Microsoft sta creando un’intelligenza artificiale più economica per dipendere meno da OpenAI

Microsoft è entrata nella corsa all’intelligenza artificiale grazie alla partnership con OpenAI. Il gigante tecnologico ha investito miliardi di dollari dal 2019 per finanziare la startup che ha creato ChatGPT. In cambio, ha ottenuto un accesso privilegiato all’utilizzo della sua tecnologia. Ma i costi continuano a crescere, ed è per questo che Microsoft sta già pensando a delle alternative.

Un dirigente, che supervisiona 1.500 ricercatori di Microsoft, ha incaricato alcuni di loro di sviluppare un’intelligenza artificiale conversazionale interna, secondo quanto riportato da L’Informazione. L’obiettivo dell’azienda è quello di creare modelli di grandi lingue che siano più economici e più piccoli di OpenAI. Anche se alla fine non funzionano altrettanto bene, ha precisato l’agenzia di stampa, citando un dipendente attuale e un ex dipendente che ha familiarità con la questione.

I team di prodotto di Microsoft starebbero già incorporando alcuni di questi software di intelligenza artificiale nei prodotti esistenti. Ad esempio, in un chatbot all’interno della ricerca Bing, simile a ChatGPT. La motivazione principale, sottolinea Le informazioni, è legato all’aumento dei costi di gestione degli attuali modelli di intelligenza artificiale.

Microsoft ha rilanciato Bing all’inizio dell’anno per incorporare l’intelligenza artificiale di OpenAI. Grazie alla modifica, che incorpora la modalità conversazionale di ChatGPT, il motore di ricerca è riuscito a marzo a superare i 100 milioni di utenti attivi giornalieri per la prima volta nella sua storia.

Sam Altman, CEO di OpenAI (a sinistra), e il CEO di Microsoft Satya Nadella Credito: Microsoft

Problemi di costo di Microsoft e OpenAI

Microsoft ha investito nel 2019 alcuni 1 miliardo di dollari in OpenAI. È stato un passo fondamentale nello sviluppo della tecnologia alla base di ChatGPT, che tre anni dopo ha rivoluzionato il mercato. Il successo fu tale che ChatGPT divenne l’applicazione più veloce ad aver superato i primi anni di attività. 100 milioni di utentisecondo solo al frenetico lancio di Threads.

LEGGI  Il nuovo Qualcomm Snapdragon X Plus è un altro colpo in tavola

All’inizio di quest’anno, Microsoft ha rafforzato la partnership per diventare il fornitore esclusivo dei servizi cloud di OpenAI, che consentono l’esecuzione di tutti i prodotti e servizi di OpenAI. Si stima che questo nuovo accordo abbia richiesto un nuovo investimento da parte di Microsoft di 10 miliardi di dollari.

Nonostante il successo, i costi sono stati una preoccupazione latente. La creazione di ChatGPT è stata così costosa che OpenAI ha registrato delle perdite. di circa 540 milioni di dollari nel 2022. E questo era solo l’inizio. Mantenerlo operativo potrebbe costare almeno 700.000 dollari al giorno. La maggior parte del denaro è destinata alla manutenzione dei server, come ha stimato in aprile la società SemiAnalysis.

Microsoft ha affrontato il problema su tutti i fronti. Dallo sviluppo di chip propri, in un progetto congiunto con AMD. Alla possibilità di alimentare con energia nucleare i propri centri dati che ospitano Microsoft Cloud e l’intelligenza artificiale.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *