OpenAI rinvia l’arrivo del GPT Store, il suo negozio per le versioni personalizzate di ChatGPT

Uno dei rilasci più importanti che OpenAI ha fatto durante il DevDay è stato quello delle GPT, versioni personalizzate di ChatGPT che ogni utente può creare senza avere competenze di programmazione. Ancora più noto, tuttavia, è stato l’annuncio di un negozio online, il Negozio GPTche consentirebbe di condividerli – e di monetizzarli – in modo semplice. Tuttavia, la start-up ha deciso di rinviare la sua disponibilità.

Inizialmente OpenAI aveva detto che il GPT Store sarebbe stato disponibile entro la fine di novembre. Tuttavia, dicembre è passato e la piattaforma non ha mostrato alcun segno di vita. Come riportato da AxiosQuesto perché la società di Sam Altman ha deciso di di ritardare il suo arrivo fino all’inizio del 2024.

La notizia non è ancora stata confermata pubblicamente, ma OpenAI l’ha già comunicata internamente in un messaggio ai suoi dipendenti. Il motivo alla base di questa decisione sembra essere nient’altro che il recente caos seguito al licenziamento e alla successiva riassunzione di Altman e ai cambiamenti attuati nel consiglio di amministrazione.

“Sebbene sperassimo di lanciare questo mese [por noviembre], alcuni imprevisti ci hanno tenuti occupati! Nel frattempo, sono in arrivo altri fantastici aggiornamenti per ChatGPT”, ha dichiarato OpenAI. Gli utenti dovranno quindi aspettare fino al prossimo anno per poter usufruire del GPT Store. È vero che l’attesa non sarebbe irragionevolmente lunga, ma sarà interessante vedere se la startup metterà una data più specifica per il suo rilascio.

Il GPT Store di ChatGPT si farà attendere fino al 2024

Vale la pena notare che il lancio del GPT Store è stato ritardato, ma ciò non influisce sulla creazione di GPT. Ciò significa che l’opzione di creare facilmente versioni personalizzate di ChatGPT è ancora disponibile. Tuttavia, solo per gli abbonati a ChatGPT Plus.

LEGGI  Meta lancia Code Llama 70B, un modello open source per minacciare il GPT-4 nella programmazione

Ritardo nell’attivazione del GPT Store è un problema di praticitàpiù che altro di praticità. Non disponendo ancora del negozio online per pubblicare – o monetizzare – le loro versioni personalizzate di ChatGPT, gli utenti devono ancora condividerle utilizzando un link diretto. Un metodo piuttosto restrittivo, che limita notevolmente la portata di questi sviluppi.

Secondo l’annuncio, il GPT Store dividerà le varianti di ChatGPT in categorie. Inoltre, saranno implementate delle classifiche in base all’uso dei chatbot, al fine di evidenziare i chatbot più utilizzati o meglio valutati.

I GPT di OpenAI vengono presentati come uno strumento molto semplice, in quanto è possibile creare direttamente da una conversazione ChatGPT. Ma la vera attrattiva è che possono essere dotati di competenze specifiche o collegati ad applicazioni o servizi esterni – ad esempio un calendario – per fungere da veri e propri assistenti virtuali.

Un aspetto interessante dei GPT è che non potranno vedere le conversazioni di terzi. Ciò significa che se, ad esempio, un giorno accederete a una versione personalizzata di ChatGPT dal GPT Store, il suo creatore non potrà vedere le vostre chat con il bot AI.

Il GPT e il GPT Store sono state alcune delle decisioni prese da OpenAI negli ultimi tempi. alla ricerca di un profilo più commerciale. E, a quanto pare, hanno fatto parte del conflitto che ha portato al licenziamento di Sam Altman da parte del consiglio di amministrazione.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *