la terribile realtà di un grave problema sociale

Il bullismo che si svolgeva, a volte con estrema brutalità, nelle aule e nelle scuole, si è diffuso anche su Internet. Il cyberbullismo che migliaia di ragazze e ragazzi subiscono a scuola e su Internet è diventato un problema sempre più comune. un incubo che non ha fine e che la legge non affronta in modo specifico.

Messaggi intimidatori, hacking di account personali, diffusione di informazioni private, classifiche sui social network o invio di contenuti indesiderati sono alcune delle minacce che la moltitudine di minori vittime di cyberbullismo a scuola deve affrontare quotidianamente. Un fenomeno in continua evoluzione per adattarsi all’evoluzione delle nuove tecnologie.

Secondo un rapporto della Fondazione ANAR, il cyberbullismo è stata la forma più frequente di bullismo durante la pandemia. Si è diffuso sulle piattaforme più utilizzate dai giovani, come TikTok e Instagram. Il disprezzo e l’umiliazione sono le motivazioni principali degli aggressori.. Inoltre, secondo gli stessi studenti, più della metà dei casi di cyberbullismo rimane irrisolta.

È una realtà complicata che colpisce soprattutto gli studenti tra i 12 e i 14 anni. Le ragazze sono le più vulnerabili a questo tipo di bullismo, poiché sono loro a subirlo nel 70% dei casi. Alcune delle sue conseguenze sono un calo del rendimento scolastico o pensieri suicidi.

Luci e ombre di un grave problema sociale

Per comprendere la vera dimensione di questo problema sociale, in Ipertestuale abbiamo parlato con Diana Díaz, direttrice delle linee di assistenza della Fondazione ANAR, un’istituzione che da 52 anni difende i diritti dei bambini e degli adolescenti in Spagna e in America Latina.

L’esperto afferma che i dati sono spaventosi. “Solo nel 2021 abbiamo ricevuto più di 29.000 richieste di aiuto per il bullismo”. Tuttavia, dice, c’è speranza: “Le scuole stanno diventando sempre più importanti. Sanno di avere un’enorme responsabilità.

Infatti, Díaz dichiara che “in tutta la società conosciamo casi che hanno avuto esiti fatali”. E testimonia che questo ci ha reso chiedere assistenza ai professionisti. “Nelle linee di assistenza abbiamo anche molti insegnanti che si rivolgono a noi per sapere come migliorare le loro prestazioni con gli studenti”.

Le amministrazioni pubbliche contro il cyberbullismo scolastico

Sensibilizzazione civile in cui, oltre alle associazioni come l’ANAR, le stesse istituzioni svolgono un ruolo essenziale. Nel 2020, il Ministero dell’Istruzione ha riattivato, dopo 9 anni di inattività, l’Osservatorio statale per la convivenza scolastica. L’obiettivo di questo organismo è trovare strumenti per migliorare il clima scolastico nelle scuole.

Da allora, le ricerche sul fenomeno del cyberbullismo sono aumentate e sono state lanciate campagne di sensibilizzazione. Ancora più importante, tuttavia, è stata l’approvazione della Legge per la protezione globale dei bambini e degli adolescenti dalla violenza. Questo documento dimostra un fermo impegno da parte dell’amministrazione per il miglioramento della situazione degli studenti nelle scuole.

Tra le altre misure, la legge obbliga le scuole a inserire nel proprio organico la figura del Coordinatore del benessere e della protezione. Una persona incaricata di creare e attuare protocolli efficaci per garantire la sicurezza e il benessere dei minori affidati al centro. Il testo comprende anche una sezione sull’uso sicuro e responsabile di Internet, nel tentativo di affrontare l’attuale importanza del cyberbullismo attraverso i social network.

LEGGI  Qualcomm collabora con Meta e Bose per essere la chiave del metaverso e del futuro dell'audio

Tutto ciò che resta da fare per porre fine al cyberbullismo

Diana Díaz, della Fundación ANAR, è ottimista riguardo alla lotta contro il cyberbullismo a scuola. Come responsabile delle consulenze per i minori a rischio, è consapevole della portata del problema. Le sue linee di assistenza sono gestite da una moltitudine di professionisti specializzati, sono gratuite e disponibili 24 ore al giorno. Inoltre, la fondazione organizza una serie di workshop di prevenzione.

Per questo esperto, la soluzione al cyberbullismo nelle scuole sta nell’educazione. Sostiene la necessità di lavorare non solo con la vittima, ma anche con il bullo. “È un minore, quindi abbiamo ancora tempo per rieducarlo”.

Sottolinea inoltre che è necessario “migliorare le competenze emotive di tutti i professionisti che lavorano con i bambini”. Dagli insegnanti ai pediatri. Oltre a promuovere “l’educazione di padri e madri per identificare i segnali di rischio quando esistono”. Secondo gli studi condotti dall’associazione, i bambini impiegano tra i 13 e i 15 mesi per verbalizzare di essere vittime di bullismo.

La formazione digitale è fondamentale in tutti i settori

Contro il cyberbullismo, tuttavia, è essenziale concentrare gli sforzi su un’educazione digitale completa e adeguata. Questo è un aspetto di cui ANAR è molto consapevole. “Dal momento in cui diamo un telefono a un bambino, non possiamo smettere di essere consapevoli del mondo digitale per sorvegliare, proteggere e accompagnare, ma mai spiare”.

In questo senso, Diana Díaz sottolinea che la tecnologia opera nei casi di bullismo in due modi. Da un lato, serve a “vedere modelli molto aggressivi che possono essere perpetuati dagli stessi adolescenti, pensando che siano normali”. D’altra parte, funziona come “un nuovo scenario per esercitare questa violenza, per minacciare, per ricattare”.

Per questo esperto, gran parte del problema è che i giovani stessi credono che utilizzando i social network siano immuni dalle conseguenze delle loro azioni.che “qualsiasi cosa facciano attraverso le reti o la tecnologia non ha ripercussioni”. Ma non è questo il caso.

Per questo motivo, è fondamentale educare sia i bambini che la loro cerchia familiare affinché siano consapevoli dei rischi che comporta un uso inappropriato della tecnologia. Díaz riassume bene il concetto: “I rischi, che possiamo vedere molto chiaramente quando lasciamo un bambino o un preadolescente da solo per strada, sono quelli che si possono trovare anche attraverso la tecnologia”. Un aspetto che non può essere ignorato nell’ambiente familiare e scolastico.

LEGGI  Le cuffie di Harry Potter e Xiaomi sono un vero spasso e ora sono profondamente scontate.

Una legislazione dispersiva che dimentica gli stessi vecchi

Nonostante la legge non contempli il cyberbullismo come un tipo specifico di bullismo, abbiamo parlato con Alberto José Ferrari, avvocato ricercatore dell’Università Complutense, per saperne di più sulle conseguenze di questo tipo di reato.

L’esperto afferma che, in effetti, la legge non copre tutti gli atti di cyberbullismo. Tuttavia, afferma, “questo non impedisce che si verifichi quanto segue la maggior parte di essi può essere punita attraverso altri reaticome i reati contro l’integrità morale, la coercizione o le minacce”.

Afferma inoltre che “il trattamento giuridico del cyberbullismo non si limita al diritto penale”. E che comporta anche una responsabilità civile, “che può essere richiesta al bullo (e ai suoi genitori, oltre che ai centri educativi) anche nei casi in cui il cyberbullismo non è considerato un reato”.

Nell’affrontare la responsabilità delle scuole, sebbene le scuole private e pubbliche siano regolate da codici diversi, sostiene che per essere ritenuti responsabili è necessario provare la negligenza. Qualcosa di più complicato, a suo avviso, nei casi di cyberbullismo. Infatti, “la scuola può essere ritenuta responsabile solo se si può dimostrare che i messaggi sono stati inviati dai cyberbulli dalla scuola stessa o che il cyberbullismo è una continuazione del bullismo ‘faccia a faccia’ commesso a scuola e per il quale non sono state adottate misure”.

“Per quanto riguarda la regolamentazione penale”, conclude, “non c’è davvero molto spazio per i miglioramenti”. Anche se sostiene la necessità di una maggiore formazione e di risorse per gli insegnanti.

Cyberbullismo

I social network sono i meno responsabili del cyberbullismo

Per quanto riguarda le piattaforme, Ferrari afferma che “sono obbligate a cancellare i commenti ingiuriosi pubblicati su di esse, con responsabilità civile nel caso in cui non lo facciano”. Una misura esigua per un gruppo di giganti tecnologici che hanno pochi controlli sull’età quanto si preoccupano della sicurezza e del benessere dei loro utenti.

Non si tratta più solo di cancellare commenti offensivi o minacciosi, una misura che richiede una denuncia preventiva e che non sempre viene applicata. Nei casi di cyberbullismo, i social network sono il mezzo attraverso il quale vengono perpetrati abusi e molestie.quindi la loro responsabilità dovrebbe essere molto maggiore.

Sembra che le leggi continuino a favorire i soliti noti a scapito degli anelli più deboli della catena. Bambini e adolescenti vulnerabili che sono quotidianamente esposti alle esigenze di un mondo virtuale spietato e che si trovano senza protezione contro la crudeltà e la mancanza di empatia di un ambiente spersonalizzato e inflessibile da cui non possono fuggire.

Se siete a conoscenza di un caso di bullismo e non sapete come comportarvi, chiamate 600 50 51 52. Il numero telefonico dell’ANAR è gratuito, anonimo e confidenziale e dispone di una linea per adulti e familiari. Vi indicheranno i passi da seguire.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *