James Webb cattura l’impressionante “scheletro” dei Pilastri della Creazione

Dalla loro prima fotografia nel 1995, i Pilastri della Creazione hanno continuato a stupire la comunità scientifica. Originariamente catturato da Hubble, James Webb ha deciso di lanciare la propria versione un paio di settimane fa. Ora il telescopio spaziale di nuova generazione ha catturato ancora una volta i Pilastri della Creazione, ma questa volta in modo straordinariamente dettagliatoe sia la NASA che l’ESA ci mostrano il risultato.

A 6.500 anni luce dalla Terra, le dita dei Pilastri della Creazione si estendono nello spazio all’interno della Nebulosa Aquila. Quest’area è nota per essere una zona di formazione stellare piuttosto attiva.e con la nuova immagine di James Webb possiamo vedere alcune delle stelle in crescita sotto la polvere e il gas che compongono questa interessante struttura.

Per catturare l’immagine, il James Webb ha utilizzato la sua telecamera MIRI e la NIRCam. Ognuno di essi, ovviamente, è dedicato alla cattura di dettagli diversi. Il primo è quello che permette di studiare in dettaglio le formazioni di gas e polvere che compongono la nebulosa. Il secondo raccoglie la luce del vicino infrarosso dalle stelle sotto i densi strati di materiale che disperdono la luce ad altre lunghezze d’onda.

Il James Webb ci permette di studiare i Pilastri della Creazione in una dimensione completamente diversa.

Combinando le immagini degli iconici Pilastri della Creazione riprese da due telecamere a bordo del Telescopio Spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA, l’Universo è stato inquadrato nella sua gloria a infrarossi. L’immagine di Webb nel vicino infrarosso è stata fusa con quella nel medio infrarosso, facendo brillare questa regione di formazione stellare con nuovi dettagli. Una miriade di stelle sono sparse per la scena. Le stelle si evidenziano principalmente nella luce del vicino infrarosso, segnando un contributo della NIRCam (Near-Infrared Camera) di Webb. La luce nel vicino infrarosso rivela anche migliaia di stelle di recente formazione: cercate le sfere arancioni luminose che si trovano appena fuori dai pilastri polverosi. Nella luce del medio infrarosso, la polvere è in piena evidenza. I contributi dello strumento per l’infrarosso medio (MIRI) di Webb sono più evidenti negli strati di polvere diffusa e arancione che drappeggiano la parte superiore dell’immagine, rilassandosi in una V. Le regioni più dense di polvere sono proiettate in tonalità indaco intenso, oscurando la nostra visione delle attività all’interno dei densi pilastri. La polvere costituisce anche i pilastri a forma di guglia che si estendono dal basso a sinistra all’alto a destra. Questo è uno dei motivi per cui la regione è piena di stelle: la polvere è un ingrediente fondamentale della formazione stellare. Quando nei pilastri si formano nodi di gas e polvere con una massa sufficiente, questi iniziano a collassare sotto la propria attrazione gravitazionale, si riscaldano lentamente e alla fine formano nuove stelle. Le stelle di nuova formazione sono particolarmente evidenti ai bordi dei due pilastri superiori: stanno praticamente esplodendo sulla scena. Sul bordo superiore del secondo pilastro, un dettaglio ondulato in rosso lascia intravedere altre stelle incastonate. Questi ultimi sono ancora più giovani e sono piuttosto attivi quando si formano. Le regioni di tipo lavico catturano le loro espulsioni periodiche. Quando le stelle si formano, inviano periodicamente getti supersonici che possono interagire all’interno di nubi di materiale, come questi densi pilastri di gas e polvere. Si stima che queste giovani stelle abbiano solo poche centinaia di migliaia di anni e continueranno a formarsi per milioni di anni. Quasi tutto ciò che si vede in questa scena è locale. L’universo lontano è in gran parte bloccato dalla nostra vista sia dal mezzo interstellare, che è costituito da gas e polvere scarsi situati tra le stelle, sia da una spessa corsia di polvere nella nostra galassia della Via Lattea. Di conseguenza, le stelle sono al centro della visione di Webb dei Pilastri della Creazione. I Pilastri della Creazione sono una piccola regione all’interno della vasta Nebulosa Aquila, distante 6.500 anni luce. Rivedere l’immagine di Webb nel vicino infrarosso e nell’infrarosso medio. I Pilastri della Creazione sono stati resi famosi dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nel 1995 e di nuovo nel 2014. MIRI è stato contribuito dall’ESA e dalla NASA, mentre lo strumento è stato progettato e costruito da un consorzio di istituti europei finanziati a livello nazionale (il Consorzio europeo MIRI) in collaborazione con il JPL e l’Università dell’Arizona. Il NIRCam di Webb è stato costruito da un team dell’Università dell’Arizona e dell’Advanced Technology Center di Lockheed Martin. [Image Description: Semi-opaque layers of blue, purple, and grey gas and dust start at the bottom left and rise toward the top right. There are three prominent pillars. The left pillar is the largest and widest. The background is orange near the top and dark blue and purple near the bottom. Some blue and white stars dot the overall scene.]

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars.jpg?fit=800%2C749&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars.jpg?fit=780%2C730&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”730″ alt=”Pilastri della Creazione osservati dalla fotocamera NIRCam e MIRI di James Webb – NASA/ESA/CSA” class=”wp-image-1704323 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars-1500×1404.jpg?resize=780%2C730&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1704323″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/12/james-webb-esqueleto-pilares-de-la-creacion/pillars_of_creation_nircam_and_miri_composite_image_pillars” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars.jpg?fit=2200%2C2059&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2200,2059″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“apertura”: “0”, “credito”: “Space Telescope Science Institute Office of Public Outreach”, “fotocamera”:””, “didascalia”: “Combinando le immagini degli iconici Pilastri della Creazione provenienti da due telecamere a bordo del Telescopio Spaziale James Webb della NASA, l’Universo è stato incorniciato nella sua gloria a infrarossi”. L’immagine di Webb nel vicino infrarosso è stata fusa con quella nel medio infrarosso, facendo brillare questa regione di formazione stellare con nuovi dettagli. Una miriade di stelle sono sparse per la scena. Le stelle si evidenziano principalmente nella luce del vicino infrarosso, segnando un contributo della NIRCam (Near-Infrared Camera) di Webb. La luce nel vicino infrarosso rivela anche migliaia di stelle di recente formazione \u2013 , cercate le sfere arancioni luminose che si trovano appena fuori dai pilastri polverosi. Nella luce del medio infrarosso, la polvere è in piena evidenza. I contributi dello strumento per l’infrarosso medio (MIRI) di Webb sono più evidenti negli strati di polvere diffusa e arancione che drappeggiano la parte superiore dell’immagine, rilassandosi in una V. Le regioni più dense di polvere sono proiettate in tonalità indaco intenso, oscurando la nostra visione delle attività all’interno dei densi pilastri. La polvere costituisce anche i pilastri a forma di guglia che si estendono dal basso a sinistra all’alto a destra. Questo è uno dei motivi per cui la regione trabocca di stelle ´´La polvere è un ingrediente fondamentale della formazione stellare. Quando nei pilastri si formano nodi di gas e polvere con una massa sufficiente, questi iniziano a collassare sotto la propria attrazione gravitazionale, si riscaldano lentamente e alla fine formano nuove stelle. Le stelle di nuova formazione sono particolarmente evidenti ai margini dei due pilastri superiori ´u2013 e stanno praticamente esplodendo sulla scena. Sul bordo superiore del secondo pilastro, un dettaglio ondulato in rosso lascia intravedere altre stelle incastonate. Questi ultimi sono ancora più giovani e sono piuttosto attivi quando si formano. Le regioni di tipo lavico catturano le loro espulsioni periodiche. Quando le stelle si formano, inviano periodicamente getti supersonici che possono interagire all’interno di nubi di materiale, come questi spessi pilastri di gas e polvere. Si stima che queste giovani stelle abbiano solo poche centinaia di migliaia di anni e continueranno a formarsi per milioni di anni. Quasi tutto ciò che si vede in questa scena è locale. L’universo lontano è in gran parte bloccato dalla nostra vista sia dal mezzo interstellare, che è costituito da gas e polvere scarsi situati tra le stelle, sia da una spessa corsia di polvere nella nostra galassia della Via Lattea. Di conseguenza, le stelle sono al centro della visione di Webb dei Pilastri della Creazione. I Pilastri della Creazione sono una piccola regione all’interno della vasta Nebulosa Aquila, distante 6.500 anni luce. Rivedere l’immagine di Webb nel vicino infrarosso e nell’infrarosso medio. I Pilastri della Creazione sono stati resi famosi dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nel 1995 e di nuovo nel 2014. MIRI è stato contribuito dall’ESA e dalla NASA, mentre lo strumento è stato progettato e costruito da un consorzio di istituti europei finanziati a livello nazionale (il Consorzio europeo MIRI) in collaborazione con il JPL e l’Università dell’Arizona. Il NIRCam di Webb è stato costruito da un team dell’Università dell’Arizona e dell’Advanced Technology Center di Lockheed Martin. [Image Description: Semi-opaque layers of blue, purple, and grey gas and dust start at the bottom left and rise toward the top right. There are three prominent pillars. The left pillar is the largest and widest. The background is orange near the top and dark blue and purple near the bottom. Some blue and white stars dot the overall scene.]”, “created_timestamp”: “0”, “copyright”: “Public”, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “1”}” data-image-title=”Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars” data-image-description=”” data-image-caption=””

Combinando le immagini degli iconici Pilastri della Creazione riprese da due telecamere a bordo del Telescopio Spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA, l’Universo è stato inquadrato nella sua gloria a infrarossi. L’immagine di Webb nel vicino infrarosso è stata fusa con quella nel medio infrarosso, facendo brillare questa regione di formazione stellare con nuovi dettagli. Una miriade di stelle sono sparse per la scena. Le stelle si evidenziano principalmente nella luce del vicino infrarosso, segnando un contributo della NIRCam (Near-Infrared Camera) di Webb. La luce nel vicino infrarosso rivela anche migliaia di stelle di recente formazione: cercate le sfere arancioni luminose che si trovano appena fuori dai pilastri polverosi. Nella luce del medio infrarosso, la polvere è in piena evidenza. I contributi dello strumento per l’infrarosso medio (MIRI) di Webb sono più evidenti negli strati di polvere diffusa e arancione che drappeggiano la parte superiore dell’immagine, rilassandosi in una V. Le regioni più dense di polvere sono proiettate in tonalità indaco intenso, oscurando la nostra visione delle attività all’interno dei densi pilastri. La polvere costituisce anche i pilastri a forma di guglia che si estendono dal basso a sinistra all’alto a destra. Questo è uno dei motivi per cui la regione è piena di stelle: la polvere è un ingrediente fondamentale della formazione stellare. Quando nei pilastri si formano nodi di gas e polvere con una massa sufficiente, questi iniziano a collassare sotto la propria attrazione gravitazionale, si riscaldano lentamente e alla fine formano nuove stelle. Le stelle di nuova formazione sono particolarmente evidenti ai bordi dei due pilastri superiori: stanno praticamente esplodendo sulla scena. Sul bordo superiore del secondo pilastro, un dettaglio ondulato in rosso lascia intravedere altre stelle incastonate. Questi ultimi sono ancora più giovani e sono piuttosto attivi quando si formano. Le regioni di tipo lavico catturano le loro espulsioni periodiche. Quando le stelle si formano, inviano periodicamente getti supersonici che possono interagire all’interno di nubi di materiale, come questi densi pilastri di gas e polvere. Si stima che queste giovani stelle abbiano solo poche centinaia di migliaia di anni e continueranno a formarsi per milioni di anni. Quasi tutto ciò che si vede in questa scena è locale. L’universo lontano è in gran parte bloccato dalla nostra vista sia dal mezzo interstellare, che è costituito da gas e polvere scarsi situati tra le stelle, sia da una spessa corsia di polvere nella nostra galassia della Via Lattea. Di conseguenza, le stelle sono al centro della visione di Webb dei Pilastri della Creazione. I Pilastri della Creazione sono una piccola regione all’interno della vasta Nebulosa Aquila, distante 6.500 anni luce. Rivedere l’immagine di Webb nel vicino infrarosso e nell’infrarosso medio. I Pilastri della Creazione sono stati resi famosi dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nel 1995 e di nuovo nel 2014. MIRI è stato contribuito dall’ESA e dalla NASA, mentre lo strumento è stato progettato e costruito da un consorzio di istituti europei finanziati a livello nazionale (il Consorzio europeo MIRI) in collaborazione con il JPL e l’Università dell’Arizona. Il NIRCam di Webb è stato costruito da un team dell’Università dell’Arizona e dell’Advanced Technology Center di Lockheed Martin. [Image Description: Semi-opaque layers of blue, purple, and grey gas and dust start at the bottom left and rise toward the top right. There are three prominent pillars. The left pillar is the largest and widest. The background is orange near the top and dark blue and purple near the bottom. Some blue and white stars dot the overall scene.]

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars.jpg?fit=800%2C749&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars.jpg?fit=780%2C730&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”730″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Pillars_of_Creation_NIRCam_and_MIRI_composite_image_pillars-1500×1404.jpg?resize=780%2C730&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Pillars of Creation observed by James Webb’s NIRCam and MIRI camera – NASA/ESA/CSA” class=”wp-image-1704323″ wp-element-caption”>I Pilastri della Creazione osservati dalla telecamera NIRCam e MIRI di James Webb – NASA/ESA/CSA

Grazie alle nuove immagini del James Webb, osservare nei minimi dettagli le migliaia di stelle che brulicano all’interno dei Pilastri della Creazione. Come ha fatto la fotocamera del telescopio a catturare così tanti dettagli a una distanza così grande?

A tal fine, il James Webb ha utilizzato i suoi strumenti NIRCam e MIRI.

La luce MIRI (Mid-Infrared Light) consente di ritrarre chiaramente le nubi dense di polvere e gas. che compongono la nebulosa. Lo fa rilevando la luce del medio infrarosso riflessa dalle particelle di polvere e gas nello spazio. Il James Webb raffigura le polveri più diffuse in arancione, mentre le aree più dense hanno toni indaco più profondi.

La NIRCam (Near-Infrared Camera) di James Webb cattura la luce infrarossa nello spettro vicino. In questo modo, può rilevare informazioni più sottili nascoste dietro la polvere di stelle, come la luce delle stelle che appare nell’immagine..

Un vivaio di stelle nel mezzo dello spazio

Il James Webb dimostra ancora una volta che la polvere è l’ingrediente principale dei pilastri. È particolarmente evidente in quella a forma di ago che si estende dalla parte inferiore sinistra a quella superiore destra.

Questo è il motivo per cui questa regione ha una formazione stellare così attiva, dato che La polvere è uno degli ingredienti principali nella formazione di nuove stelle.. Quando si formano nodi di gas e polvere, questi iniziano ad attrarsi l’un l’altro sotto la forza della loro stessa gravità. Mentre collassano e si comprimono, si riscaldano e alla fine diventano stelle.

L’area con il maggior numero di stelle giovani si trova in cima al secondo pilastro, dove è visibile un bagliore rossastro. Secondo le stime, questi corpi hanno solo poche centinaia di migliaia di anni.e la loro formazione si protrarrà per milioni di anni. James Webb sta solo mostrando come saranno le stelle e i sistemi solari del futuro tra miliardi di anni.

LEGGI  Microsoft collabora con OpenAI per integrare ChatGPT in Bing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *