il social network dimenticato che esisteva ancor prima di internet

Internet ha cambiato il mondo in soli tre decenni. Ma prima che qualsiasi computer al mondo con una connessione potesse accedere a tutto ciò che il web aveva da offrire, esistevano sistemi chiusi che, dopo essere stati implementati in grandi aziende collegandosi alle stesse macchine o agli stessi server, iniziavano a dare le prime avvisaglie del potenziale comunicativo che la rete delle reti avrebbe avuto anni dopo. Il più grande esponente di queste comunità chiuse, che finirono per essere molto aperte, fu quella promossa da CompuServe.

CompuServe ha aperto i battenti nel 1969 sotto l’ombrello della Golden United Life Insurance of Ohio. L’obiettivo era quello di fornire un condivisione del tempo alle aziende. Questo è: le aziende più grandi hanno stipulato un contratto con i server per supportare le loro connessioni locali.Si trattava di servizi molto costosi per l’epoca, e ciò che si voleva ottenere con la condivisione del tempo era la condivisione delle ore eccedenti contrattuali con terzi quando non venivano utilizzate. Vale a dire, in orario extralavorativo: al pubblico privato.

L’idea di offrire un servizio simile ai consumatori sembrava un po’ azzardata nel 1979, quando i personal computer erano ancora appannaggio di pochi. Tuttavia, ha funzionato. L’avvento di dispositivi come il TRS-80 Model 100 di Radio Shack, un primo computer molto elementare ma accessibile, ha contribuito.

Questi primi PC erano a malapena macchine da scrivere con una connessione, e CompuServe iniziò a utilizzare una tecnologia chiamata “videotext”. che consentiva l’invio di testi tramite il telefono. Questo, a sua volta, ha permesso di fornire informazioni, come le ultime notizie. È nato un precedente per i giornali online.

LEGGI  il futuro dell'energia eolica?

Nei primi anni di vita, CompuServe attirava solo circa 1.000 utenti dalle vicinanze degli uffici della casa madre.. L’anno successivo è stata acquisita da H&R Block, Inc. che ha fornito il supporto finanziario per favorire la rapida crescita della rete.

Attraverso il videotesto, CompuServe permetteva agli utenti di accedere a un’ampia gamma di informazioni da casa propria. Gli utenti potevano accedere a database che offrivano notizie aggiornate, acquistare biglietti per concerti, leggere le previsioni del tempo, i risultati sportivi e le quotazioni azionarie. Tuttavia, il tasso di utilizzo di molti di questi servizi è stato inizialmente inferiore alle aspettative dell’azienda, in quanto si è rivelato difficile modificare il comportamento dei consumatori; molti preferivano semplicemente utilizzare il telefono o altri canali convenzionali per acquistare beni e servizi, una pratica comune all’epoca.

La prima data “e-mail” e i primi forum.

Il logo di CompuServe

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?fit=700%2C490&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?fit=700%2C490&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” alt=”” class=”wp-image-1442509 perfmatters-lazy” width=”341″ height=”238″ data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?resize=341%2C238&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-/>

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?fit=700%2C490&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?fit=700%2C490&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/11/compuserve-vector.jpeg?resize=341%2C238&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”” class=”wp-image-1442509″ width=”341″ height=”238″ data-recalc-dims=”1″/>

Il logo di CompuServe

CompuServe è stata anche la prima volta che qualcuno ha scritto la parola e-mail.contrazione di “posta elettronica”. Gli utenti di CompuServe si abbonavano al servizio e potevano pagare per ogni ora di connessione o per ogni testo inviato, il che ha portato all’avvento del termine.

Con il tempo sono nati forum e bacheche. All’inizio degli anni ’90, CompuServe divenne famoso per i suoi oltre 450 forum di supporto tecnico; tutti i principali sviluppatori di software e produttori di computer, come IBM, Microsoft e 3Com Corporation, iniziarono a ospitare le proprie bacheche per condividere informazioni e rispondere alle domande dei propri utenti. Lo stesso ha fatto Apple, con Steve Wozniak che ha risposto personalmente alle domande degli utenti.

Nel corso del tempo, CompuServe ha fatto di queste comunità uniche la sua gamba di marketing. Hanno pubblicato annunci su riviste come quella che vedete qui sotto che sostengono che “Ieri sera” si sono riuniti su CompuServe tutti gli appassionati di musica classica e gli utenti Apple.

Inoltre, ha creato una sorta di Netflix delle notizie dell’epoca, che ora viene recuperato dopo l’avvento dei paywall per molti giornali. Nel 1982, almeno 10 grandi giornali offrivano edizioni online attraverso CompuServe, tra cui il Washington Post, il Los Angeles Times e il San Francisco Examiner.

Questo video mostra come funzionava questo sistema di notizie nei primi anni Ottanta:

Video di YouTube

Inizio 1981, I dirigenti di CompuServe si vantavano di avere 10.000 abbonati.. A metà degli anni ’90, gli abbonati erano milioni e il servizio consumer rappresentava più della metà dei ricavi della società madre.

Ma, ovviamente, sappiamo tutti come è andata a finire la storia.

Dall’acquisto da parte di AOL alla diluizione con l’avvento di Internet.

CompuServe iniziò ad affrontare una concorrenza sempre più agguerrita a causa della diminuzione del costo dei server. Tuttavia, si è ancora aggrappata alle sue tariffe orarie. E, naturalmente, l’arrivo di Internet è stato il chiodo finale sulla sua bara.

Il suo servizio online per i consumatori è stato infine venduto ad AOL, che lo ha abbandonato poco dopo. Oggi il suo sito web è ancora aperto come aggregatore di notizie sui media per Yahoo! che a sua volta ha acquisito AOL nel 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *