La guerra in Ucraina si sta trasformando in una lotta con i droni

Che i droni vengano utilizzati nella guerra ucraina non è una novità. Tuttavia, ci sono tutte le ragioni per credere che questi dispositivi diventerà ancora più cruciale per il futuro del conflitto.soprattutto perché l’avvicinarsi dell’inverno complica il quadro dei combattimenti sul terreno.

Sia la Russia che l’Ucraina stanno sfruttando i veicoli senza pilota per infliggere danni al nemico. Ma la parte ucraina sembra ottenere il massimo da loro. Tanto che, nel fine settimana, un attacco di droni acquatici alla flotta russa nel Mar Nero ha spinto Vladimir Putin a sospendere il suo coinvolgimento nell’accordo per consentire il passaggio delle navi cariche di grano ucraino.

Sebbene il Cremlino abbia fatto marcia indietro e abbia annunciato oggi il ritorno all’accordo, ciò non è avvenuto prima che gli ucraini garantissero che non avrebbero usato il corridoio protetto per lanciare ulteriori attacchi alla loro marina. Ciò che è certo è che I droni stanno ridefinendo il panorama bellico ucrainoe sarà cruciale nei prossimi mesi, considerando che il conflitto ha tutte le carte in regola per continuare all’infinito.

L’Ucraina si rivolge ai droni per contrastare la potenza di fuoco russa durante la guerra

Secondo gli Stati Uniti e l’Ucraina, la flotta russa del Mar Nero è fondamentale per Putin perché è responsabile degli attacchi con missili da crociera Kalibr. Naturalmente, le forze ucraine non hanno la stessa potenza di fuoco, ma hanno trovato nei droni una risposta più che efficace.

All’inizio di questa settimana, la stessa Ucraina Mykhailo FedorovIl ministro ucraino per la trasformazione digitale ha parlato dell’iniziativa di creare un “esercito di droni”, una delle principali priorità della sua area in piena guerra. Infatti, ha menzionato che ha acquistato 1.033 veicoli senza pilota.con un investimento del valore di 2 miliardi di grivna (poco più di 54 milioni di dollari).

LEGGI  Xiaomi svela la Smart Band 9: ecco le sue caratteristiche tecniche e le novità

Il funzionario ha assicurato che hanno già ricevuto il 70% dei droni acquistati e che riceveranno il resto entro la fine dell’anno. Inoltre, ha indicato che presto riceveranno modelli da ricognizione e da attacco come il FlyEye y Riscaldaredall’azienda polacca WB Group, e la Puma y Pinguino dalle aziende statunitensi AeroVironment e Edge Autonomy.

Ma l’Ucraina non sminuisce il valore dei droni nazionali, che sono stati anch’essi fondamentali nella guerra. “Oggi può essere difficile trovare grandi lotti di alcuni componenti per produrre 100 droni al mese. […] Per i produttori ucraini, tuttavia, i problemi attuali sono la pianificazione e il finanziamento.

Ma nelle ultime settimane abbiamo assistito a un’interazione tale tra il Ministero della Difesa e i produttori da far sperare che entro l’anno prossimo ci sarà un boom nella produzione di droni in Ucraina. Attualmente, il budget per l’acquisto di droni dai nostri produttori è aperto. Capiscono quanti contratti possono ottenere e per quanti soldi, e quasi tutti ottengono i fondi abbastanza velocemente”, ha spiegato Fedorov.

Veicoli senza pilota per un conflitto che non finirà tanto presto

Anche la Russia non è da meno quando si tratta di usare i droni nella guerra in Ucraina. Le truppe di Vladimir Putin si sono rivolte a droni senza pilota per Geran-2descritti come “droni suicidi” dalla stampa che ha seguito da vicino il conflitto. Tuttavia, le sanzioni internazionali stanno colpendo duramente le linee di produzione russe, lasciando Mosca dipendente da fornitori esterni. In realtà, i Geran-2 sarebbero in realtà degli Shahed 136 sviluppati dall’Iran.

Quando è iniziata la guerra in Ucraina, nessuno immaginava che i droni sarebbero diventati un equipaggiamento così importante per i belligeranti. In effetti, per le prime settimane l’analisi si è concentrata maggiormente sugli hacker e sulla lotta al terreno digitale. Ma è chiaro che il paesaggio è cambiatoe che i veicoli senza pilota hanno acquisito una rilevanza epocale. Non dimentichiamo che anche aziende come DJI hanno smesso di vendere i loro droni sul territorio russo e ucraino per evitare che venissero armati.

LEGGI  L'ultima novità di Xiaomi è una ciotola per cibo e acqua per i vostri animali domestici, che ci crediate o no.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *