Ho provato il Samsung Galaxy Ring: è il wearable del futuro?

È sempre emozionante quando una nuova categoria di prodotti inizia a sfondare. Ed è proprio quello che sta accadendo ora con gli anelli intelligenti. Negli ultimi mesi abbiamo visto diverse aziende lanciare prodotti di questo tipo e inaugurare la categoria. Ma mancava un grande attore. Ed è proprio quello che ha fatto Samsung questo pomeriggio con il nuovo Galaxy Ring.

L’idea di questo anello intelligente è semplice: monitorare varie metriche relative alla salute in modo più invisibile.. Frequenza cardiaca, sonno, temperatura corporea, attività fisica di base… Sono parametri che finora sono stati monitorati con uno smartwatch. Tuttavia, molte persone non vogliono portare al polso un dispositivo di questo tipo. O almeno non costantemente. Ed è proprio qui che entra in gioco l’anello.

È importante notare, tuttavia, che l’Anello della Galassia – come gli altri anelli – è in grado solo di sostituire parzialmente uno smartwatch. Samsung ne è consapevole. E si impegna maggiormente per la coesistenza di entrambi i prodotti e persino per l’uso congiunto di entrambi.

Video di YouTube

Ad esempio: per il monitoraggio delle metriche di base quotidiane, l’anello è perfetto. Ma per monitoraggio per alcune attività sportive, come il nuoto o il ciclismo, o per metriche più complesse, dovrete optare per l’orologio Samsung. È necessario scegliere l’orologio Samsung, l’anello non emette suoni o vibrazioni. Inoltre, non ha display o LED di notifica. È un dispositivo passivo al 100%, a differenza dell’orologio, dal quale è possibile pagare, riprodurre musica, effettuare chiamate, ecc.

Se un orologio Samsung viene utilizzato contemporaneamente all’anello, i compiti vengono suddivisi tra i due, prolungando l’autonomia di entrambi i prodotti. Finora Samsung non ha fornito dettagli specifici su ciò che spetta al Galaxy Ring e ciò che spetta agli orologi in questa situazione.

Una buona analogia per finire di capire questo prodotto: se si cerca un’auto per viaggiare o divertirsi, si guarda a un SUV, a un’auto sportiva o a una berlina. Veicoli più capaci, con più tecnologia e un’esperienza migliore. Questo ruolo, nel caso del indossabiliè il compito dell’orologio. Il Galaxy Ring, invece, è l’equivalente di un veicolo utilitario progettato per spostarsi in città e soddisfare le esigenze quotidiane di base. Un veicolo più piccolo, più “invisibile”, che può fare meno cose, ma in modo efficace.

Per molte persone, possedere una city car è più che sufficiente per le loro abitudini di utilizzo. Per altri, invece, un veicolo più avanzato è fondamentale. Lo stesso varrà per indossabili. Molti troveranno negli anelli intelligenti un prodotto in grado di coprire ciò di cui hanno bisogno in modo più invisibile.. Mentre altri, come me, continueranno a preferire uno smartwatch per la sua maggiore capacità e versatilità.

Come funziona il Samsung Galaxy Ring?

Questa è forse la domanda più probabile per chi sta pensando di acquistarlo. Nei minuti in cui ho potuto testare il dispositivo, non mi è sembrato un prodotto scomodo da indossare, anche se per dirlo con certezza ci vorrà più tempo di quanto ne abbia avuto la possibilità finora.

Il Galaxy Ring è più spesso di un anello tradizionale. È anche più largo. Tuttavia, è abbastanza leggero, nonostante la presenza di circuiti all’interno.

Il materiale dell’involucro esterno è titanio di grado cinquecome spiegato dal marchio. È disponibile in tre colori (oro, argento e nero), può resistere a immersioni in acqua fino a 10 ATM e ha una forma leggermente concava per evitare graffi o danni da impatto. La durata, infatti, è una delle grandi incognite di questo tipo di prodotto. Gli anelli, a causa della loro posizione, sono molto esposti. Sebbene sia chiaro che Samsung ne abbia tenuto conto nella progettazione del Galaxy Ring, il corretto invecchiamento di questo prodotto deve ancora essere convalidato.

LEGGI  Si tratta di Voice Engine, la nuova AI di OpenAI che clona la vostra voce semplicemente ascoltandovi una volta.
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *