L’IA generativa sarà più grande di Internet, afferma il CEO di NVIDIA

Come previsto, l’evento Microsoft Ignite è stato ricco di novità legate all’intelligenza artificiale. Dall’introduzione del chip Maia 100 per i data center al rinnovamento di Bing Chat, l’azienda di Redmond non ha perso l’occasione per dimostrare il proprio impegno nei confronti della nuova tecnologia. Forse il commento più forte, però, è stato fatto da Jensen HuangCEO di NVIDIAche ha dichiarato che L’IA generativa sarà ancora più dirompente di Internet..

Il leader dell’azienda californiana ha approfittato della sua presenza sul palco per parlare delle nuove collaborazioni tra la sua azienda e Microsoft. L’annuncio più rilevante è stato quello del lancio del nuovo Servizio AI Foundry che verrà eseguito su Azure e consentirà ai clienti di creare i propri modelli linguistici massivi e di personalizzarli in base alle proprie esigenze.

Come suggerisce il nome, il gigante verde offrirà un servizio di fonderia di intelligenza artificiale. L’azienda vuole essere per l’intelligenza artificiale generativa quello che TSMC è per il mondo dei semiconduttori, in pratica.. E NVIDIA è convinta che l’attuale mania tecnologica sia solo la punta dell’iceberg.

“L’IA generativa è la più importante transizione di piattaforma nella storia del computing”, ha dichiarato Huang. Nessun altro salto tecnologico degli ultimi decenni è simile a quello che stiamo per vivere”, ha dichiarato Huang, CEO di NVIDIA. “Negli ultimi 40 anni non c’è stato nulla di così grande. È più grande del PC, è più grande del telefono cellulare e sarà di gran lunga più grande di Internet.ha osservato.

NVIDIA punta i suoi chip più forti sull’IA generativa

Satya Nadella e Jensen Huang, CEO di Microsoft e NVIDIA, all’evento Ignite.

Il fatto che NVIDIA stia rivolgendo gran parte della sua strategia commerciale all’IA generativa non è affatto sorprendente. L’azienda di Santa Clara, California. principali beneficiari dalla mania per ChatGPT, DALL-E, Midjourney, Stable Diffusion e una serie di altri strumenti che sfruttano questa tecnologia.

LEGGI  L'USB 4 sarà due volte più veloce e sarà ancora possibile utilizzare i cavi esistenti.

Le vostre schede di accelerazione H100che costano circa 40.000 dollari l’uno e vengono utilizzati per addestrare modelli di intelligenza artificiale, sono diventati un bene estremamente prezioso nella Silicon Valley e in tutto il mondo. OpenAI, ad esempio, ha riconosciuto che quest’anno ha sofferto per l’impossibilità di mettere le mani su un numero di unità di questo tipo di hardware pari a quello sperato. Ma si aspetta che la situazione migliori nel 2024. Sarà interessante vedere cosa succederà con i nuovi e più potenti H200.

Anche il veto all’esportazione di chip di intelligenza artificiale in Cina non ha avuto un impatto negativo su NVIDIA. Anzi, Tencent ha recentemente dichiarato di essersi assicurata una quantità di GPU H800 sufficiente per continuare lo sviluppo del suo modello di intelligenza artificiale generativa Hunyuan per almeno “un altro paio di generazioni”.

Vale anche la pena di notare che quest’anno NVIDIA è riuscita a entrare nel ristretto gruppo di società valutate oltre 1.000 miliardi di dollari. Di fatto, ora è la sesta azienda di maggior valore al mondo, dopo Apple, Microsoft, Saudi Aramco, Google e Amazon. Sebbene l’IA generativa non sia la sua unica unità di business, è quella che le ha dato il maggiore impulso quest’anno.

Lo scorso agosto, l’azienda ha registrato un fatturato di 13,5 miliardi di dollari per il secondo trimestre dell’anno fiscale 2024. Di questi, 10,32 miliardi di dollari provenivano dalle vendite di hardware per data center, un raddoppio rispetto al trimestre precedente. Ma non è tutto. L’aspetto più brutale è che ha registrato 6,188 miliardi di dollari di profitti solo per quel trimestre.Come si fa a non volere che l’IA generativa continui a crescere?

LEGGI  Ulefone Armor 24: un mostro "robusto" con una batteria da 22000 mAh!

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *