Inaugurazione del supercomputer MareNostrum 5, uno dei più potenti al mondo, installato a Barcellona.

Dopo una lunga attesa e alcuni rinvii, è stato inaugurato il supercomputer europeo MareNostrum 5. L’apparecchiatura è una delle più potenti al mondo nel suo genere ed è installata sul Centro di supercalcolo di Barcellona – Centro Nacional de Supercomputación (BCS-CNS).

All’evento hanno partecipato Pedro SánchezPresidente del governo spagnolo, Pere Aragonèspresidente della Generalitat de Catalunya, e Mateo Valero, direttore della BCS-CNS. MareNostrum 5, la cui acquisizione è stata annunciata a metà 2019, doveva entrare in funzione alla fine del 2020, ma non si è concretizzata. Successivamente, l’obiettivo era di avviarlo nella seconda metà del 2022, ma anche questo non si è concretizzato.

Con l’inaugurazione di giovedì, il supercomputer è finalmente pronto per essere utilizzato nel settore della ricerca. MareNostrum 5 sarà reso disponibile per gli scienziati a partire dai primi giorni del 2024. Nel frattempo, tra il prossimo anno e il 2025, è prevista l’installazione di due computer quantistici.

MareNostrum 5 è qui

MareNostrum 5 si distingue per diversi motivi. In primo luogo, offre un salto di qualità nelle prestazioni rispetto al suo predecessore, MareNostrum 4. Il nuovo supercomputer è diviso in due partizioni principali: una general-purpose, l’altra accelerata per il lavoro sull’intelligenza artificiale. Combinate, raggiungono una potenza di calcolo di picco di 314 petaflop. Questo lo rende quasi 23 volte più potente rispetto al modello precedente.

L’apparecchiatura si è evoluta drasticamente anche in termini di spazio di archiviazione. Tra dischi rigidi e SSD, il MareNostrum 5 dispone di uno spazio di archiviazione netto pari a 248 petabyte (PB). Per contestualizzare, MareNostrum 4 aveva a disposizione 15 petabyte. Ma non è tutto, perché il Barcelona Supercomputing Center – Centro Nacional de Supercomputación ha spiegato che il nuovo supercomputer può aggiungere fino a 402 petabyte aggiuntivi grazie a una soluzione basata sulla datazione magnetica. Si tratta di un tipo di archiviazione notevolmente più lento, ma più efficiente dal punto di vista energetico, per l’archiviazione a lungo termine, cioè per la conservazione di materiali che non sono di uso quotidiano o di riferimento.

Un altro punto saliente dell’inaugurazione di MareNostrum 5 è il suo costo, che ha raggiunto 202,8 milioni di euro. Il 50% di questa cifra è stato finanziato dalla Commissione europea, mentre il resto è stato assorbito da Spagna, Turchia e Portogallo. L’investimento spagnolo è il secondo più grande, con 70 milioni di euro. Ciò si traduce nel 35,13%. I turchi e i portoghesi hanno contribuito con il restante 9,8% e 5% rispettivamente.

LEGGI  Un peluche che parla grazie al ChatGPT e con la voce di Grimes? Sì, esiste già

Le capacità del supercomputer

Foto: Centro di Supercalcolo di Barcellona – Centro Nacional de Supercomputación.

Il Centro di supercalcolo di Barcellona – Centro nazionale di supercalcolo ha offerto uno sguardo sulle principali caratteristiche tecniche del MareNostrum 5. Il partizione generale del supercomputer consiste in 6.408 nodi basati sulla piattaforma Sapphire Rapids di Intel e ciascuno include due processori Intel Xeon Platinum 8480+ a 56 core con una frequenza di clock di base di 2 GHz.

Ogni nodo dispone di 960 GB di storage NVMe e la maggior parte di essi implementa 256 GB di RAM (DDR5). Un lotto di 216 nodi incorpora 1 TB di memoria ciascuno. In termini di interfaccia di rete, ogni due nodi condividono una scheda NDR200, con una larghezza di banda di 100 Gb al secondo per nodo.

Ma la storia non finisce qui. La partizione general-purpose MareNostrum 5 incorpora un sottosistema di 72 nodi di memoria ad alta larghezza di banda. Questi sono basati sulla piattaforma Sapphire Rapids HBM di Intel e dispongono di 112 core per nodo, a una frequenza di 1,7 GHz, e 128 GB di memoria HBM. Questa sezione dell’apparecchiatura è in grado di fornire una larghezza di banda di trasferimento dati di 2 TB al secondo per nodo.

Inoltre, la partizione accelerata di MareNostrum 5 ha 1.120 nodi.che sfruttano anche la tecnologia Intel e integrano schede grafiche NVIDIA. Sono dotati di 2 processori Intel Xeon Platinum 8460Y+ con 32 core e una frequenza di clock di 2,3 GHz. Inoltre, ogni nodo dispone di 460 GB di storage NVMe, 512 GB di RAM (DDR5) e 4 GPU NVIDIA basate sull’architettura Hopper con 64 GB di memoria HBM2. Infine, sono state implementate 4 interfacce di rete NDR200, che offrono una larghezza di banda di 800 Gb al secondo per nodo.

LEGGI  Instagram sarà in grado di nascondere le raccomandazioni con parole specifiche

Come verrà suddiviso l’uso di MareNostrum 5

MareNostrum 5 è qui
Foto: Moncloa.

Naturalmente, con MareNostrum 5 già inaugurato, il tempo di utilizzo di questo supercomputer è molto apprezzato e ricercato. In effetti, il BCS-CNS ha confermato che il numero di ore disponibili non è sufficiente a soddisfare l’enorme richiesta dei ricercatori. Un dato grafico è che può essere utilizzato solo da 1 progetto su 3 che ha richiesto l’accesso all’apparecchiatura.

L’utilizzo di MareNostrum 5 sarà suddiviso in base alla percentuale di partecipazione dei collaboratori. Ciò significa che Spagna potrà richiedere il 35% delle ore disponibili.mentre Turchia e Portogallo avranno una disponibilità equivalente al loro investimento. Resta da vedere come verrà suddiviso il restante 50% del tempo, considerando il finanziamento concesso dalla Commissione Europea.

Oltre alla recente inaugurazione di MareNostrum 5, il Centro di Supercalcolo di Barcellona – Centro Nacional de Supercomputación sta già lavorando a MareNostrum 6la sua prossima iterazione. Tuttavia, una delle maggiori preoccupazioni degli esperti è la mancanza di una presenza europea nello sviluppo di chip ad alte prestazioni.

Mateo Valerodirettore del BCS-CNS, è stato categorico al riguardo, affermando: “I supercomputer non hanno chip progettati in Europa. È una situazione che deve cambiare e questo è il momento giusto”. Da parte sua, Pedro Sánchez non si è sottratto alla questione. “L’Europa può e deve raggiungere l’autonomia nella produzione di chip e questo centro è chiamato a svolgere un ruolo centrale e di primo piano nel nostro ecosistema di semiconduttori”, ha dichiarato il presidente spagnolo.

L’inaugurazione di MareNostrum 5 sembrerebbe essere l’incentivo ideale per l’Europa per affrontare con più forza il suo rientro nel mercato dei chip. La Spagna ha dimostrato di voler fare la sua parte. Tuttavia, come abbiamo commentato in ipertestuale in passato, gli incentivi del Legge europea sui chip potrebbe non essere sufficiente senza un piano chiaro.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *