isole dinamiche, la connettività satellitare e la crescente necessità di reinventarsi.

Per la prima volta in tre anni, Apple ha tenuto un conferenza stampa di persona all’interno dello Steve Jobs Theatre. Lo ha fatto in grande stile, invitando un nutrito gruppo di giornalisti e comunicatori da tutto il mondo – tra cui Ipertestuale– in modo da poter entrare in contatto con il loro nuovo iPhone 14, iPhone 14 Pro. Anche il suo nuovo smartwatch, il Apple Watch Ultra e il AirPods Pro 2la nuova versione di uno dei prodotti di maggior successo nella storia dell’azienda.

E se c’è una cosa che Apple riesce a fare in modo perfetto, è fare il proprio le loro proposte, anche se non sono necessariamente i primi ad arrivare, né i secondi, né i quarti. L’iPhone 14 Pro non è il primo smartphone con schermo perforato per evitare l’inserimento di una tacca. Non è nemmeno il primo con una risoluzione della fotocamera di 48 megapixel. Non è nemmeno il primo telefono con sempre accesoNon sono nemmeno i primi a realizzare uno smartwatch per lo sport e le situazioni estreme. E non sono certo i primi a offrire cuffie con cancellazione del rumore.

Ma sono l’unica azienda che, grazie a una profonda integrazione di hardware e software, offre tutto questo e altro ancora. Lo ottengono in modi e modi che nessun altro produttore potrebbe fare, a meno che non decida di seguire la strada dello sviluppo dei prodotti Apple.

Sì, dubito che una persona voglia aggiornare il proprio iPhone 13 all’iPhone 14 solo per il isola dinamicala proposta di integrare iOS 16 con perforazioni su schermo. O che il sensore di temperatura sia sufficiente a far scegliere a chi ha un Apple Watch Series 7 un Series 8. Ma è la costante evoluzione, l’imperativo di Apple di migliorare sempre ciò che era già considerato uno standard industriale, a renderla unica.

Chi ha un iPhone X, un iPhone Xs o un iPhone 11 vedrà un significativo valore aggiunto quando sceglierà di passare all’iPhone 14. Chi ha un Apple Watch Series 3 o Series 4 vedrà un enorme salto di qualità con il Series 8. Ma anche il resto del settore prenderà nota e cercherà di mettersi al passo con quanto Apple ha svelato durante l’evento di settembre.

L’iPhone 14 Pro, un salto in avanti rispetto alla continuità dell’iPhone 14

Il iPhone 14 Pro è un salto più grande di quanto mi aspettassi. Le fughe di notizie, se considerate singolarmente, non rendono giustizia al prodotto completo e a tutto ciò che Apple è riuscita a racchiudere in un dispositivo così piccolo e sottile. Una fotocamera significativamente migliore, un display che abbandona il taccae altre funzioni che sembrano quasi fantascientifiche, come la connessione satellitare per le emergenze, dimostrano che lo smartphone è semplicemente ineguagliabile.

LEGGI  La Mi Band 7 Pro di Xiaomi potrebbe arrivare presto in Europa

Continuano a battere il tavolo con progressi e miglioramenti nella loro divisione processori. L’A16 Bionic è più veloce che mai e non esagerano quando affermano di dominare in termini di prestazioni e velocità su tutta la concorrenza.

Ma il iPhone 14 contrasta con la sua continuità. Forse è tutto ciò che serve. Ma Apple ha scelto di mostrare le sue grandi innovazioni – in quasi tutta la sua linea di prodotti – con la linea professionale dei suoi prodotti. Sembra essere la nuova normalità all’interno di Apple.

L’Apple Watch Ultra sorprende, ma l’Apple Watch Series 8 si trova nella stessa situazione dell’iPhone 14.

Apple Watch Ultra

Anche l’Apple Watch Ultra sorprende. Rimango sorpreso dalla capacità di racchiudere così tanta tecnologia e innovazione in dispositivi piccoli come uno smartwatch. L’elenco delle nuove funzionalità del dispositivo è più lungo di quanto ci si possa aspettare.

Mi sembra inoltre che si tratti di un dispositivo destinato a un pubblico relativamente ristretto: persone che praticano un’attività fisica molto attiva. Così Apple entra in competizione con aziende come Garmin, che mantengono una presa piuttosto forte su questo mercato. Chi pensa che l’Apple Watch Ultra non sarà un successo di vendite in termini di prezzo, non deve far altro che guardare i prezzi dei suoi nuovi rivali.

Ma l’Apple Watch Series 8 si trova nella stessa situazione dell’iPhone 14. Il design, le caratteristiche e l’offerta rimangono gli stessi, con l’unica aggiunta di un nuovo sensore per misurare la temperatura. Le grandi novità, a quanto pare, saranno riservate ogni anno alla nuova linea. Ultra del dispositivo.

In entrambi i casi non si tratta necessariamente di una cattiva notizia. Ma sorge inevitabilmente la domanda: è davvero necessario cambiare versione di hardware ogni anno, se non ci sono miglioramenti significativi? Abbiamo davvero bisogno di una nuova versione di hardware ogni anno? serie nuovo ogni 365 giorni?

AirPods Pro 2: era ora

AirPods Pro 2

La linea di cuffie Apple è all’altezza della massima di non essere aggiornata ogni anno. Gli AirPods sono stati introdotti nel settembre 2016 e sono stati aggiornati solo tre volte. Gli AirPods Pro sono stati presentati il 30 ottobre 2019 ed è nel settembre 2022 che riceviamo il primo aggiornamento hardware.

Tre anni dopo abbiamo finalmente il tanto atteso aggiornamento del dispositivo. Più autonomia, più facilità di ritrovamento in caso di smarrimento, ma soprattutto una migliore qualità del suono grazie a nuovi componenti interni, ai gesti per alzare e abbassare il volume e a un sistema di cancellazione del rumore molto più efficiente.

Le AirPods Pro sono state, in questi tre anni, le migliori cuffie che ho avuto per l’uso quotidiano. Sono piccoli, comodi, con un buon suono e un’ottima cancellazione del rumore, considerando le dimensioni degli auricolari. Gli AirPods Pro 2 sono apparentemente migliorati sotto tutti gli aspetti. E i miei primi test durante il pratico dopo il conferenza stampa confermare questo.

LEGGI  La curiosa idea statunitense per evitare che l'acqua evapori a causa dell'ondata di calore

In un mondo post-pandemico, la posizione di Apple inizia a distaccarsi un po’ dalla realtà.

Se la presenza di giornalisti, comunicatori e sviluppatori durante il keynote della WWDC 2022 è stato un test pilota, la Evento Apple L’iPhone 14 è stato il ritorno trionfale dell’azienda in un mondo post-pandemia in cui il modo di guardare alla tecnologia non è più lo stesso.

Dietro a tutte quelle innovazioni che, per qualsiasi appassionato di tecnologia, è impossibile non entusiasmarsi, c’è una realtà ancora nascosta ma sempre più presente: non siamo più gli stessi di oggi.. Non vediamo più il nuovo iPhone con gli stessi occhi. Non siamo più così entusiasti. I dati di vendita dei prodotti tecnologici riflettono questa situazione. Le nostre priorità sono cambiate, come consumatori ma anche come comunicatori.

Durante questo viaggio, per la prima volta, ho avuto momenti di relativo disagio durante l’evento. Il messaggio positivo del conferenza stampa Il keynote su come l’Apple Watch può cambiare la vostra vita o su come l’iPhone 14 può salvarvi la vita è scomparso nel vortice dei giornalisti che dovevano scattare foto e video. Ci siamo trovati di fronte a una realtà complicata: ci sono pochi dispositivi per la fotografia o la registrazione video.

Ancora una volta, c’è una dissociazione tra ciò che accade all’interno di Apple Park e la realtà. Dopo una pandemia che ha colpito tutti, un po’ più di prodotti dimostrativi e più spazio per svolgere il nostro lavoro avrebbero aiutato molto. Inoltre, il team Apple non insiste più di tanto sulla necessità di terminare il nostro lavoro, ovvero di scattare foto e video. Dopo tutto, si tratta di una delle più grandi aziende del mondo, in uno dei campus più imponenti mai realizzati. C’è spazio per altri.

Inoltre, questa volta più che mai, ho sentito come il team di specialisti Apple che faceva le dimostrazioni nell’area. mani in pastaattivamente cercato di vendere le caratteristiche più superficiali dei prodotti che erano stati appena presentati. O forse è sempre stato così e sono io che sono cambiato.

Penso che Mela -Come praticamente tutte le multinazionali di oggi, si trova di fronte a un bivio, in cui dovrà rivalutare alcuni dei principi dei prossimi trenta o quarant’anni. Quel tono dissonante che a volte si avverte nella loro pubblicità o nel loro modo di comunicare i nuovi prodotti non c’era prima. Insisto, forse siamo noi.

Ma se Apple vuole mantenere la nostra attenzione e il nostro interesse, in questo mondo post-pandemico in cui viviamo, dovranno imparare a cambiare con noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.