Microsoft ha violato i principi di OpenAI offrendo la sua AI all’esercito americano

Microsoft ha offerto l’intelligenza artificiale di OpenAI alle forze armate degli Stati Uniti. per svolgere operazioni militari. Un’indagine ha portato alla luce i piani dell’azienda tecnologica per ottenere un ritorno sull’investimento multimilionario in questa tecnologia. Secondo i dati, Microsoft ha condotto una presentazione con il Dipartimento della Difesa per mostrare i vantaggi dell’IA generativa..

Un rapporto di The Intercept fornisce i dettagli della presentazione IA generativa con i dati del Dipartimento della Difesain cui Microsoft ha mostrato casi d’uso reali dell’intelligenza OpenAI. L’azienda di Redmond ha suggerito che i modelli linguistici sarebbero stati utili per analizzare immagini e video di sorveglianza per scopi di sicurezza, o identificare modelli in un database.

Nel caso specifico di DALL-E, l’IA generativa di OpenAI servirebbe a. creare immagini da utilizzare nei sistemi di gestione delle battaglie. Microsoft suggerisce anche di utilizzare strumenti come ChatGPT per automatizzare la scrittura di rapporti, moduli e altri tipi di documenti. “L’IA generativa può essere utilizzata per generare automaticamente linguaggio scritto o parlato, come articoli di cronaca, discorsi o sintesi di analisi dei dati”, ha dichiarato l’azienda. nella sua presentazione.

Presentazione di Microsoft al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti
Presentazione di Microsoft al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti

I modelli AI personalizzati fanno parte dell’offerta Azure AI e comprendono i servizi DALL-E e ChatGPT. La cosa più curiosa è che Microsoft non ha chiesto a OpenAI l’autorizzazione a offrire la sua AI al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Liz Bourgeous, portavoce di OpenAI, ha dichiarato che le politiche dell’azienda proibiscono l’uso dei loro strumenti per sviluppare o utilizzare armiche feriscono altre persone o distruggono proprietà.

“OpenAI non ha stretto partnership con agenzie di difesa per utilizzare le nostre API o ChatGPT per tali scopi”, ha dichiarato Bourgeous.

LEGGI  OpenAI lancia ChatGPT Edu, un chatbot per le università alimentato da GPT-4o

Microsoft ammette di aver offerto l’IA di OpenAI all’esercito statunitense.

Casi duso dellIA per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti

Microsoft ha ammesso di aver fatto la presentazioneTuttavia, ha chiarito che il Dipartimento della Difesa non ha iniziato a utilizzare DALL-E. L’azienda tecnologica ha aggiunto che ha solo mostrato i possibili casi d’uso dell’intelligenza artificiale generativa.

La ricerca dimostra ancora una volta che Microsoft non ha problemi a commercializzare la sua tecnologia – o quella dei suoi partner – per attività militari. L’azienda ha stipulato diversi contratti con le forze armate statunitensi, mentre un sito web spiega che i vantaggi di Azure nei compiti di difesa.

“Azure consente ai team tattici di ottenere una maggiore visibilità, di muoversi più velocemente e di prendere decisioni più informate”.

Microsoft

Questa filosofia ha portato a conflitti internicome quello che si è verificato nel 2019. I dipendenti dell’azienda hanno chiesto la risoluzione di un contratto con il Dipartimento della Difesa che garantiva l’utilizzo di HoloLens per le missioni di guerra. “Non siamo stati assunti per sviluppare armi e chiediamo di poter decidere come viene utilizzato il nostro lavoro”, hanno dichiarato i lavoratori in una lettera. Microsoft fornirà 100.000 HoloLens da utilizzare nell’IVASun sistema di realtà aumentata che migliorerebbe l’efficienza dei soldati nell’uccidere i nemici..

Presentazione di Microsoft al Dipartimento della Difesa USA

Nel caso dell’intelligenza artificiale, alcuni esperti sottolineano i pericoli dell’utilizzo di questa tecnologia in ruoli di difesa. “Non è possibile costruire un sistema di gestione delle battaglie che non contribuisca, almeno indirettamente, a danneggiare i civili”, ha dichiarato Brianna Rosen, docente presso la Blavatnik School of Government dell’Università di Oxford.

D’altra parte, Heidy Khlaaf, un ingegnere della sicurezza dell’apprendimento automatico, ha aggiunto che. DALL-E è ben lontano dal generare immagini vicine alla nostra realtà fisica.. “Non riescono nemmeno a generare con precisione un numero corretto di arti o di dita, quindi come possiamo fidarci della loro accuratezza rispetto a una presenza realistica sul campo”, ha detto.

LEGGI  Cristiano Ronaldo affronta una causa multimilionaria per i suoi NFT su Binance

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *