L’intelligenza artificiale si unisce alla lotta contro il traffico di animali

Solo in Australia, 127 specie di rettili vengono rapite dai loro habitat naturali per far parte di una vasta rete di traffico di animali. Cosa fare? Nonostante sia uno dei più grandi crimini commessi su scala globale, le autorità australiane spesso non sanno come, quando e dove avviene. Ora, il l’intelligenza artificiale viene in soccorso di queste specie.

Una pubblicazione di La conversazione ci fa intravedere un tentativo di fermare queste pratiche scorrette. Vanessa Pirotta, ricercatrice post-dottorato e scienziata della fauna selvatica presso la Macquarie University, e Justin O’Brien, responsabile della scienza della conservazione presso la Taronga Conservation Society in Australia, sono i responsabili di questo studio. Entrambi i ricercatori si sono proposti di scoprire come utilizzare l’intelligenza artificiale a loro vantaggio. Oggi sembra che abbiano trovato un modo.

Il segreto sta nelle forme delle specie animali. Questa intelligenza artificiale riconosce la struttura corporea di questi esseri attraverso la scansione dei bagagli.. Tale procedura può essere eseguita negli aeroporti internazionali e persino nei centri di spedizione.

Come funziona questa intelligenza artificiale in grado di riconoscere il traffico di animali.

La foto è stata concessa in licenza per l’uso singolo concordato da HEATHROW AIRPORTS LIMITED (HAL).
Foto © HAL – Fototeca di Heathrow
**L’IMMAGINE NON PUÒ ESSERE DISTRIBUITA O PUBBLICATA SENZA PREVIA APPROVAZIONE**.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ alt=”Intelligenza artificiale in grado di rilevare il traffico di animali” class=”wp-image-1434031 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1434031″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/10/inteligencia-artificial-trafico-especies-animales/trafico-animal-ia” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?fit=2560%2C1706&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2560,1706″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“apertura”: “4”, “credito”: “Heathrow Photo Library”, “fotocamera”: “Canon EOS-1D C”, “didascalia”: “La foto è stata concessa in licenza per l’uso singolo concordato da HEATHROW AIRPORTS LIMITED (HAL).\La foto non può essere distribuita o pubblicata senza previa approvazione**”, “created_timestamp”: “1635774659”, “copyright”: “La foto è stata concessa in licenza per l’uso singolo concordato da HEATHROW AIRPORTS LIMITED (HAL).\HAL – Heathrow Photo Library NON PUO’ ESSERE DISTRIBUITA O PUBBLICATA SENZA APPROVAZIONE PRIMA**”, “lunghezza focale”: “70”, “iso”: “640”, “velocità otturatore”: “0”.008″, “title”:””, “orientation”: “1”}” data-image-title=”Animal-trafficking-IA” data-image-description=”” data-image-caption=””

La foto è stata concessa in licenza per l’uso singolo concordato da HEATHROW AIRPORTS LIMITED (HAL).
Foto © HAL – Fototeca di Heathrow
**L’IMMAGINE NON PUÒ ESSERE DISTRIBUITA O PUBBLICATA SENZA PREVIA APPROVAZIONE**.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Intelligenza artificiale in grado di rilevare il traffico di animali” class=”wp-image-1434031″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?resize=1500%2C1000&quality=60&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?resize=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1 800w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Trafico-animal-IA.jpg?resize=768%2C512&quality=60&strip=all&ssl=1 768w, https://i0.wp.com/imgs.hipertex

Fototeca di Heathrow

Quando diciamo che questo è un problema serio in Australia, è perché è su una scala inimmaginabile. Alcune persone hanno persino tentato di trafficare gli animali nelle confezioni di biscotti.. È il caso di un uomo malese, che ha ricevuto una condanna a 2 anni e 4 mesi senza condizionale.

È una delle tante ragioni che hanno portato allo sviluppo di questa IA. Tenendo presente questo aspetto, I ricercatori hanno deciso di creare una “fototeca del traffico animale”.. In questo modo, possono utilizzare algoritmi di “tomografia in tempo reale” e tecnologie all’avanguardia per individuare gli animali oggetto di traffico illegale.

Che cos’è la tomografia in tempo reale? Si tratta di una tecnica di imaging che utilizza un processo a raggi X. Con esso consente di scansionare gli animali per creare immagini tridimensionali di essi.. In questo modo, vengono generati algoritmi in grado di rilevare la loro forma e, successivamente, è possibile scansionare oggetti chiusi come bagagli o pacchi. Se l’intelligenza artificiale trova una corrispondenza tra la forma dell’animale e un oggetto all’interno del bagaglio, avvisa gli operatori.

Il nostro studio ha analizzato le specie note di animali australiani vittime di traffico per creare una libreria di immagini di riferimento. Per sviluppare gli algoritmi iniziali sulla fauna selvatica sono state utilizzate 294 scansioni di 13 specie di lucertole, uccelli e pesci, con un tasso di rilevamento dell’82% e un tasso di falsi allarmi di solo l’1,6%.

Vanessa Pirotta e Justin O’Brien per The Conversation

Da parte loro, gli autori dello studio riferiscono che “questa ricerca è il primo a documentare l’uso della tecnologia di scansione di sicurezza a raggi X 3D per la protezione della fauna selvatica”.. Inoltre, è anche il primo a riportare i risultati ottenuti nell’individuazione di rettili, uccelli e pesci in tali scansioni.

L’immenso sforzo per arrestare l’erosione della biodiversità mondiale.

Immagine tratta da The Conversation

Con lo strumento di rilevamento, si spera di poter integrare le misure esistenti della Forza di frontiera australiana. In questo modo, gli addetti alla biosicurezza e i cani da rilevamento possono anche incorporare una nuova tecnologia, che sarà fondamentale nella lotta ai crimini contro la fauna selvatica..

Se tutto va bene, questa IA potrebbe essere implementata in altre regioni la cui fauna selvatica è minacciata dal traffico illegale. Tra questi vi sono paesi come il Kenya, il Vietnam e la Malesia, che presentano alcuni dei più alti tassi di prelievo di specie endemiche.

LEGGI  L'intelligenza artificiale di Intel a caccia di deepfakes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *