Il vostro cellulare e la vostra Tesla si collegheranno a Starlink senza che voi facciate nulla.

T-Mobile, il vettore statunitense, ha annunciato un accordo con SpaceX per Starlink, il servizio Internet via satellite dell’azienda, ai clienti del vettore.. L’idea, descritta sia da Mike Sievert (CEO di T-Mobile) che da Elon Musk, è quella di fornire connettività in quelle regioni del Paese dove non c’è copertura a causa della mancanza di antenne terrestri per fornire il servizio.

Inizialmente, il servizio offrirà. una larghezza di banda compresa tra 2 e 4 Mbps. L’obiettivo è che, inizialmente, i clienti possano inviare SMS, MMS e persino utilizzare alcune applicazioni di messaggistica. L’unico requisito sarà una chiara visione del cielo per stabilire una connessione alla rete satellitare di Starlink.

L’azienda afferma che, una volta completato lo sviluppo, il servizio sarà disponibile in tutti gli Stati Uniti, nelle Hawaii, in alcune parti dell’Alaska, a Porto Rico e nelle acque territoriali. In linea di principio, non ci sarà alcun costo aggiuntivo per coloro che hanno uno dei piani più popolari dell’azienda.

Questo sistema si baserà sui satelliti Starlink V2.che sarà lanciato nel corso del prossimo anno e sarà in grado di trasmettere segnali direttamente ai telefoni cellulari, senza bisogno di accessori o di acquistare un nuovo telefono. In altre parole, forniranno servizi dallo spazio utilizzando le stesse frequenze e tecnologie impiegate nelle reti cellulari convenzionali, facilitando l’adozione da parte dei consumatori. La sperimentazione con i clienti di T-Mobile, come annunciato da entrambe le parti, inizierà alla fine del prossimo anno in regioni statunitensi selezionate.

LEGGI  prezzi molto bassi per meno
Tesla Model S Plaid

” data-image-caption=”

Credito: Tesla

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?fit=800%2C500&quality=50&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?fit=780%2C488&quality=50&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”488″ alt=”Tesla Model S Plaid” class=”wp-image-1335586 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1.jpg?resize=780%2C488&quality=50&strip=all&ssl=1″ 1335586″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2021/09/tesla-model-s-plaid-supera-al-porsche-taycan-turbo-en-el-circuito-de-nurburgring-y-marca-un-nuevo-record/model-s-plaid-1″ data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?fit=2560%2C1600&quality=50&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2560,1600″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””, “created_timestamp”: “0”, “copyright”: “0””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0””, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Tesla Model S Plaid” data-image-description=””

Tesla Model S Plaid

” data-image-caption=”

Credito: Tesla

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?fit=800%2C500&quality=50&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?fit=780%2C488&quality=50&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”488″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1.jpg?resize=780%2C488&quality=50&strip=all&ssl=1″ alt=”Tesla Model S Plaid” class=”wp-image-1335586″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?resize=1500%2C938&quality=50&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?resize=800%2C500&quality=50&strip=all&ssl=1 800w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2021/09/model-s-plaid-1-scaled.jpg?resize=768%2C480&quality=50&strip=all&ssl=1 768w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2

I piani di SpaceX, tuttavia, non si fermano all’accordo con T-Mobile. Elon Musk ha confermato su Twitter che, Quando i satelliti V2 di Starlink saranno operativi, saranno in grado di servire anche le auto Tesla.che attualmente utilizzano le reti dei vettori nazionali per funzioni quali lo stato del traffico in tempo reale, le mappe, le informazioni sul traffico, le informazioni sul traffico e le informazioni sul traffico. streaming di servizi multimediali o anche gli aggiornamenti di software.

Il magnate non ha fornito dettagli su quando e come funzionerebbe la futura connessione delle auto Tesla ai satelliti Starlink, ma il fatto che questa opzione non solo sia sul tavolo, ma venga perseguita, è certamente interessante.

Inizialmente, avrebbe senso che la connettività Tesla a Starlink coesistesse con la connettività di rete 4G.. Soprattutto per le prestazioni. Una rete 4G è in grado di fornire una larghezza di banda molto più elevata rispetto ai 2-4 Mbps promessi al momento dai nuovi satelliti di Starlink. Tuttavia, in situazioni in cui la rete 4G è inesistente, il servizio di SpaceX può essere di grande aiuto.

Il potenziale di Internet via satellite

Sia l’accordo di SpaceX con T-Mobile che la possibile connessione delle auto Tesla sono due esempi dei molteplici usi di un servizio Internet satellitare come Starlink. Si prevede che, in un futuro non troppo lontano, Starlink fornirà la connettività Internet anche sugli aerei. In effetti, la FCC, l’ente regolatore delle telecomunicazioni degli Stati Uniti, ha dato il via libera all’azienda di Elon Musk quest’estate.

Questi nuovi utenti si aggiungono a tutti i clienti che hanno sottoscritto il servizio domestico di Starlink, che richiede l’installazione di un’antenna parabolica, il pagamento di un canone mensile e il pagamento di un canone mensile. offre velocità pari alla fibra ottica o al 5G..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.