica. Non è possibile che un diffusore suoni davvero bene se non è sufficientemente grande per diffondere il suono alla potenza necessaria per far sentire la sua presenza.

Sonos Sub Mini

Come il Sonos Sub, il Mini ha due diffusori dinamici uno di fronte all’altro, con un tunnel centrale. Il design non è casuale, ma è stato pensato per evitare il più possibile le vibrazioni sul pavimento in cui si trova. I vostri vicini lo apprezzeranno, ma anche voi, perché c’è una grande differenza tra sentire suoni molto bassi quando il dispositivo vibra e quando non vibra.

LEGGI  Una città del Brasile approva una legge scritta in segreto utilizzando la ChatGPT

In breve: meno vibrazioni equivalgono a meno distorsione e quindi a una migliore percezione ed emissione del suono a bassi livelli, il che significa una migliore qualità del suono. In questo ambito, grazie al suo design e alle sue dimensioni, il Mini si comporta bene come il suo fratello maggiore.

Ma insisto: se vi aspettavate un subwoofer portatile da spostare facilmente, il Sonos Sub Mini non è questo. E se si vuole una buona qualità del suono, non è proprio il caso di farlo.

Sonos Sub Mini

Le dimensioni della stanza (e dei diffusori) sono importanti.

Sonos ha sottolineato che il Sub Mini non è adatto a tutti. Si consiglia di utilizzarlo con una soundbar Sonos Beam o Sonos Ray. Se si desidera abbinarlo a diffusori per l’ascolto di musica, si consiglia di abbinarlo alla gamma più piccola, come il Sonos One.

Ho testato il Sub mini in due ambienti separati per due casi d’uso completamente diversi. Per prima cosa ho utilizzato un sistema 5.1 composto da un Sonos Arc + due Sonos One in una stanza di medie dimensioni. Il mio obiettivo era misurare i risultati in una situazione non necessariamente ideale.

Ma il risultato è abbastanza positivo. Il sistema Sonos è riuscito a bilanciare il Sub Mini con il Sonos Arc e il Sonos One senza problemi. Tuttavia, ho dovuto affrontare la procedura di TruPlay raccomandati dal marchio per la migliore esperienza utente possibile. La stanza in cui l’ho fatto non è grande, quindi i bassi hanno riempito la stanza senza una perdita di qualità percepibile.

Sonos Sub Mini

Nel sistema Sonos 5.1 che ho provato per guardare serie e film, ho già un Sub, quindi il confronto tra l’uno e l’altro è inevitabile. C’è un punto in cui il Sub è superiore, ed è quando i suoni sono al di sotto del livello di emissione. 25 Hz. In questi casi, il subwoofer grande è in grado di fornire un volume sonoro da due a tre volte superiore a quello del Mini. E in molti casi si nota. In effetti, direi che questa è la principale differenza nelle capacità tecniche del suono tra i due dispositivi.

Poi ho fatto un test in un altro ambiente: la redazione di Ipertestuale. Con grande disappunto dei miei colleghi, dove ho collegato il Sub Mini con due Sonos: Play 3, che ora sono fuori produzione! Funzionerebbero bene se accoppiassi diffusori non più in vendita con un nuovo prodotto? Sì, e molto bene. Questa è una delle cose che mi piace di più di Sonos: i suoi prodotti, a prescindere dalla loro età, funzionano ancora molto bene.

LEGGI  Il modo migliore per riscaldare l'acqua in casa: molto economico e in un attimo

In questo senso, di nuovo, il Sub Mini è stato abbastanza potente da riempire la stanza di bassi.Il Sub Mini è stato abbastanza potente da riempire la stanza di suoni bassi, in modo sottile, ma migliorando significativamente l’esperienza di ascolto della musica.

Piuttosto che confrontare la qualità tra i Sub y Sub Mini quando si ascoltano i brani, consiglierei di ascoltare una canzone con il subwoofer acceso e poi spento. La differenza è molto evidente. E questo, a mio avviso, è ciò che conta quando si decide di acquistare un prodotto del prezzo del Sonos Mini.

Non può essere abbinato ad altri subwoofer Sonos.

Una delle speranze di molti di noi che utilizzano sistemi audio Sonos è la possibilità di accoppiare il Sub Mini con un Sub. Ma questo non è possibile. È un peccato, ma c’è una spiegazione tecnica: la qualità dei bassi con due subwoofer di specifiche un po’ diverse sarà peggiore che se ne funzionasse solo uno. Soprattutto al di sotto dei 25 Hz.

Inoltre, non è possibile configurare due Sub Mini in un singolo sistema Sonos.Il che ha perfettamente senso, perché in questo caso è meglio acquistare un solo Sub, molto potente, e basta.


Conviene acquistare il Sonos Sub Mini?

Senza dubbio il Sonos Sub sarà il prodotto per cui molti appassionati di musica o di home cinema opteranno per un sistema Sonos. Alla metà del prezzo del Sonos Sub, ma con la maggior parte delle capacità sonore, è più che sufficiente in molti casi.

Ma non posso fare a meno di sottolineare, come fa il marchio, l’importanza delle dimensioni delle stanze in cui il Sub Mini verrà utilizzato. Se la stanza è molto grande, il subwoofer non sarà sufficiente. In misura minore, il dispositivo sarà più presente a seconda delle dimensioni degli altoparlanti. Non è la stessa cosa accoppiarlo con un Fascio che con un Arco. L’accoppiamento con un Sonos One non sarà uguale all’accoppiamento con un Sonos One. Sonos Cinque. Per quest’ultimo è meglio un Sub di grandi dimensioni.

Ho due grandi critiche da fare al dispositivo. Innanzitutto il prezzo. Il prezzo di 499 euro o 429 dollari è un po’ difficile da giustificare in alcuni casi. Il secondo è che TruPlay, che fa suonare così bene i dispositivi Sonos, può essere fatto solo con un iPhone. Ed è un peccato.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *