Microsoft si scaglia contro Google: smentisce uno degli argomenti chiave della causa antitrust

Satya Nadella, CEO di Microsoft, è apparso lunedì come testimone nel processo antitrust contro Google, in cui il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti accusa il gigante della ricerca di utilizzare tattiche scorrette per mantenere la sua posizione dominante sul mercato. E lo ha fatto per smentire uno degli argomenti chiave su cui Google ha finora basato la sua difesa.

“L’idea che gli utenti possano scegliere e passare da un sito web all’altro… è completamente falsa”, ha dichiarato Nadella, nel primo caso di monopolio governativo contro una grande azienda tecnologica in oltre 20 anni. “Le impostazioni predefinite sono l’unica cosa che conta quando si tratta di modificare il comportamento di ricerca.

Google ha insistito sul fatto che i produttori di telefoni e browser web lo scelgono come predefinito perché sono “di altissima qualità”. E che, in ogni caso, gli utenti possono facilmente cambiare motore di ricerca se lo desiderano.

Il governo statunitense, invece, accusa Google di pagare circa 10 miliardi di dollari all’anno alle aziende più importanti del mercato per far sì che Google sia il motore di ricerca predefinito. Tra queste figurano Apple, Samsung e AT&T. La società azionaria Sanford Bernstein, ad esempio, stima che quest’anno Google pagherà ad Apple almeno 18 miliardi di dollari per lo stato di default degli iPhone e di altri prodotti Apple.

Nadella è andato oltre. Ha detto Microsoft era anche disposta a pagare “più di 10 miliardi di dollari all’anno” ad aziende come Apple per scegliere Bing, il suo motore di ricerca. Tuttavia, ha affermato, non è stato possibile dissuaderle dal loro impegno nei confronti di Google.

LEGGI  Il creatore di Wikipedia ritiene che l'intelligenza artificiale sovrumana sarà qui tra 50 anni

L’opportunità della concorrenza nella causa antitrust contro Google

Prima di Microsoft, altri concorrenti si sono uniti all’attacco di Google nella causa antitrust. “Siamo lieti che la questione arrivi finalmente in tribunale”, ha dichiarato all’inizio di settembre il portavoce di DuckDuckGo Kamyl Bazbaz. Bazbaz si è lamentato della necessità di almeno 15 passi per passare a Google come motore di ricerca predefinito su un telefono con sistema operativo Android.

Google detiene il 90% del mercato dei motori di ricerca negli Stati Uniti e, a livello globale, circa il 91% della torta, secondo le società di consulenza come SimilarWeb. Nadella, nella sua apparizione in tribunale, ha affermato che Google ottiene questo risultato perché ha “grossi mezzi” per convincere i produttori di telefoni a mantenere i contratti sul suo motore di ricerca.

Il leader di Microsoft ha citato, come esempio, la minaccia di non permettere ai produttori di telefoni Android di utilizzare il suo negozio di applicazioni Google Play. “Senza Google Play, un telefono Android è un mattone”, ha dichiarato. “Questo è un tipo di problema impossibile da superare”.

Nadella è succeduto a Steve Ballmer come CEO di Microsoft nel 2014. Prima di allora, aveva guidato gli sforzi di Microsoft per costruire un motore di ricerca che tenesse testa a Google. Il risultato è stato Bing, rilasciato nel 2009, che, nonostante gli sforzi, è rimasto un attore minuscolo.

Solo quest’anno, a marzo, Microsoft è riuscita a superare per la prima volta nella sua storia i 100 milioni di utenti attivi giornalieri. Questo grazie all’integrazione con l’intelligenza artificiale di ChatGPT.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *