Le 25 maggiori delusioni di Qatar 2022

Il I Mondiali di calcio del Qatar 2022 hanno regalato emozioni dall’inizio alla fine. Ha avuto momenti memorabili, ha mostrato sorprese, ha confermato i massimi e ha permesso a molti dei migliori calciatori del pianeta di brillare con le loro squadre nazionali. C’è stato chi lo ha fatto in squadre che sono state protagoniste e altri che hanno avuto una luce propria nonostante le loro squadre siano cadute presto in disgrazia.

Ma la Coppa del Mondo anche loro hanno prodotto prestazioni non all’altezza. Giocatori che, per motivi diversi, non hanno avuto la loro migliore partecipazione o, almeno, non era l’immagine desiderata considerando che sono grandi figure, in alcuni casi mega-stelle del pianeta calcio. In questa nota esamineremo questi nomi e vi mostreremo Le 25 maggiori delusioni di Qatar 2022.

Pedri

È il miglior giocatore spagnolo del momento, o almeno quello con la maggiore proiezione, ma non l’ha dimostrato ai Mondiali. La sua prestazione è stata ben lontana dalle aspettative. Non è stato uno di quelli che non si sono fatti notare, ma non ha fatto la differenza che un giocatore con la sua reputazione dovrebbe fare. È molto giovane e ha un grande futuro, ma alla sua prima Coppa del Mondo è stato lasciato in cattiva luce.

Memphis Depay

Anche se con il passare delle partite sembra essersi integrato con la squadra, l’attaccante ha tutte le carte in regola per essere il giocatore chiave in una squadra con una forte tradizione d’attacco. Ma la Coppa del Mondo di Memphis ha avuto un andamento altalenante: ha segnato il suo unico gol negli ottavi di finale e nella partita contro l’Argentina non ha segnato alcun gol ed è stato sostituito nel secondo tempo.

Vinicius Jr.

Non sarà stato uno dei peggiori giocatori della Coppa del Mondo, ma la prestazione di uno dei principali attaccanti di una squadra potente come quella brasiliana ha finito per lasciare una sensazione blanda. È vero che la squadra ha promesso più di quanto ha poi offerto sul campo. Qualcosa di simile a quanto mostrato dall’attaccante del Real Madrid, che ha mostrato solo apparizioni fugaci in un torneo che per il Canarinha sarà dimenticato.

Trent Alexander-Arnold

Considerato uno dei migliori terzini al mondo, il suo livello in Qatar non è stato male, ma non è stato all’altezza delle aspettative che aveva generato. In una squadra che ha partecipato positivamente al torneo, non è stato uno dei punti di forza, al punto da essere un sostituto per buona parte del torneo. La gioventù e le capacità del giocatore del Liverpool gli daranno l’opportunità di riscattarsi nelle prossime edizioni della Coppa.

Joakim Maehle

Dopo la grande prestazione a Euro 2021, tutti parlavano di questo terzino, al punto da essere considerato il giocatore rivelazione di quel torneo. Ma ovviamente la sua prestazione in Qatar è stata pari a quella della nazionale danese, una squadra da cui ci si aspettava molto di più e che invece è stata una grande delusione. Sebbene non fosse il peggiore dei danesi, ci si aspettava molto di più.

Piero Hincapié

Il 20enne difensore del Bayer Leverkusen ha commesso un rigore evitabile nell’ultima giornata della fase a gironi, contribuendo all’eliminazione della sua squadra. Tuttavia, nonostante la giovane età e l’inesperienza, ha mostrato un fisico privilegiato e una solidità inusuale per una persona della sua età su un palcoscenico così impegnativo. Data la sua età e la sua proiezione, l’ecuadoriano cercherà di vendicarsi.

Gareth Bale

Nonostante gli alti e bassi delle sue ultime stagioni nel calcio europeo e ora nella MLS, il gallese ha sempre avuto nella sua nazionale il rifugio ideale per poter mostrare il suo talento e la sua capacità di affermarsi come uno dei pilastri della squadra. Sebbene il britannico si sia goduto il ritorno alla Coppa del Mondo dopo 46 anni, la sua permanenza in Qatar è stata deludente. La loro stella ha debuttato, ha segnato un gol e poco altro.

Alphonso Davies

È la stella di una squadra che arriva in Qatar con speranze di crescita, essendosi qualificata dopo 36 anni. Ma con la sua prestazione, il Canada non è riuscito a raggiungere l’obiettivo. Il suo capitano è un giocatore del Bayern Monaco e sta vivendo un grande momento di sport. Pur avendo segnato un gol – il primo della sua squadra in Coppa del Mondo – ha sbagliato un rigore che avrebbe potuto essere fondamentale e non è mai riuscito a distinguersi in attacco.

LEGGI  Un giocatore del Barcellona è stato convocato nella nazionale del Marocco e potrebbe giocare i Mondiali del Qatar 2022.

Piotr Zielinski

Il centrocampista d’attacco del Napoli è una delle stelle di una squadra che non manca di stelle. Nonostante la qualificazione agli ottavi di finale, il livello della Polonia ai Mondiali è stato generalmente piatto e, all’interno di uno schema estremamente difensivo proposto dall’allenatore, Piotr è stato uno dei perdenti, insieme ai suoi compagni d’attacco, passando quasi inosservato.

Hirving Lozano

Il messicano arriva a questa Coppa del Mondo con un ottimo curriculum, visto che è stato una delle grandi rivelazioni di Russia 2018. Ma in questa edizione è stato a malapena preciso. El Tri ha segnato solo due gol nelle tre partite disputate e nessuno di questi è arrivato dal giocatore del Napoli, che doveva essere l’asso nella manica di una squadra che arrivava ai Mondiali su un livello debole.

Dusan Vlahovic

C’era una certa aspettativa per la nazionale serba, che sperava di poter fare una sorpresa, visto il suo crescente potenziale individuale e collettivo. Ma questo è quanto… E tra coloro che hanno mostrato le performance più scadenti ci sono state le loro grandi star. Uno di questi è l’attuale attaccante della Juventus, che non ha certo disputato un buon Mondiale. Inoltre, è stato coinvolto in uno scandalo sessuale con le mogli dei suoi compagni di squadra.

Harry Kane

Tra l’elenco dei giocatori che hanno deluso alla Coppa del Mondo, Harry è quello che ha dato i risultati migliori. Tuttavia, la sua presenza è dovuta alle aspettative riposte sull’attaccante del Tottenham Hotspur. Ha ricoperto un ruolo secondario nella squadra, dedicandosi a far giocare i compagni, segnando solo due gol nel torneo. Per di più, ha finito per essere il cattivo nella partita contro la Francia, quando ha deviato il rigore che avrebbe potuto regalare il pareggio.

Darwin Núñez

Troppe aspettative erano state riposte su un giocatore che stava appena iniziando la sua maturazione calcistica ai massimi livelli. Certo, negli ultimi mesi aveva mostrato le sue credenziali: una stella nel campionato portoghese, un impressionante passaggio al Liverpool, un posto da titolare in Uruguay… Ma il livello dell’attaccante era ben lontano da quello ideale, nonostante sia chiamato a essere la nuova generazione del calcio di Charrúa.

Marco Asensio

Ci si aspettava che facesse la differenza in un contesto diverso e con la fiducia dell’allenatore, ma il suo rendimento è stato molto scarso. In nessun momento della permanenza della Spagna ai Mondiali il giocatore del Real Madrid è riuscito a essere decisivo nonostante una buona partita – come quasi tutta la squadra – contro la Costa Rica. Un duro colpo per un giocatore che sperava di farsi conoscere nella competizione.

Joshua Kimmich

La Germania è stata eliminata nella fase a gironi per la seconda Coppa del Mondo consecutiva, un colpo troppo duro per una delle principali potenze mondiali. I loro giocatori chiave sono stati i più importanti. Tra questi, il giocatore del Bayern Monaco, che si è preso la briga di fare una durissima autocritica del suo ruolo: “Non ho potuto aiutare la mia squadra. Ho fallito. Temo che l’eliminazione sia collegata a me”.ha detto.

Bernardo Silva

Danneggiato da un piano di gioco che non gli si addice, il centrocampista creativo portoghese non si è mai distinto nella buona squadra che il Portogallo ha presentato ai Mondiali. Molto diverso dal suo solito lavoro al Manchester City, si è trovato a disagio e ha finito per essere improduttivo per una squadra che è andata sempre più forte in Qatar.

Ousmane Dembelé

L’attaccante francese è arrivato in Qatar come uno dei giocatori più influenti dell’attuale stagione della Liga. Tuttavia, questa buona forma non si è riflessa nella Coppa del Mondo. Ha iniziato 6 delle 7 partite, non ha segnato alcun gol e ha fatto solo 2 assist. Inoltre, in finale è stato sostituito prima della fine del primo tempo e la stampa francese non ha avuto dubbi sulla sua prestazione: “Quaranta minuti indegni di Dembélé…”..

Kevin De Bruyne

Il playmaker del Manchester City non solo ha vissuto una Coppa del Mondo da dimenticare, ma è anche balzato agli onori della cronaca per i suoi commenti sull’età della squadra, che hanno portato a conflitti interni. È stato uno dei principali responsabili del fallimento del Belgio ai Mondiali, che non è riuscito ad avanzare dalla fase a gironi, quando ci si aspettava che fosse tra i candidati al titolo.

LEGGI  Come viene calcolato il ranking FIFA e come funziona?

Marquinhos

Protagonista dell’ultima azione del Brasile in Coppa del Mondo, ha finito per essere lasciato come un il cattivo del film. Il difensore e capitano della Verdeamarelha Il suo tiro si è schiantato contro il palo nei calci di rigore che avrebbero lasciato fuori la sua squadra e qualificato la Croazia per le semifinali. Ma a parte questa situazione particolare, la stella del PSG ha mostrato alcuni dubbi che sono rari nel suo gioco.

Thomas Müller

La figura di spicco della Germania. Uno dei migliori marcatori dell’era moderna della Coppa del Mondo, non ha disputato il suo torneo e, alla sua quarta apparizione consecutiva, non è riuscito a segnare un gol. Il livello di gioco della squadra è stato ancora una volta scarso e ha portato alla seconda uscita consecutiva al primo turno. Dopo un altro duro colpo, all’età di 33 anni, l’attaccante ha aperto le porte al ritiro dalla nazionale.

Romelu Lukaku

È stato uno dei principali artefici della mancanza di gol del Belgio. Nonostante sia stato indisponibile per la prima partita e abbia giocato la seconda con l’ovatta, non è mai riuscito ad ambientarsi nel territorio qatariota. Come se non bastasse, nella partita contro la Croazia, l’attaccante dell’Inter ha avuto quattro occasioni nitide per segnare, senza riuscire a realizzarne nessuna. Alla fine, il belga ha salutato in lacrime e ha rotto il vetro della panchina dei sostituti.

Lautaro Martinez

Uno dei principali attaccanti del pianeta in termini di capacità e proiezione futura, ma che ai Mondiali si è completamente perso. Nonostante il grande campionato e la consacrazione della squadra argentina, l’attaccante dell’Inter ha finito per perdere il posto a causa dei suoi stessi errori, per non aver sfruttato le sue opportunità e, soprattutto, per essere completamente oscurato dal livello del suo sostituto Julián Alvarez.

Robert Lewandoski

Il polacco è arrivato come uno dei migliori attaccanti del pianeta, ma non è mai stato in grado di mostrare la sua solita gerarchia e capacità di segnare. Indubbiamente ha sofferto dell’approccio conservativo del suo allenatore, che lo ha lasciato come unico attaccante e lontano dai suoi compagni di squadra. Ma ci sono state anche debolezze ed errori non usuali per lui, tra cui l’aver sbagliato un rigore fondamentale contro il Messico. Nonostante ciò, è riuscito a segnare due gol, i suoi primi in Coppa del Mondo.

Luis Suárez

Il protagonista uruguaiano del decennio ha chiuso la sua ultima Coppa del Mondo nel peggiore dei modi, venendo eliminato nella fase a gironi e senza segnare nemmeno un gol. L’età e un semestre lontano dai massimi livelli hanno portato l’attaccante a fluttuare tra la formazione titolare e la panchina dei sostituti. Nella partita finale ha giocato da titolare, ma non ha avuto alcuna possibilità e ha finito per lasciare il campo in lacrime dopo essere stato eliminato al turno iniziale per la prima volta nella sua carriera.

Cristiano Ronaldo

Il portoghese è stato protagonista di questa Coppa del Mondo, ma a causa di polemiche. La sua irregolarità e gli apparenti conflitti lo hanno portato a vedere buona parte del torneo praticamente relegato nella panchina dei sostituti. Le voci di rabbia nei confronti del suo allenatore, il fatto che abbia segnato solo un gol su rigore e l’eliminazione a sorpresa contro il Marocco nei quarti di finale, sono tutti elementi che contribuiscono a un Mondiale da dimenticare per CR7.

Scarica l’app Bolavip e segui tutte le informazioni sulla tua squadra del cuore in tempo reale su:https://bit.ly/BV-app22

Vittoria
WRITTEN BY

Vittoria

Ciao, sono Vittoria. Sono una redattrice di DFO Media, dove mi immergo nel mondo dello sport, decifrando le tendenze e condividendo le storie che ci sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *