La prima gara di F1 autonoma ci ha lasciato senza parole.

Corse di auto AI sono ora una realtà. Tuttavia, Max Verstappen, Lewis Hamilton, Fernando Alonso, Carlos Sainz o Checo Pérez possono stare tranquilli: la tecnologia è ben lontana dal metterli fuori gioco. Il fine settimana ha visto il lancio del Lega di corse autonome di Abu Dhabi (A2RL), una sorta di “F1 autonoma” che, come suggerisce il nome, vede contrapposte auto pilotate dall’intelligenza artificiale.

I risultati della prima gara con l’intelligenza artificiale sono stati più curiosi che spettacolari. A2RL è un progetto che mira a dimostrare che la competizione con veicoli non controllati dall’uomo non è poi così lontana. E anche se ci sono alcuni punti di forza, se c’è una cosa che è diventata chiara è che l’esecuzione di questa idea non è ancora una realtà. è ancora in fase embrionale.

Molti di noi hanno scoperto l’Abu Dhabi Autonomous Racing League quando il weekend di gara era già iniziato. E siamo rimasti a bocca aperta, anche se questo non è necessariamente un complimento. È vero che l’evento è stato utilizzato come una sorta di banco di prova tecnologico, ma è stato promosso come qualcosa di molto più grandioso di quanto non fosse in realtà.

La Abu Dhabi Autonomous Racing League, una sorta di F1 autonoma, ha disputato la sua prima gara di auto alimentate dall'intelligenza artificiale.
Credito fotografico A2RL

I test sul Circuito di Yas Marina, negli Emirati Arabi Uniti, sono stati pieni di momenti esilaranti. Dalle auto che percorrono il percorso a passo di lumaca, ad altre che si muovono in modo strano – come se non riuscissero a capire dove devono andare – o che si schiantano direttamente contro i muri di contenimento.

L’Autonomous F1 ha persino assistito a una scena piuttosto impressionante durante una gara di sorpasso. In questa gara, una delle auto pilotate dall’intelligenza artificiale si è resa conto di non avere la velocità o lo spazio per sorpassare un rivale alla fine del lungo rettilineo opposto, ma ha finito per , schiantandosi da dietro e facendo perdere a entrambi l’orientamento. È stato senza dubbio uno dei momenti più “emozionanti” dell’evento.

LEGGI  Un progetto innovativo per consentire alle persone in sedia a rotelle di trasportare i propri bagagli, vincitore del James Dyson Awards 2022.

La prima gara di auto con IA ha lasciato alcuni momenti molto curiosi.

Dopo i vari eventi preliminari, quattro auto hanno condiviso la pista nella gara AI vera e propria. La vittoria è andata al team tedesco TUMche è riuscito a tagliare il traguardo per primo dopo 8 giri piuttosto movimentati. Da notare che la gara è stata neutralizzata in regime di bandiera gialla dopo che la vettura di testa è andata in testacoda da sola.

La cosa curiosa è che le altre vetture hanno rallentato in pista, costringendole a rientrare ai box e a far ripartire la gara. Al termine della gara, un sorpasso ha permesso ai vincitori di prendere la bandiera a scacchi e di aggiudicarsi il premio. 2,25 milioni di dollari.

L’Abu Dhabi Autonomous Racing League (A2RL) ha avuto la sua prima edizione con otto squadre provenienti da tutto il mondo. Molte di esse erano composte da rappresentanti di università che hanno approfittato di questa gara di intelligenza artificiale per dimostrare le loro conoscenze e sfruttare la loro inventiva. I primi a partecipare sono stati questi:

  • Fly Eagle (Cina ed Emirati Arabi Uniti);
  • Code19 Racing (Stati Uniti);
  • Constructor University (Germania);
  • Kinettz (Singapore ed Emirati Arabi Uniti);
  • Humda Lab (Ungheria);
  • Polimove (Italia);
  • Unimore (Italia);
  • TUM (Germania).
La Abu Dhabi Autonomous Racing League, una sorta di F1 autonoma, ha disputato la sua prima gara per auto dotate di intelligenza artificiale.La Abu Dhabi Autonomous Racing League, una sorta di F1 autonoma, ha disputato la sua prima gara di auto alimentate dall'intelligenza artificiale.
TUM la squadra vincitrice Foto A2RL

Il primo passo verso una “F1 autonoma”?

Le auto che sono scese in pista in questa gara di “F1 autonoma” alimentata dall’intelligenza artificiale erano in realtà basate su, su auto giapponesi di Super Formula. Gli organizzatori hanno utilizzato un telaio Dallara appositamente preparato per includere le attrezzature necessarie per la guida autonoma, nonché un motore turbo a 4 cilindri in linea basato su un motore Honda da 2 litri.

LEGGI  L'intelligenza artificiale Midjourney ha disegnato una serie di fumetti e il suo lavoro è impressionante.

In termini di tecnologia, ciascuno di questi veicoli incorporava 7 telecamere Sony IMX728 per una copertura a 360 gradi, 4 radar ZF ProWave e 3 sensori LiDAR Seyond Falcon Kinetic FK1. A questo si è aggiunto il computer di bordo con cui i team lavorano per eseguire l’intelligenza artificiale al volante.

Con questa prima gara di intelligenza artificiale, la Abu Dhabi Autonomous Racing League (A2RL) ha dato il via a quello che aspira a diventare un evento più ampio. Il fatto che programmatori e ingegneri possano testare e dimostrare le capacità dei loro algoritmi è davvero interessante. Tuttavia, è ancora lontano dall’essere un evento emotivamente carico, che potrebbe piacere agli appassionati di corse automobilistiche.. Sarà interessante vedere cosa riserverà il futuro a questa iniziativa.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *