L’esercito americano utilizza già armi laser. Non è come si immagina

L’esercito americano confermato che ha schierato un paio di armi laser in altri continenti per assumere i compiti di difesa aerea. I dettagli sono riservati, ma un funzionario di alto livello ha dichiarato che tale tecnologia è già operativa, liberando i cieli dai veicoli che minacciano le truppe statunitensi. Sarebbe la prima volta nella storia che un sistema di energia diretta viene utilizzato sul campo di battaglia..

Questo è il “laser ad alta energia pallettizzato” (P-HEL). Utilizza l’elettricità per generare fotoni (particelle di luce), che passano attraverso un mezzo di amplificazione, un materiale che moltiplica il numero di fotoni. Tutti questi vengono concentrati in un unico fascio per indirizzarli verso un bersaglio. Quando viene sparato, aumenta incredibilmente la temperatura del punto con cui è entrato in contatto, disattivando o distruggendo il bersaglio..

Sebbene le forze armate si siano inizialmente rifiutate di confermare se queste armi laser avessero neutralizzato un drone nemico, il funzionario capo dell’approvvigionamento ha confermato che erano stati usati con successo a questo scopo in Medio Oriente. Questo segna una pietra miliare importante, poiché da diversi anni i droni sono diventati sia l’arma più letale di diversi eserciti in tutto il mondo, sia quella più economica.. Un drone da 2.000 dollari caricato con una bomba è in grado di disabilitare un carro armato da un milione di dollari. Allo stesso tempo, i missili utilizzati per abbattere i droni costano centinaia di volte di più dei loro obiettivi. Queste circostanze hanno spianato la strada alla realizzazione di armi laser.

Il laser della società Raytheon montato su un pick up

Dalla fantascienza al campo di battaglia

Nel 1960, l’ingegnere e fisico americano Theodore Maiman creò il primo laser (il nome deriva dall’acronimo “light amplification by stimulated emission of radiation”). Gli scrittori di fantascienza adottarono presto l’invenzione, illustrandola nelle loro creazioni come arma caratteristica degli eserciti del futuro. Il romanzo di H.G. Wells, La guerra dei mondi, sembrava aver anticipato l’innovazione di Maiman, parlando del micidiale “raggio di calore” usato dagli extraterrestri. Così il pubblico avrebbe iniziato a sognare i giorni in cui sarebbe stato possibile acquistare una pistola laser per completare il proprio cosplay di Han Solo. Tuttavia, il laser avrebbe avuto molte altre applicazioni costruttivo che distruttivo.

LEGGI  Google sta lavorando a un'intelligenza artificiale per aiutarvi a capire la calligrafia del vostro medico

Il desiderio di armi laser è rimasto a lungo inappagato, poiché la tecnologia non era all’altezza della fantascienza. Il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan propose addirittura di costruire un sistema di difesa missilistica nucleare (soprannominato “Guerre Stellari” dai suoi detrattori). che prevedeva il posizionamento di armi laser nello spazio per rilevare e abbattere i missili dell’Unione Sovietica.. Sfortunatamente, nessuno degli elementi tecnologici centrali del piano del Presidente era realizzabile entro il 1983. Dopo molti test falliti e una investimento L’investimento di trenta miliardi di dollari è stato sciolto nel 1993.

Detto questo, nel 2024 le cose sono diverse. Le armi laser (come i microchip) dipendono da una tecnologia che richiede una precisione incredibile. I tentativi di esplorazione di qualche decennio fa sono stati significativi e ammirevoli, ma sono falliti. Poiché le circostanze della guerra sono cambiate, sono cambiati anche gli incentivi economici (le armi laser non hanno bisogno di munizioni). ha indotto il Pentagono a spendere un miliardo di dollari all’anno per la ricerca in materia, che ha dato i suoi frutti..

Lattributo principale del piano è che sarebbe stato molto bello

Le armi laser riducono i costi

Il modo in cui i nemici degli Stati Uniti hanno utilizzato i droni nelle loro offensive ha creato un incentivo a ideare un modo economico per neutralizzarli. I russi, gli Houthi nello Yemen, le cellule dell’ISIS in Iraq e Siria e altre milizie finanziate dall’Iran hanno tutti utilizzato droni ordinari per attaccare le truppe statunitensi.. Nel gennaio 2024, tre soldati statunitensi sono stati uccisi e quaranta feriti in un avamposto militare in Giordania dopo un attacco con un drone da parte di una milizia finanziata dall’Iran. In totale, 140 soldati statunitensi sono stati feriti in attacchi simili tra ottobre 2023 e febbraio 2024.

LEGGI  La prossima novità di Google sono i chatbot AI basati su celebrità, influencer e youtuber.

Così le armi laser sono diventate una necessità. Ogni missile navale standard costa 2,1 milioni di dollari. Un missile Stinger, che può essere sparato dalla fanteria, costa 480.000 dollari. In confronto, ogni colpo delle armi laser dispiegate costa da uno a dieci dollari.. Da ottobre, il Pentagono ha speso 1 miliardo di dollari in munizioni per difendersi dagli attacchi delle milizie iraniane, con una media di 100.000 dollari a colpo. Potrebbero risparmiare la spesa in futuro, se l’uso di queste armi diventasse comune.

Ecco come funziona larma laser britannica DragonFire

Ma ci sono ancora molti problemi da risolvere prima che le armi laser possano sostituire efficacemente le armi tradizionali. I laser funzionano molto bene in laboratorio, dove le condizioni ambientali possono essere controllate, ma sul campo di battaglia devono affrontare ogni sorta di sostanze presenti nell’atmosfera (vapore acqueo, sabbia, polvere, particelle di sale, fumo) che defocalizzano il raggio laser, sabotandone il funzionamento. Inoltre, per riparare queste armi sono necessarie molte competenze e strutture speciali, il che le rende meno affidabili per un uso a lungo termine. Tuttavia, i progressi compiuti finora sono stati meravigliosi e suggeriscono un futuro brillante per questa tecnologia..

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *