OpenAI licenzia Sam Altman, il suo amministratore delegato

OpenAI ha licenziato il suo amministratore delegato e co-fondatore, Sam Altman.. L’azienda di intelligenza artificiale ha annunciato un cambio di direzione Altman lascerà la carica di CEO con effetto immediato. Mira Murati, Chief Technology Officer dell’azienda, assumerà la carica ad interim.

“Il consiglio di amministrazione di OpenAI, Inc, l’associazione 501(c)(3) che funge da organo di governo generale per tutte le attività di OpenAI, ha annunciato oggi che Sam Altman lascerà la carica di amministratore delegato con effetto immediato. si dimetterà da amministratore delegato e lascerà il consiglio di amministrazione.“, ha dichiarato la società in un post sul blog.

“La partenza di Sam Altman fa seguito a un processo di revisione interna da parte del consiglio di amministrazione, che ha concluso che egli non è stato sempre sincero nelle sue comunicazioni, ostacolando la sua capacità di esercitare le proprie responsabilità”. Il Consiglio non ha più fiducia nelle sue capacità. di continuare a guidare OpenAI.

OpenAI dà fiducia a Mira Muratiche ha ricoperto il ruolo di Chief Technology Officer ed è responsabile di ChatGPT. “Mira porta con sé un bagaglio di competenze unico, una comprensione dei valori, delle operazioni e dell’attività dell’azienda, ed è già a capo delle funzioni di ricerca, prodotto e sicurezza”, ha dichiarato.

L’azienda ha sottolineato che la sua missione è quella di garantire che l’intelligenza artificiale generale (AGI) porti benefici a tutta l’umanità e considera che sia necessario un cambio di leadership. La partenza di Sam Altman arriva pochi giorni dopo aver condotto la sua prima conferenza per sviluppatori DevDay, in cui ha presentato GPT-4 Turbo e GPT. In quell’occasione, Altman ha rivelato che ChatGPT aveva già 100 milioni di utenti settimanali.

Perché OpenAI ha licenziato Sam Altman

Secondo la dichiarazione ufficiale, OpenAI ha licenziato Sam Altman perché non si fida più di lui.. Dopo un processo di revisione, è emerso che non è stato sincero nelle sue comunicazioni con il consiglio di amministrazione. L’azienda non cita episodi specifici, anche se offre alcuni indizi sulla partenza del suo cofondatore.

LEGGI  La Francia utilizza l'intelligenza artificiale di Google per combattere l'evasione fiscale

La dichiarazione indica che OpenAI è stata fondata con la missione primaria di garantire che l’intelligenza artificiale generale sia di beneficio all’umanità. L’azienda ha subito una ristrutturazione per assicurarsi l’afflusso di capitali per diventare redditizia e raggiungere il suo obiettivo. Il L’investimento multimiliardario di Microsoft all’inizio del 2023 è stato una pietra miliare, ma non è stato sufficiente.

“Sebbene l’azienda abbia registrato una crescita spettacolare, il consiglio di amministrazione ha la responsabilità fondamentale di promuovere la missione di OpenAI e di preservare i principi del suo statuto.

OpenAI

OpenAI pone l’accento su concetti quali ricerca, sviluppo del prodotto e sicurezza al centro della sua strategia per il futuro. Poiché Sam Altman non gode più di fiducia, la persona più qualificata per guidare questo processo di transizione è Mia Murati, Chief Technology Officer.

Il consiglio di amministrazione ha dichiarato che Murati è “qualificata in modo unico per questa posizione”, anche se sarà solo temporanea. OpenAI ha confermato che il suo CTO ricoprirà un ruolo ad interim, mentre il processo di transizione è in corso.ricerca formale di un direttore esecutivo permanente.

Sam Altman non sarà l’unico colpito dalla ristrutturazione. OpenAI ha confermato che Greg Brockman lascerà la carica di presidente del consiglio di amministrazione, anche se manterrà la sua posizione nell’azienda.

Il denaro ha cambiato le priorità

Il CEO di OpenAI Sam Altman (a sinistra) e il CEO di Microsoft Satya Nadella.
Sam Altman e Satya Nadella <span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Microsoft<span>

OpenAI è stata fondata come organizzazione no-profit nel 2015, quando Sam Altman ed Elon Musk si sono impegnati a far progredire la tecnologia a beneficio dell’umanità. Le cose sono cambiate nel 2019, quando Microsoft ha investito 1 miliardo di dollari e ha annunciato una partnership esclusiva pluriennale.

LEGGI  NVIDIA annuncia il DALL-E del 3D: AI che genera oggetti tridimensionali dalle immagini

Nel tentativo di raccogliere fondi per far progredire lo sviluppo dell’intelligenza artificiale generale, OpenAI ha messo da parte la sua missione principale. Sam Altman, che ha accelerato le start-up per diversi anni presso Y Combinator, ha trasformato OpenAI in una società a scopo di lucro. La partnership con Microsoft e la focalizzazione su prodotti commerciali come GPT-4, ChatGPT o DALL-E hanno cambiato la prospettiva dell’organizzazione.

Elon Musk si è dimesso dal consiglio di amministrazione di OpenAI nel 2018 citando potenziali conflitti di interesse con Tesla. Anni dopo, il magnate ha accusato Sam Altman e la società accusandoli di accedere ai dati di Twitter a scopo di lucro. “OpenAI è stato avviato come progetto open source e no-profit. Nessuna delle due cose è ancora vera, ha detto.

Qualche mese fa, Sam Altman ha rivelato di non aver guadagnato nulla da OpenAI e di non avere una partecipazione azionaria nell’azienda. Il cofondatore ha dichiarato di essere stato pagato quanto basta per coprire le spese mediche e di non aver avuto alcuna partecipazione azionaria. faceva questo lavoro perché lo amava.

OpenAI è attualmente divisa in due entità: OpenAI Incorporated e OpenAI LP. La prima è l’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2015, mentre la seconda è una filiale a scopo di lucro costituita nel 2019 in seguito alla partenza di Elon Musk. In seguito all’investimento di 10 miliardi di dollari, Microsoft possiede il 49% di OpenAI LP.

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *