Il mistero dei tech leaks: tra spionaggio indesiderato e pubblicità gratuita

Il tecnologia trapelamolto più prolifiche degli annunci ufficiali, riflettono la vertigine di un settore che vive con un piede nel presente e l’altro nel futuro. Come dice il proverbio, “un pulsante è una prova sufficiente”. La serie Samsung Galaxy S24 è stata presentata solo poche settimane fa, eppure le voci sul Galaxy S25 circolano già nei corridoi del settore mobile. Il fughe di notizie si ripetono quotidianamente, interessando diversi settori e aziende. Nel bene e nel male.

All’esterno, i produttori esprimono il loro disappunto. In alcuni casi, il disappunto è genuino. È nello spirito di tenere per sé le informazioni sugli sviluppi, rivelandole quando lo ritengono opportuno. Ma alcune aziende alimentano il fuoco delle fughe di notizie, facendolo divampare in segreto. A che scopo? È pubblicità gratuita. E allettante.

Quanto è vero che il principali divulgatori di fughe di notizie sulla tecnologia ricevono dati riservati dalle aziende stesse? A questo punto, va detto che in questo mondo ce n’è per tutti i gusti. Ci sono esperti del settore, figure enigmatiche, programmatori che mettono a nudo il codice interno e analisti spocchiosi. Ci sono anche sviste e sospetti. Quella che segue è una radiografia di questo misterioso universo.

Le personalità e le fonti più importanti delle fughe di tecnologia

fughe di notizie sulla tecnologia
Fughe di tecnologia a volte sono gli stessi produttori ad aprire le falle per far trapelare le informazioni Credit UnsplashDmitry Ratushny

Un paio di precisazioni semantiche prima di proseguire. In inglese, le fughe di notizie sono note come “leaks”.fughe di notizie“. Come in spagnolo, il termine si riferisce a perdite e/o gocciolamenti. È interessante riflettere su queste immagini, in cui qualche elemento fuoriesce dal luogo in cui dovrebbe essere contenuto.. Come abbiamo sottolineato, nell’industria tecnologica coloro che aprono le crepe provengono da contesti diversi. Non agiscono tutti allo stesso modo o con gli stessi strumenti.

LEGGI  Il Surface Pro 10 e il Surface Laptop 6 di Microsoft faranno un enorme passo in avanti

I seguenti sono i figure di spicco nel mondo delle fughe di notizie sulla tecnologia. L’elenco è vario.

EvLeaks, il re abdicato

Evan Blass noto online come EvLeaks Credit X

Quest’uomo è stato il grande riferimento nel campo del trickle-down tecnologico. Nascosto nell’account Twitter @evleaksPer molti anni la sua identità è stata un mistero. Ora sappiamo che il suo vero nome è Evan Blass. Il sussurratore di celebrità di origine americana si è guadagnato l’attenzione del settore, svelando segreti dal 2011. Le sue rivelazioni – solitamente incentrate sul settore della telefonia mobile – sono decollate quando nel 2012 ha anticipato informazioni precise su due modelli Nokia, i Lumia 820 e 920. Quasi tutte le aziende del settore sono state sue “vittime”.

Come raccontato da BBCBlass soffre di sclerosi multipla e ha una mobilità ridotta. È stata in parte questa malattia a costringerlo ad abbandonare i suoi precedenti lavori d’ufficio e a trascorrere gran parte della giornata confinato a casa, davanti al computer.

L’uomo che sta dietro @evleaks non ha mai rivelato le sue fonti, anche se è noto che ha avuto stretti contatti con gli informatori delle aziende stesse.. Nel 2014 ha annunciato il suo ritiro. “Tutte le cose belle finiscono”, ha scritto su Twitter. Tuttavia, di tanto in tanto torna nell’arena con una rivelazione. Una delle più recenti è una computer trasparente che verrà lanciato dal marchio Lenovo.

OnLeaks, il nuovo fiore all’occhiello delle fughe di notizie tecnologiche

Immagine del profilo di OnLeaks Credit X

Questo leaker ormai famoso è uno di quelli che hanno raccolto il guanto di sfida di Evan Blass. Nella sua biografia su X (Twitter) si vanta di avere un 96,7% di efficienza nelle sue informazioniun tasso difficile da verificare con precisione. Inoltre, il perdite che divulga sono ormai famose e alimentano le sezioni dei media specializzati in tecnologia. Inoltre, il suo lavoro si distingue per la generazione di progetti concettuali basati su informazioni circolanti, sia voci che brevetti ufficiali.

In un tweet pubblicato sull’account @Slashleaksche gestisce, sostiene che delle oltre 10.000 fughe di notizie tecnologiche da lui pubblicate, 7.349 sono state confermate. “Questo è il luogo definitivo per scoprire, condividere, monitorare, valutare e parlare di fughe di notizieTutte le fughe di notizie in un unico posto!” si legge nella descrizione del progetto di questo whistleblower, il cui vero nome è Steve Hemmerstoffer.

I leaker con la cambusa: Mark Gurman, Ross Young e Ming-Chi Kuo

fughe di notizie sulla tecnologiafughe di notizie sulla tecnologia
Mark Gurman Credito X

Il trio che ci convoca in questa sezione gode, almeno in prima approssimazione, di una maggiore reputazione rispetto a Blass e Hemmerstoffer. Ciò è dovuto, forse, alla provenienza dei dati che diffondono e al pubblico a cui si rivolgono. Ci riferiamo a loro – e anche a loro piace così – come “analisti” del settore.. Come se fossero ai margini delle fughe di notizie che, alla fine, si occupano di diffondere nelle reti e nei media specializzati.

Gurman era un giornalista del sito 9to5Mac e attualmente fa parte del team di Bloomberg. La vostra newsletter è ben nota Accensioneuna fonte imperdibile per chi è interessato a scoprire le novità di Apple, prima che l’azienda di Cupertino confermi ufficialmente i suoi annunci. Secondo i dati raccolti fino al 2022, il tasso di accuratezza di questo specialista si aggira intorno all’85%. Questo elenco può essere consultato qui.

fughe di notizie sulla tecnologiafughe di notizie sulla tecnologia
Ross Young Credit DSCC

Da parte sua, Giovane è il fondatore e CEO di Display Supply Chain Consultants (DSCC). DSCC è un’azienda globale esperta di supply chain per prodotti basati su display. Grazie ai suoi stretti contatti in questo settore, i dati di questo analista sono importanti per anticipare i piani dei produttori, in particolare quelli coinvolti nel settore mobile. Il suo tasso di successo è di solito superiore a quello di Gurman, il che la dice lunga. Questo la dice lunga.

Il nome di Ming-Chi Kuo è ben noto anche ai fan di Apple. Nei media viene spesso descritto come un “fan di Apple”.insider“Questa terminologia si riferisce a coloro che conoscono a fondo un settore specifico. I rapporti stretti con i rappresentanti dell’azienda aprono la porta a informazioni privilegiate. Quest’uomo è un analista della società di servizi finanziari TF International Securities. Le sue previsioni non solo appagano la sete di chi vuole sapere quali saranno i miglioramenti del prossimo iPhone. Servono anche come bussola per gli investitori. Comunque sia, il suo curriculum ha alcuni successi e alcuni insuccessi, come quando ha assicurato che l’azienda di Cupertino avrebbe lanciato un dock di ricarica chiamato AirPower, che non è mai stato lanciato.

Matt Navarra e Jane Manchun Wong: quando la perdita deriva dal codice

perdite di tecnologiafughe di notizie sulla tecnologia
Jane Manchun Wong Credito X

Non sempre le fughe di notizie tecnologiche provengono da dati rubati o sono rivelate da informatori nella catena di fornitura. A volte, gemme” possono essere trovate nel codice delle applicazioni.in particolare quando si parla di software.

Questo è il terreno in cui Navarra y Wong che, ognuno a modo suo, cercano nelle viscere dei programmi di trovare caratteristiche che non sono state rilasciate ufficialmente.

fughe di notizie sulla tecnologiafughe di notizie sulla tecnologia
Matt Navarrra Credit mattnavaracom

Analisti, consulenti, o come volete chiamarli. Si muovono nel regno del ingegneria inversa. In pratica, si dedicano a controllare le viscere del software. I loro obiettivi principali sono i social network, tra cui Facebook, TikTok e Instagram.

Nel codice è frequente trovare riferimenti a opzioni che vengono testate internamente, anche prima del rilascio. Fino a che punto si spingono le loro informazioni? Ancora una volta, un pulsante serve da esempio. Wong è stato etichettato come la principale nemesi di Facebook (Meta). I suoi fatti sono così accurati che lei stessa ha dichiarato di non essere un’impiegata dell’azienda.

Il “lato beta” delle fughe di notizie sulla tecnologia

Nel campo della softwareC’è un’altra strada legata alle fughe di notizie, anche se in questo caso è stata accettata dagli sviluppatori. Il riferimento è al versioni di prova del software, note come versioni “beta”.. In breve, sono piattaforme per testare le funzioni prima della distribuzione generale.

WABetaInfo è un riferimento in questo settore specifico. Si tratta di una pubblicazione specializzata nell’ispezione delle versioni di prova di WhatsApp, che le rivela prima di Meta, il proprietario del messenger. Non c’è magia nel loro lavoro, né spionaggio. Al contrario, operano attraverso la revisione di tali modifiche.

La dualità delle aziende di fronte alle fughe di notizie: dispiacere e piacere subdolo

Le fughe di notizie sulla tecnologia nascono talvolta da brevetti depositati dai produttori Credit Unsplash

Le vie che portano alle fughe di notizie tecnologiche sono molte di più di quelle sopra elencate. Sapevate che alcune fughe di notizie da brevetti depositati dalle aziende? I documenti che i produttori presentano agli organismi competenti sono ideali per spiare il futuro dell’industria. Per esempio, l’anno scorso in ipertestuale abbiamo parlato dei bozzetti del Galaxy Ring, molto prima che Samsung presentasse in anteprima il suo anello intelligente alla recente presentazione del Galaxy S24.

Un’altra falla interessante e necessaria da menzionare è quella aperta intenzionalmente dagli stessi produttori. Sì, quelli che, dalla loro bocca, si lamentano delle azioni dei leaker e minacciano di far loro causa. Un caso emblematico si è verificato nel 2010, quando un dipendente Apple ha dimenticato un’unità di iPhone 4 in un caffè in California, prima dell’annuncio ufficiale. Semplice dimenticanza o strategia di marketing?

A prescindere dalla risposta a questa domanda – Apple è nota per la sua segretezza e la sua severità nel divulgare dati riservati – situazioni come questa si sono ripetute in questo settore. È a dir poco suggestivo. Abbandonare un dispositivo tecnologico che non è ancora stato presentato è una strada sicura per la campagna pubblicitaria più economica del mercato..

Il già citato Evan Blass, che era il re delle fughe di notizie tecnologiche, ha già detto. “Le aziende si dichiarano sempre insoddisfatte della perditema questo non è vero“, ha commentato, prima di ammettere infine: “Più di uno e più di due mi hanno dato materiale da far trapelare”.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *