L’addio ai cookie in Google Chrome dovrà attendere: il processo è stato interrotto.

La grande G ha appena confermato che smette di eliminare gradualmente i cookie in Google Chrome. L’informazione proviene dal suo proprio blogdove afferma di essere in trattativa con l’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) del Regno Unito fino a quando non troverà una soluzione. una soluzione meno rigida per tutte le parti interessate.

Per chi non lo sapesse, Google Chrome ha posto il veto all’accesso ai cookie dall’inizio dell’anno. Ha iniziato con circa 30 milioni di persone, che rappresentavano il 1% della sua quota di utilizzo. Nel corso del primo trimestre ha ampliato questo dato e condotto test per produrre un rapporto, che è lo stesso che sta valutando con la CMA.

“È fondamentale che la CMA abbia tempo sufficiente per esaminare tutte le prove, compresi i risultati dei test del settore”, si legge nella pubblicazione di Google.

In altre parole, che dopo un primo trimestre di analisi ha inviato tutte le informazioni al suddetto organismo per valutare la situazione. Che può anche essere tradotto come: “non sappiamo bene come questo influisca sugli utenti di Google Chrome e sugli inserzionisti, quindi ci fermiamo fino a nuovo avviso”.

Google Chrome non disabiliterà i cookie nel 2024

E il fatto è che il Il piano di Google Chrome era quello di disabilitare i cookieora, per una gran parte degli utenti durante la secondo trimestre del 2024. Ci si aspettava un annuncio imminente, ma l’azienda ha fatto marcia indietro indicando una data molto più lontana per l’esecuzione di questa pietra miliare.

Alla luce di queste importanti considerazioni, non completeremo la disabilitazione dei cookie di terze parti nella seconda metà del quarto trimestre.

Google nella Sandbox della privacy

Quale data ha scelto Google Chrome per la nuova interruzione di massa? Inizio 2025. Sembra che la CMA debba studiare attentamente tutte le informazioni raccolte nel primo trimestre, parlare con l’industria pubblicitaria e valutare la situazione. In altre parole, che il browser più utilizzato al mondo lascerà in pace i cookie cookie di terze parti, degli inserzionisti e degli utenti, almeno per qualche giorno. Ancora 8 o 9 mesi.

Se riusciamo a trovare un accordo, prevediamo di procedere alla disattivazione dei cookie di terze parti dall’inizio del prossimo anno.

Google nella Sandbox della privacy

Tuttavia, questo “Ammesso che si riesca a raggiungere un accordo” ha il compito di aprire le porte a nuove modalità di negoziazione con gli inserzionisti o, perché no, di porre fine alla caccia alle streghe che questi dati stanno affrontando da un paio d’anni.

LEGGI  John Carmack, creatore di "Doom" e capo di Oculus VR, lascia Meta

Perché i cookie di terze parti sono importanti?

Attualmente i cookie sono piccoli file che raccolgono dati come il dispositivo con cui si sta navigando, come siete arrivati a un sito webda dove vi siete collegati o quale diagramma di flusso avete seguito per completare la vostra visita. Questi dati vengono analizzati e utilizzati dagli inserzionisti per essere in grado di indirizzare la loro pubblicitàe quindi mostrare annunci più personalizzati agli utenti di Google Chrome.

In breve, sono fondamentali per consentire agli inserzionisti di rendere redditizi i loro investimenti di marketing e di non andare in rovina. Senza annunci generici, la pubblicità su Internet diventa priva di senso e la pubblicità gratuita, ad esempio su siti web come il nostro, non sarebbe possibile quando lo si visita da Google Chrome.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *