Meglio tardi che mai: il Giappone dice finalmente addio ai floppy disk

Il Giappone ha vinto la guerra dei floppy disk da 3,5 pollici. Il ministro giapponese per gli Affari digitali, Taro Kono, ha confermato a Reuters l’eliminazione di questo vecchio metodo di archiviazione fisica. Si tratta di un passo avanti fondamentale nel processo di modernizzazione che l’amministrazione giapponese sta portando avanti da diversi anni.

Secondo il funzionario, sono stati eliminati 1.034 regolamenti che impedivano l’uso dei floppy disk all’interno del governo giapponese.. Secondo Kono, la vittoria contro gli obsoleti supporti rimovibili è stata ottenuta il 28 giugno, l’ultimo giorno lavorativo del mese scorso. Questo fa pensare che l’uso dei floppy disk sia stato bandito dagli enti pubblici giapponesi a partire dal luglio di quest’anno.

Il caso del Giappone e dei floppy disk è davvero curioso. Un Paese considerato in tutto il mondo come sinonimo di tecnologia, sede di aziende come Sony, Nintendo, Toyota, Nikon, Canon e Toshiba, si affida ancora ai floppy disk da 3,5 pollici per archiviare dati o svolgere procedure amministrative, rasenta il ridicolo.

Come si è saputo nel 2021, i dischetti venivano utilizzati persino per inviare alla banca le informazioni sul pagamento degli stipendi dei dipendenti pubblici. Una situazione che ha indotto alcune istituzioni finanziarie a iniziare a utilizzare i floppy disk per il addebitare somme di denaro esorbitanti per costringere la pubblica amministrazione ad abbandonare i metodi fisici di archiviazione di questo tipo di informazioni sensibili.

Il Giappone dice finalmente addio ai floppy disk

Il Giappone dice finalmente addio ai floppy disk
Foto di <a href=httpsunsplashcomeshelloimnikutm content=creditCopyTextutm medium=referralutm source=unsplash>Nik<a> a <a href=httpsunsplashcomesfotosuna vieja computadora sentada en el suelo rodeada de cables 9V1Rus4aKnwutm content=creditCopyTextutm medium=referralutm source=unsplash>Unsplash<a>

Ciò che non è del tutto chiaro è se il Giappone abbia già completato la transizione da floppy disk a metodi più moderni, o se ci sono ancora uffici pubblici che stanno completando questo processo. Inizialmente si stimava che alcuni uffici che utilizzavano i floppy disk per il loro lavoro quotidiano non sarebbero stati in grado di abbandonarli prima del 2026.

LEGGI  L'intelligenza artificiale Midjourney ha disegnato una serie di fumetti e il suo lavoro è impressionante.

Il problema del Giappone con la tecnologia obsoleta non si limita ai floppy disk. Quando Kono “dichiarò guerra” a queste unità di memorizzazione nel 2022, spiegò che c’erano circa 1.900 processi governativi che richiedevano l’uso di un’ampia varietà di metodi antiquati.

Oltre ai floppy disk, l’amministrazione pubblica giapponese ha anche creato una forte dipendenza da supporti come CD, MiniDisk e fax.. Il Ministero degli Affari Digitali ha spinto per l’eliminazione di questi ultimi e per il passaggio definitivo alla posta elettronica come mezzo di comunicazione. Tuttavia, questa decisione ha incontrato una forte resistenza da parte di funzionari etichettati come “faxofili”.

Ma la storia non finisce qui. Come per i floppy disk, il Giappone ha avuto la sua parte di problemi nell’affrontare la modernizzazione di altri sistemi. La morte di Internet Explorerper esempio, ha rappresentato un enorme grattacapo per la società giapponese.

Il vecchio software Microsoft non era utilizzato solo nelle agenzie governative. Aveva una forte presenza anche nelle fabbriche, nelle istituzioni finanziarie e nelle aziende di logistica. Quando Internet Explorer è stato definitivamente dismesso, un sondaggio ha rivelato che il 49% dei partecipanti lo utilizzava ancora per lavoro. Il 20% di loro non sapeva come affrontare il passaggio a un browser web moderno.

Si sostiene che casi come quelli dei floppy disk, dei fax e di Internet Explorer sono il risultato dell’attaccamento del Giappone alle vecchie abitudini.. Quel che è certo è che, almeno nel caso dei floppy disk da 3,5 pollici, gli asiatici hanno compiuto un passo necessario per mostrare loro la via d’uscita.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *