Il Rabbit R1 è probabilmente il gadget più innovativo e accattivante del CES 2024.

Rabbit, una startup di intelligenza artificiale, ha sviluppato un dispositivo che, secondo Jesse Lyu, il suo creatore, non è stato progettato per sostituire gli smartphone, anche se in alcuni casi potrebbe farlo. Si chiama Rabbit R1ed è una sorta di assistente guidato da modelli linguistici simile a ChatGPT che gli utenti saranno in grado di fare molto di più che interagire con un assistente virtuale. Ricorda molto l’AI Pin di Humane.

Rabbit R1 si distingue per molti aspetti, tra cui il prezzo. La startup ha confermato che il dispositivo costerà 200 dollari, un prezzo considerevole considerando tutte le sue capacità. Esteticamente, Rabbit R1 è grande la metà di un iPhone e ha un design minimalista. In particolare, presenta un schermo da 2,88 pollici. Include anche un camera rotante per scattare selfie o foto e video, così come una rotella di scorrimento che funge anche da pulsante per navigare nell’interfaccia o utilizzare la procedura guidata integrata.

La particolarità del Rabbit R1, tuttavia, è il suo software. È dotato di Rabbit OSun sistema operativo sviluppato in proprio e basato su quello che l’azienda definisce “un modello di azione di grandi dimensioni”. Non dispone di applicazioni in quanto tali, ma funziona come un controller universale di applicazioni. In altre parole, con Rabbit OS gli utenti potranno accedere ad alcuni servizi delle loro applicazioni preferite, senza la necessità di accedervi direttamente o di effettuare il login.. Ad esempio, possono ordinare la consegna di cibo, fare acquisti, ascoltare musica, effettuare prenotazioni, acquistare biglietti, inviare messaggi e altro ancora.

Tutto questo può essere fatto tramite il pulsante fisico o tramite comandi vocali, come se stessimo parlando con Siri o Alexa. Sullo schermo vengono inoltre visualizzate le informazioni relative a queste azioni sotto forma di widget o schede.

LEGGI  Gli Stati Uniti intimano a NVIDIA di interrompere la vendita di chip di intelligenza artificiale alla Cina

L’intelligenza artificiale di Rabbit R1 è in grado di utilizzare le app per voi

Rabbit, invece, non utilizza alcuna API aperta agli sviluppatori di terze parti, che possono adattare le loro applicazioni al dispositivo o al sistema operativo. Si avvale invece del suo modello di azione. L’intelligenza artificiale di Rabbit R1 è in grado di utilizzare da sola diverse applicazioni..

In effetti, il modello linguistico citato è stato addestrato da persone reali che utilizzano piattaforme come Uber o Spotify, che hanno insegnato all’IA il loro funzionamento.

L’IA funziona anche come modello linguistico dedicato. In altre parole, l’utente può insegnare al Rabbit R1 come fare qualcosa in un’applicazione.come ad esempio ha spiegato Lyu “Direte: ‘Ehi, prima di tutto, andate su un software chiamato Photoshop. Aprilo. Seleziona queste foto. Fai un cerchio nella filigrana e clicca, clicca, clicca. È così che si rimuove la filigrana””. Il modello imparerà le azioni in un periodo di tempo di 30 secondi.

Il Rabbit R1 sarà presto in vendita. Per il momento, gli utenti che desiderano acquistarlo possono farlo dal sito web dell’azienda. Il dispositivo, lo ribadiamo, ha un prezzo di $199.

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *