il treno che ha levitato a 500 chilometri all’ora

Alcuni ricorderanno il nome Hyperloop. Era, o è, un modo di trasporto che prometteva, o promette, l’alta velocità. Viaggiare su lunghe distanze in un tempo molto breve. La particolarità di questa tecnologia consisteva nell’impiego di gallerie che fungevano da tubi a vuoto. All’interno, la carrozza in cui viaggiavano i passeggeri galleggiava nell’aria grazie al levitazione magnetica. L’idea è nata nel 2012 ed è stata una delle prime apparizioni mediatiche di Elon Musk. Nel corso degli anni, Hyperloop è caduto nella oblio mediatico. Anche se è ancora attiva nelle mani di diversi team di ingegneri, molti dei quali spagnoli. E se parliamo di levitazione magnetica, non dobbiamo dimenticare la primi passi in questo campo con il progetto Transrapid.

Sebbene l’Hyperloop sia il più moderno rappresentante dell’idea di treni ad alta velocità basati sulla levitazione magnetica o maglev in inglese, Transrapid è stato il precursore. Gli ingegneri tedeschi sono stati i primi a intuire la possibilità del viaggiare in treno a velocità estremamente elevate senza che il veicolo toccasse il suolo. Questo galleggiamento permetteva di superare le velocità dei treni convenzionali, poiché l’attrito era praticamente nullo. Poi è arrivato ingegneri cinesi e giapponesi di unirsi in una gara per vedere chi fosse in grado di realizzare il treno maglev più veloce. E hanno ottenuto un grande successo.

Ma cosa ne è stato del Progetto Transrapid? Diamo un breve sguardo alla sua nascita nel lontano 1960, alla sua evoluzione nel corso degli anni sotto forma di vari prototipi. Daremo anche un’occhiata a cosa ne è stato di loro e lo stato attuale di questo emblema della levitazione magnetica. Se riusciamo a scoprire cosa è oggi il Transrapid.

Treni che volano, letteralmente

Credito: Jusco / Wikipedia

Transrapido deriva dal latino e significa trasporto rapido. Utilizza la levitazione magnetica, Siemens y ThyssenKrupp voleva rivoluzionare il trasporto su strada creando una nuova tecnologia in grado di muoversi ad alta velocità in tempi brevissimi. Per rendere possibile tutto ciò, nel rispetto dei vincoli fisici, si sarebbero affidati alla levitazione magnetica, che avrebbe permesso di spostarsi ad alta velocità in tempi brevissimi. il treno avrebbe levitato invece di muoversi lungo i binari.. In questo modo sarebbe stato possibile raggiungere velocità mai viste prima. O almeno questo era il piano di queste due storiche aziende, che sono ancora protagoniste del settore trasporto ferroviario.

Il primo prototipo iniziò lo sviluppo nel 1969 e fu pronto nel 1970. L’azienda tedesca KraussMaffei. Il primo Transrapid era basato su un brevetto del 1934 dell’ingegnere Hermann Kemper di Nortrup, nel nord-ovest della Germania. Il brevetto consisteva in un sistema ferroviario con veicoli a sospensione senza ruote, guidati da campi magnetici. Da questa idea teorica è nato un piccolo veicolo che è stato testato all’interno di una struttura in cui sono stati assemblati 6 metri di rotaie. Se non sono state apportate modifiche, questo Transrapid 01 è esposto nella sezione Deutsche Musem a Monaco di Baviera.

La produzione del secondo prototipo sarebbe stata presto avviata. E, lungo il percorso, un prototipo intermedio prodotto da MBB (Messerschmitt-Bölkow-Blohm). Entrambi furono introdotti nel 1971. L’ultimo, soprannominato Transrapid 02, poteva trasportare passeggeri. Il suo design era più aerodinamico rispetto alle forme più ruvide del primo modello, in linea con i tempi. Il Transrapid 02 fu testato su una pista lunga oltre 900 metri con una curva. E fu mostrato al pubblico al Esposizione di Parigi nell’estate del 1973. Questo secondo Transrapid era in grado di raggiungere i 164 chilometri orari. Se nulla è cambiato, è presso lo stabilimento KraussMaffei di Monaco.

LEGGI  Il modo migliore per scaricare tutti i video che volete dal vostro PC o telefono è Snaptube.

I prototipi del Transrapid

Uno dei primi prototipi Transrapid
Credito: Maglev.net

Il terzo Transrapid abbandonò l’idea della levitazione magnetica e optò per una propulsione ad aria compressa sullo stile del hovercraft. Questo Transrapid 03 entrò in produzione nell’estate del 1972, ma fu interrotto nel 1973 perché il suo potente motore generava troppo rumore e consumava troppo carburante.. Un passo indietro nella ricerca di un treno ad alta velocità. È interessante notare che progetti simili sono stati tentati in Francia e negli Stati Uniti, con la stessa sorte.

Il Transrapid 04 tornerà all’ovile della levitazione magnetica. Grazie all’implementazione del sospensione elettrodinamicaEDS (Electrodynamic Suspension). Si tratta di una nuova tecnologia che sostituisce le sospensioni elettromagnetiche (EMS) e che è stata successivamente incorporata nei treni maglev ad alta velocità del Giappone. Questo quarto modello, anch’esso prodotto da KraussMaffeiha raggiunto velocità di 253 chilometri all’ora nel 1977. Utilizzando il sistema EDS, i treni giapponesi SCMaglev hanno raggiunto una velocità di 603 chilometri orari nel 2015.

Il Transrapid 05 è stato installato nel 1979 all’Esposizione Internazionale dei Trasporti di Amburgo, in Germania, in una mostra che ha visto la partecipazione di un gran numero di visitatori. Rotaie lunghe 903 metri. In occasione dell’esposizione, 55.000 persone hanno potuto viaggiare a bordo di questo treno innovativo dal design futuristico, che raggiungeva una velocità di 75 chilometri all’ora. Il Transrapid 06 del 1983, invece, raggiungeva velocità di 412 chilometri all’ora. All’epoca era stato superato solo dal treno maglev giapponese ML-500R con i suoi 517 chilometri orari. Questo record ha reso plausibile la creazione di una rete di treni Transrapid in Germania, sotto forma di un gigantesco otto. Partendo dal percorso Amburgo – Hannover. Il Bundestag tedesco lo approvò e lo mise a bilancio, ma non fu mai realizzato. Una parte del prototipo finì in un museo di Bonn. L’altra parte fu rimossa e immagazzinata dopo essere stata danneggiata da atti di vandalismo.

Record di raccolta e qualche polemica

Transrapid 05 nel 1979
Credito: MPW57 / Wikipedia

Negli anni ’80 il progetto Transrapid continua. Il Transrapid 07 raggiunge una velocità di 500 chilometri all’ora. Installato a Emsland, in Germania, è stata costruita una linea di prova con una sola stazione. Il tracciato, inaugurato nel 1984 e abbandonato nel 2012, aveva un percorso di oltre 31 chilometri. Oltre ai test, si è cercato di trovare uno sbocco commerciale per l’invenzione, che è stata persino esposta all’Esposizione Internazionale dei Trasporti di Amburgo nel 1988.

Ci sarebbe voluto un decennio prima di vedere un nuovo modello. Il Transrapid 08 è stato presentato nel 1999 e ha raggiunto velocità di 500 chilometri all’ora. Non solo. In 98 secondi ha raggiunto la velocità di 300 km/h. E la velocità massima era possibile dopo 266 secondi. Fino ad allora, la concorrenza proveniva principalmente dal Giappone. Ma alla fine del XX secolo la Cina cominciava a emergere come potenza mondiale. Tuttavia, non sembrava in grado di tenere testa ai suoi concorrenti asiatici. Fino al 2006, quando si verificò un incidente.

LEGGI  Cosa pensa l'intelligenza artificiale del Natale?

Il 22 settembre 2006, un Transrapid si è scontrato a 170 km/h con un veicolo per la manutenzione.. Fortunatamente, si trattava di un circuito di prova. A Lathen, in Germania. Anche se si trattava del primo incidente che il Transrapid aveva dovuto affrontare nei suoi molti anni di vita, i mezzi di comunicazione hanno ripreso la notizia del 23 vittimee numerose persone rimasero ferite. Tutto fa pensare a un errore umano, ma è stato un duro colpo per il progetto. Un mese prima, in Cina, un Transrapid sulla linea di Shanghai si è schiantato contro il muro di Berlino. prese fuoco prima di arrivare in stazione. Stazione di Longyang. Non sono stati segnalati feriti e i passeggeri sono stati evacuati in tempo. Un’indagine successiva ha concluso che l’incendio è stato provocato da una batteria difettosa.

La fine del Transrapid, per il momento

Transrapid 09 sul sito Kemper
Credito: Maximilian Zahn

Ad oggi, il Transrapid 09 è stato l’ultimo prototipo di treno ad alta velocità a levitazione magnetica del suo genere. Annunciato nel 2007, era l’ultimo esempio di un progetto durato diversi decenni. Nel 2011, il Emsland sono stati chiusi, ponendo così fine al progetto di Treni maglev tedeschi. Questo nono prototipo è stato utilizzato per mostrare al mondo la storia del progetto durante le mostre. E se non è stato spostato, è rimasto nel Le strutture di Kemper a Nortrup, in Germania. Il motivo è che la famiglia Kemper ha acquistato questo treno dopo la chiusura di Emsland.

Da allora, di questo nome iconico, Transrapid, non si è più sentito parlare, se non per ricordare la sua storia e le sue caratteristiche. salvare i suoi prototipi dall’oblioora sparsi per la Germania in vari musei e sedi espositive. Tuttavia, la tecnologia della levitazione magnetica viene ancora utilizzata per progettare e produrre treni ad alta velocità. in paesi come la Cina e il Giappone. La Germania ha abbandonato la competizione per il treno più veloce, così come la Francia con il suo Aérotrain. Quest’ultimo è stato battuto dal più economico TGV.

E anche se non ne ho parlato prima, nel corso degli anni sono stati venduti diversi modelli di Transrapid a Cina e a Australia. Ci sono state anche trattative per inviare i treni Transrapid a Iran, Svizzera y Stati Uniti. Per non parlare della proposta tedesca sotto forma di otto, che non fu mai realizzata nonostante avesse un budget e tutto il resto. C’è stata anche una proposta di di installare due linee ferroviarie magnetiche a Santa Cruz de Tenerife.nelle Isole Canarie. Ma questi progetti sono stati ritardati nel tempo e ne sappiamo poco o nulla.

Una tecnologia che avanza nell’innovazione

Video YouTube

Oggi, se sentiamo parlare di treni maglev ad alta velocitàè grazie alla spinta della Cina. Il gigante asiatico continua a scommettere sull’innovazione. E grazie ai suoi ingenti investimenti in vari settori, le università cinesi di diverse città possono permettersi programmi e progetti relativi all’alta velocità basati sulla levitazione magnetica. Nel 2021, per esempio, è stato annunciato un prototipo in grado di raggiungere velocità di fino a 620 chilometri all’ora. In questa occasione ha utilizzato una tecnologia basata sulla levitazione magnetica nota come superconduzione ad alta temperatura o HTS (superconduttore ad alta temperatura) in inglese.

La grande domanda è perché, dopo tanti anni, non godiamo di questi treni nelle nostre città o per collegare un paese all’altro. Le eccezioni sono rappresentate dalla Cina, dove è possibile salire a bordo di un treni come quello di Shanghaiche levita a 460 km/h, o il CR400 da 350 km/h che viaggia da Pechino a Hong Kong e da Pechino a Harbin. In Europa stanno trionfando il TGV francese o l’AVE spagnolo. Anche il Giappone e la Corea del Sud hanno i loro treni ad alta velocità su rotaia.

Se i maglev rappresentano un’eccezione e sono ancora confinati nel campo della ricerca, è per diversi motivi. L’ostacolo principale è che la loro implementazione comporterebbe un’operazione di un enorme investimento di denaro. Non nel treno in sé, ma nel treno stesso. soprattutto sulle rotaie. I treni convenzionali ad alta velocità, invece, coesistono con i treni ordinari. che viaggiano sugli stessi binari. Forse in futuro questa tecnologia sarà più economica e accessibile. Ma avremo sempre l’eredità del Transrapid.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *